Repubblica Centrafricana: i vescovi cristiani condannano costantemente i guerriglieri che si definiscono ‘ cristiani’

I media laici, che trasmettono notizie dalla Repubblica Centrafricana (CAR), dipingono un quadro sconfortante di spargimento di sangue interreligioso. Come parti in conflitto, rappresentano due gruppi religiosi: i militanti musulmani Selek, il cui colpo di stato nel 2013 ha provocato uno scoppio di violenza e le milizie cristiane “Anti-Balak”, che ora stanno combattendo contro di loro. Musulmani e cristiani appaiono come parti ugualmente colpevoli nei tragici eventi degli ultimi mesi.

Ma questa immagine è vera? È possibile chiamare il gruppo “anti-Balak” cristiano? I cristiani della CAR sono d’accordo con le loro azioni?

Gruppi cristiani?
Nel novembre 2012, il gruppo armato islamista Seleka ha organizzato una rivolta contro il governo della Repubblica Centrafricana. A marzo 2013, avevano preso il potere, sono iniziate rapine di massa e saccheggi, violenze sfrenate, attacchi armati e uccisioni di civili che non professavano l’Islam. Testimoni oculari raccontano storie strazianti di violenze crudeli e uccisioni di massa. Dopo diversi mesi di tali pogrom, i non-musulmani formarono gruppi di miliziani anti-Balak (“anti-machete”) per difendersi. A poco a poco, i militanti di Seleka iniziarono a ritirarsi e il loro capo si dimise da presidente. Ora l’Anti-Balak compie numerosi attacchi di rappresaglia e pogrom.

Molte chiese cattoliche nel paese offrono asilo a musulmani e cristiani che sono ugualmente in fuga dalla violenza. In particolare, nella diocesi di Bangassou, circa 140 miglia a est di Alindao, diverse chiese e istituzioni cattoliche hanno accettato musulmani sfollati, che stanno affrontando la violenza anti-Balaka.

Non è necessario mettere a tacere il fatto che molti miliziani anti-Balak affermano di essere cristiani e agiscono per conto dei cristiani della Repubblica Centrafricana. Ma nel contesto dell’Africa centrale, questa affermazione è ingannevole. Oltre alle principali comunità evangeliche e cattoliche nelle CAR, ci sono numerosi cosiddetti cristiani etnici che sono così chiamati solo perché appartengono alla loro tribù, così come i cristiani nominali che frequentano la chiesa e allo stesso tempo praticano l’occultismo, l’animismo e le religioni tradizionali africane. Queste persone possono essere chiamate solo pseudo-cristiani.

C’è motivo di sospettare che i distaccamenti Anti-Balak siano formati principalmente da queste persone. Molti di loro indossano amuleti e talismani, che credono li proteggano dai proiettili. Questo suggerisce che sono impegnati nel feticismo piuttosto che in Cristo. La maggior parte dei loro attacchi sono contro i musulmani, ma anche i cristiani ne soffrono sofferenze e insulti. Sono guidati da motivazioni più politiche che motivazioni religiose, come notano i pastori nelle CAR. Alcuni gruppi dichiarano apertamente di non essere militanti cristiani.

Risposta cristiana
La prova più convincente che l’Anti-Balak si autodefinisce solo Cristiano è un’opinione completamente diversa dei principali sacerdoti e vescovi cristiani nella RCA. Essi prendono le distanze costantemente dal gruppo di Anti-Balak, affermando che non può essere chiamato cristiano e che non riceve alcun sostegno dalle chiese locali. Al contrario le istituzioni cristiane condannano apertamente la violenza che ha travolto il paese, e invitano i cristiani a perdonare e costruire la pace.

Queste parole sono supportate da azioni pratiche. Migliaia di musulmani minacciati da Anti-Balak trovano protezione tra le mura delle chiese cristiane. Mentre le persone che dichiarano il loro impegno nei confronti del gruppo Anti-Balak sono escluse dalle chiese.

La chiesa nella RCA porta una potente testimonianza della grazia e dell’amore di Cristo in condizioni di intensa pressione, disperazione e sofferenza. Non c’è bisogno di metterla alla pari con i ribelli, i cui crimini suggeriscono che sono solo chiamati “cristiani”.

La Repubblica Centrafricana, la cui popolazione è dominata dai cristiani, è in preda alle violenze dal 2013, quando il gruppo armato islamista Seleka ha rovesciato il governo. Nonostante l’accordo di cessate il fuoco, le comunità cristiane oggi sono ancora sotto attacco. Continua una feroce lotta tra il gruppo islamista Séléka e la milizia anti-balak, che erroneamente si definisce cristiana, nonostante il fatto che le proprie azioni siano costantemente condannate dai ministri della chiesa.

fondazione Barnaba

JOIN THE DISCUSSION

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.