Quotidiano kuwaitiano: “Israele e gli Stati Uniti stanno preparando un’operazione militare su larga scala in Siria”

Gli Stati Uniti e Israele intendono infliggere massicci attacchi aerei contro obiettivi iraniani in Siria. Lo riferisce l’11 marzo il quotidiano kuwaitiano Al-Jarida, riferendosi a sua volta a fonti statunitensi.

Oggi, con il ritorno del primo ministro Benjamin Netanyahu nel paese, sono stati organizzati incontri per decidere sulla questione di un grande attacco militare mirato alla presenza iraniana in Siria. Le fonti hanno detto che l’incontro aperto, che potrebbe protrarsi fino a giovedì, discuterà della visita di Netanyahu a Washington e del contenuto dei suoi colloqui con il presidente Donald Trump sull’Iran. Il numero del quotidiano “Al-Jarida” pubblicato ieri, citando fonti negli Stati Uniti, ha riferito che Washington e Tel Aviv sono vicini al lancio di attacchi in Siria che potrebbero essere congiunti, prendendo di mira un regime limitato del presidente Bashar al-Assad e la maggiore presenza iraniana in Siria
(Aliarida).

Il quotidiano kuwaitiano riferisce inoltre che l’intelligence militare AMAN ha fornito a Washington una mappa dettagliata delle strutture militari iraniane in Siria.

Il piano include operazioni contro la presenza iraniana in Siria, Libano e Iraq. Esso individua obiettivi specifici per gli attacchi in Siria e in tutto l’asse filo-iraniano tra Teheran, Baghdad, Damasco e Beirut, che romperà la sua stringa di connessione.

Infine, secondo le informazioni del portale, se il Libano di Hezbollah tenta di impedire l’operazione militare, sarà anch’esso preso di mira.

Prendete la notizia così com’è: ho messo sia nel titolo che nel corpo del messaggio la fonte, è un giornale kuwaitiano. Con citazione esatta di quanto riportato. Spero che la deterrenza russa possa allontanare questa eventualità. Ma credo che quello descritto sia uno degli scenari plausibili.

vedi anche: Trump’s Announced Strategy for Occupying Syria