Quanto più gli USA ingaggiano guerra al terrore, quanti più terroristi essi producono

Non c’è dubbio che la strategia americana in Medio Oriente sia stata incredibilmente costosa, e il popolo americano non ama la guerra, ma non c’è forza di opposizione, dice il senatore repubblicano Virginia State, Richard Black.

Il  costo complessivo  stimato delle guerre statunitensi tra il 2001 e il 2018 è di circa 23.386 dollari per ogni contribuente americano, che è più di tre volte l’importo (7.740 dollari) calcolato dal Pentagono,  secondo  un’analisi del progetto di costo della guerra dell’università Brown.

È stato stimato che entro la fine di quest’anno gli Stati Uniti avranno  speso  complessivamente $ 5,6 trilioni sulle guerre in Afghanistan, Iraq e Siria.

Il costo sembra aumentare con la pianificazione della NATO per spendere sempre più soldi in Afghanistan.

READ MORE: NATO states to agree to send more troops to Afghanistan – Stoltenberg

RT ha parlato con il repubblicano Virginia State Senator Richard Black per discutere di questi ultimi risultati.

“Non c’è dubbio che stiamo spendendo una immensa somma di denaro per le guerre in Medio Oriente. La vera questione è che spendiamo $ 23,000 per contribuente, ecco quello che abbiamo già speso. Ci saranno costi futuri. Stiamo spostando più truppe in Afghanistan. Non c’è dubbio che alla fine avremo perso quella guerra, è solo una questione quando decidiamo di uscire. E il fatto è che combatti queste guerre. Penso che la vera questione è: stiamo aumentando il terrorismo? “  Ha dichiarato Black RT.

(…)

Secondo il senatore della Virginia, gli Stati Uniti hanno iniziato tutta l’azione attaccando la Libia, che era  “un paese neutrale e non belligerante”  e  “il più prospero di tutti i paesi dell’Africa settentrionale”  prima degli Stati Uniti  “li ha bombardati totalmente nell’oblio …”

Secondo Black, il problema è che gli Stati Uniti hanno ora due partiti di guerra.

“Il Partito Repubblicano è un partito di guerra e il Partito Democratico è sempre stato un partito di guerra. Il popolo americano non ama la guerra, ma non c’è forza di opposizione contro la guerra “,  ha detto.

“È interessante che il segretario dell’esercito  Ryan McCarthy ha  dichiarato:” Dobbiamo davvero fare tutto quello che stiamo facendo nel mondo? ” Ha parlato dello stress dei soldati dove sono impegnati, e ha detto che abbiamo migliaia di truppe dislocate in 140 paesi. Disse: “Quanto è rilevante per la sicurezza nazionale?” E direi che una gran parte di essa, forse la metà, forse due terzi, non è affatto rilevante per la sicurezza nazionale “, ha  sottolineato Black.

“Ogni volta che iniettiamo le forze americane in un paese straniero, come stiamo facendo in molti paesi africani oggi, agisce come un punto in cui i terroristi si riuniscano. Sono in grado di seguire la gente e dire: “Guarda, siamo occupati da un esercito straniero”. Nessun paese vuole essere occupato da un esercito straniero. E quindi è un enorme strumento di reclutamento. Francamente, credo che se usciamo  e lasciamo che alcuni di questi paesi gestiscano i loro propri affari,  potremmo inviare loro un supporto militare. Ma teniamo fuori le truppe americane; fermare tutti gli attacchi con i drone e tutti i bombardamenti. Perché penso che siano molto controproducenti. Penso che costruiscano una cattiva immagine americana in tutto il mondo, “ha  affermato Black.

tutto l’articolo qui: FONTE

Source link

Related

JOIN THE DISCUSSION

Comments

  • Quanto più gli USA ingaggiano guerra al terrore, quanti più terroristi essi producono 15 novembre 2017 at 08:17

    […] via VietatoParlare […]