Quali considerazioni sulla liberazione di Aleppo un anno fa? Parla un testimone oculare.

Di Jan Oberg – TFF

Il 12 dicembre 2017, segna l’anniversario della liberazione – l’Occidente la chiama caduta – di Aleppo in Siria. Quello che è successo oggi è opportunisticamente dimenticato  dall’Occidente. Ma alcuni di noi non possono e non vogliono dimenticare che cosa sia stata la storia mondiale, regionale e locale.

[Ciò che è successo ad Aleppo] è importante per la Siria, per l’Occidente e per il futuro ordine mondiale – per almeno 5 ragioni:

1. Il racconto ingannevole dei media mainstream occidentali – costruito, ignorante o entrambi – dal 2011 è stato sfatato.

Prospettive che i media e i responsabili politici hanno deliberatamente omesso (ricorda che le omissioni hanno più incisività delle notizie false):

• Storia e ruolo dei colonialisti in Siria.
• L’immensa complessità della società siriana.
• La Siria come una civiltà di 7000 anni e rappresenta la fine della Via della Seta.
• I conflitti decennali alla base della violenza, dal colpo di stato della CIA nel 1949.
• Le politiche di cambiamento del regime guidate dall’Occidente anni prima del 2011.
• Altre cause dei conflitti rispetto a “Assad il dittatore e il suo regime” come la crisi ambientale, petrolio e gas, ed è parzialmente occupato dal 1967 da Israele.
• Che nulla della complessità del conflitto può di fatto essere ridotto alla questione del ruolo di un uomo – come non lo è stato con Milosevic (poi scagionato), con Saddam o Gheddafi;
• Che questa potrebbe essere stata una guerra civile per circa una settimana, ma poi sono stati quasi 7 anni di aggressione internazionale da parte di migliaia di gruppi stranieri, governi occidentali / fornitori di armamenti e loro alleati guidati dall’Arabia Saudita.
• Il diritto della Siria in tali circostanze all’autodifesa secondo l’articolo 51 della Carta delle Nazioni Unite.
• Il ruolo principale nella completa distruzione della Siria giocato dai paesi della NATO, dalla Turchia in particolare quando si tratta di Aleppo, e dagli alleati occidentali come l’Arabia Saudita e gli stati del Golfo; tutto riferito semplicemente come “il dittatore / regime che uccide il suo stesso popolo” …
• Che la Russia e l’Iran sono le uniche potenze straniere legittimamente presenti secondo il diritto internazionale.
• Che l’ONU sia stata messa da parte, ancora una volta, e incaricata del ruolo impossibile di far uscire la pace da tali politiche degli Stati membri.
• L’interesse dei media in Siria è scomparso immediatamente dopo la liberazione di Aleppo, come se fosse orchestrato da un direttore d’orchestra. Silenzio.
• E Facebook e Google Search cambia gli algoritmi …

La copertura mediatica si fermò lì e poi – come musicisti sotto un unico direttore d’orchestra, si sono diretti verso altre strategie.

2. Ha segnato la fine del tentativo dell’Occidente di cambiare il regime dal 2012

Era iniziato ufficialmente il 12 dicembre 2012, nel giorno di quattro anni prima, a Marrakesh. “Gli amici (!) Della Siria” dichiararono il governo di Assad illegittimo e istituirono un Consiglio nazionale siriano, senza, ovviamente, chiedere al popolo siriano che avrebbe dovuto rappresentare. Ecco la copertura di AlJazeera / AFP di quella decisione crudele.

3. È stata la svolta nell’aggressione internazionale sulla Siria

Con Aleppo persa, i RIOT – Ribelli-Insurrezione-Opposizione-Terroristi – hanno perso slancio. I ‘Libera-questo-e-quello’ sono scappati, si sono dispersi o si sono uccisi a vicenda. E gli amati ‘Elmetti Bianchi’ dell’Occidente – con il loro nome rubato che fa il lavoro umanitario solo tra i terroristi – non si sono visti da nessuna parte ad Aleppo dopo il 12 dicembre.

Qualunque funzionario in qualsiasi ministero degli affari esteri della NATO, “agenzia di intelligence” o istituto di ricerca finanziato dallo stato avrebbe potuto scoprire su Internet cosa fosse questa organizzazione nella realtà. Non l’hanno fatto. Per ovvie ragioni. Come invece  io potevo e ho fatto nel mese di  novembre 2016 .

4. Un’altra guerra interventista occidentale persa

Dopo il Vietnam, la Somalia, la Jugoslavia, l’Afghanistan, l’Iraq, la Libia ecc. Questo era un altro intervento internazionale che sfidava la legge militare per imporre – presumibilmente – il meglio dei valori occidentali nella sua Mission Civilizzatrice ma prevedibilmente ha perso, è invece un ulteriore contributo al declino e la caduta dell’Occidente, l’Impero USA e la NATO in particolare. E un altro posizionamento nella parte sbagliata della storia.

5. Un altro esempio dell’incapacità di provare empatia con la sofferenza umana sulla scia delle nostre politiche.

300.000-400.000 civili innocenti morti, milioni di sfollati e sopravvissuti a malapena fuori dalla Siria. Storia e civiltà distrutte direttamente o da militanti, terroristi proxy – RIOT sostenuti dall’Occidente.

E naturalmente la società civile non è mai stata un giocatore in nessuna trattativa – solo i gruppi e le nazioni che uccidono si sono incontrati ai tavoli:  Conflitti e analfabetismo della pace nella migliore delle ipotesi o un crudele desiderio di distruggere e conquistare.

Inoltre, non è mai venuto in mente ai media e alla politica che tu potessi schierarti con il popolo siriano innocente e che non uccide. No, o si sono schierati con “il regime” o con l’Occidente e con i suoi alleati contro di esso.

Se la verità è la prima vittima in guerra, la comprensione del conflitto e il rispetto per la complessità è il secondo e il terzo. La nostra complicità è la quarta.

Anche se il presidente Assad fosse stato il peggior dittatore sulla terra da quando Hitler, nulla può giustificare i nostri – Stati Uniti / paesi della NATO – in fatto di complicità nella sofferenza umana di tali proporzioni .

Qualche politico o governo occidentale ha espresso rammarico?

Qualcuno dei principali media si è scusato per la sua copertura?

La cosiddetta Sinistra, sindacati o lavoratori in tutto il mondo esprimono solidarietà con i 30.000 lavoratori e le loro famiglie le cui vite sono state distrutte nella zona industriale di Aleppo Sheikh Najjar che ha prodotto il 5% dei beni industriali in Siria ed è stata la seconda più grande industria zona in Medio Oriente?

Qualcuno parla di riconciliazione con la Siria, di una Commissione di storia e riconciliazione per tutta la guerra e non solo di alcune “commissioni” politicizzate per indagare su singoli attacchi – che si vogliono creare affinchè il gioco della colpa possa continuare?

O – dov’è il gesto di pentimento di cui ci sarebbe bisogno – ovvero un enorme programma per ricostruire la Siria?

No. Non c’è vergogna.

E ci aspettiamo che le persone in Medio Oriente ci amino, giusto?

Ma la Cina sta collegando il vasto continente eurasiatico con una nuova cintura di seta e una strada da Pechino alla Serbia.

E la Siria.

Energia positiva, visione ampia, potenzialmente promotrice della pace come nient’altro al momento.

Una prospettiva di guerra fredda

Circa 25 anni fa è finita la prima guerra fredda. L’Unione Sovietica e il Patto di Varsavia caddero. Militarizzarono fino alla morte e furono bloccati  in Afghanistan. Oggi avremmo potuto avere un Occidente molto migliore e pacifico e buoni rapporti con la Russia. Ma non abbiamo voluto.

Ora l’Occidente è stato in Afghanistan per più del doppio del tempo che  è stata la Russia – sfortunatamente non c’è nessuno nemmeno lontanamente paragonabile a Gorbachev, l’ultimo  presidente sovietico. Invece l’Occidente combatté guerre dappertutto e allargò la NATO – contro tutte le promesse fatte a Gorbaciov – quando avrebbe dovuto sciogliersi e costruire una nuova struttura di sicurezza.

Gli alleati della NATO che seguono ciecamente gli Stati Uniti – la loro Voce del Maestro – senza un pensiero indipendente o dubbio.

Siamo ora in una nuova, ma diversa, Seconda Guerra Fredda. Anche la Siria parla di questo .

La Seconda Guerra Fredda verrà persa dagli Stati Uniti e dai paesi della NATO, dall’Occidente.

E per il popolo siriano, per chi non ha mai toccato una pistola?

E’ triste come tutto ciò possa accadere.

E ora Assad può restare – dice Washington. Il conduttore…

Abbiamo causato la più grande crisi umanitaria del mondo (al momento) dal 1945 per niente. Forse 400 000 sono morti e milioni sono sfollati o rifugiati all’interno degli stati confinanti.

Meglio dimenticarlo. E passare a nuove guerre: la Corea del Nord, l’Iran … chi sarà il prossimo?

Spudoratamente.

Riflessioni personali

Ho visto molta distruzione durante i miei anni di lavoro in zone di conflitto e di guerra. Ma niente paragonabile ad Aleppo East, la città vecchia e la zona industriale di Aleppo. Chilometro quadrato dopo chilometro di distruzione – solo il 5-7% di essoè rimasto in piedi, per coloro che vogliono sapere, il resto fatto da combattimenti casa per casa. Trilioni di proiettili.

Ho visto la sofferenza – ma anche la gioia – della gente di Aleppo Est e di coloro che sono venuti in Occidente per ottenere aiuto – gli unici aiutanti presenti lì il 10 e 14 dicembre sono stati la Mezzaluna Rossa, i medici e gli ospedali russi sul campo , l’esercito arabo siriano e volontari dell’Università di Aleppo. Scioccante.

E profondamente commovente. Non dimenticherò mai questi miei ricordi .

Nessuna persona normale che abbia visto ciò che ho visto sarebbe stata in grado, successivamente, di difendere la guerra come uno strumento per raggiungere qualsiasi obiettivo politico. I responsabili delle decisioni e i media al di fuori della Siria semplicemente non lo capiranno. Le prese di distanza e l’intorpidimento psichico, gli scudi intorno ai corridoi del potere uccidono.

Non li biasimo per non rischiare la vita andando lì. Li biasimo per la loro mentalità colonialista e la loro fede nella loro eccezionale superiorità morale .

Lo shock successivo che ho sperimentato – forse a causa della mia convinzione di decenza e professionalità, ma che comunque dimostrava ingenuità – è avvenuto nei miei tentativi di raggiungere i media riferendo  ciò che avevo visto.

TFF PressInfo raggiunge, tra gli altri, circa 3000-4000 media e giornalisti in tutto il mondo, incluse molte centinaia nei paesi nordici.

Non una reazione è stata espressiva di un interesse per ciò che avevo visto in un posto in cui ero l’unico dei paesi nordici e mentre i media occidentali erano stati presenti  se ne erano andati prima del 12 dicembre 2016.

Ma scrivendo in sicurezza da Beirut, Istanbul, Parigi, Berlino e Washington sapevano che con la “caduta” di Aleppo la prossima cosa che sarebbe accaduta sarebbe stato il genocidio di Assad sui propri abitanti – ma in qualche modo sorprendentemente per loro, ho riferito altro: ho pianto di felicità per essere uscito da sotto i 4,5 anni di occupazione del terrore, ballato, bevuto e festeggiato nelle strade.

Ho parlato liberamente con chiunque in quelle strade e non ero ‘embedded’ [incorporato] – ma ho ottenuto protezione militare dentro e fuori le zone di guerra di Aleppo in un momento in cui tutti i combattimenti non erano ancora terminati. Ne ero grato, era necessario in un ambiente così pericoloso.

Durante il mio lavoro nelle guerre di dissoluzione della Jugoslavia, in Georgia, in Iraq, c’era sempre qualche media che diceva: OK, è stato lì, conosce l’analisi dei conflitti, ha parlato con persone da ogni parte e non rappresenta alcun governo. È indipendente, sentiamo cosa ha da dire.

Nel caso della Siria? Non è stato così.

In questo caso ho anche prodotto 6 serie di documentari fotografici – visti qui da 134.000 persone  ma non una sola di queste mie immagini è stata usata dai media mainstream .

Quindi, non c’era nemmeno la più piccola crepa nel massivo muro dei media – i media che avrebbero potuto vedere, intervistarmi, fare una specie di scoop visto che non avevano nessuno lì.

Inoltre, non uno dei miei principali media nazionali come Dagens Nyheter, Sydsvenskan, Politiken, Berlingske, 24/7, Deadline – mi ha nominaoe. Le loro risposte sono tutte documentate qui .

E la liberale The Nation , la più vecchia rivista politica negli Stati Uniti, mi ha chiesto di riassumere tre articoli che avevano letto in uno solo per dirmi che avevano improvvisamente “cambiato le priorità editoriali” e, pertanto, non avrebbe pubblicato il mio manoscritto ma erano disposti a pagami un onorario (che non avevo nemmeno chiesto).

In breve, c’erano solo due tipi di risposte:

Nessuna risposta o “possiamo fare un colloquio con voi su come sia possibile mediare per fare un articolo che rappresenti un ricercatore per la pace che però ha fatto il servizio ‘incastrato’ con ‘il regime siriano / dittatore e il suo esercito” – cioè, solo un interesse nell’inquadrare [nella stessa ottica] . Nessun interesse per ciò che avevo visto e sentito.

Qualcuno è mai andato a riferire la verità nelle capitali degli aggressori occidentali o  a Washington o Bruxelles?

Sono stato ‘incastrato’ per aver rischiato la mia vita andando a Damasco e Aleppo per cercare di capire anche quella parte, la parte che non ha ottenuto un buon ascolto.

Così  i media maistream – hanno dimostrato ancora una volta eccellentemente il loro posto come seconda M nel MIMAC – il Complesso Militare-Industriale-Media-Accademico – che è sempre pronto a promuovere la violenza e omettere o emarginare le voci della comprensione e della pace dei conflitti.

#KeepFocusOnAleppo  – #ILoveAleppo   Source link

pubblicato con autorizzazione di TFF 

 

JOIN THE DISCUSSION

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.