I preparativi UE per una guerra preventiva contro la Russia

Mercoledì e giovedì scorso, i ministri della Difesa della NATO si sono riuniti a Bruxelles per discutere i piani per una grande escalation militare in Europa. Mentre il governo di Trump alimenta il conflitto con la Russia e la Cina nel Pacifico con minacce di attacchi nucleari statunitensi alla Corea del Nord, la NATO sta progettando una grande modernizzazione delle sue installazioni militari in Europa che avrebbe come obiettivo una guerra da condurre – insieme agli Stati Uniti – contro la Russia.

In tale prospettiva, la NATO prevede due nuovi centri di comando militari principali in Europa. Il primo, che probabilmente sarebbe dislocato in Francia o in Portogallo, coordinerebbe le operazioni navali su larga scala per trasportare truppe americane in Europa e distruggere le navi da guerra russe nell’Atlantico. L’altro, probabilmente posizionato in Germania o in Polonia, coordinerebbe il trasporto terrestre delle forze NATO in tutta Europa per attaccare la Russia, anche assicurando che le frontiere interne in Europa non fermino il rapido transito della NATO in procinto di colpire le forze russe verso est.

In un suo articolo – che illustra questi piani prima del vertice – la rivista tedesca Der Spiegel ha scritto in modo esplicito: “detto in maniera semplice: la NATO si sta preparando per una possibile guerra con la Russia”.

In una conferenza stampa a Bruxelles, il segretario generale della NATO  Stoltenberg ha cercato di incolpare la Russia per questa situazione. “Abbiamo ridotto la struttura dei comandi alla fine della guerra fredda, perché le tensioni sono diminuite“, ha detto Stoltenberg, “ma abbiamo visto una Russia che ha investito da molti anni nelle sue capacità militari, ha modernizzato le sue capacità militari, e  non solo ha le sue forze convenzionali, ma anche le sue forze nucleari e che abbiamo visto l’uso della forza militare contro un vicino: l’Ucraina […] la NATO deve essere in grado di rispondere a questo. ”

Le affermazioni che rafforzano la NATO sono una risposta all’aggressione russa sono menzogne ​​politiche. La Russia esegue esercitazioni militari sul proprio territorio. La NATO, dopo un quarto di secolo di guerre in Medio Oriente, ha rovesciato il governo ucraino pro-russo con il colpo di stato a Kiev nel 2014, mandando le sue truppe alle frontiere con la Russia.  Con le minacce di Trump – lanciate in occasione della ricorrenza del bombardamento atomico di Nagasaki – con cui ha detto che avrebbe annientato la Corea del Nord con il “il fuoco e un furore che il mondo non ha mai visto”, gli Stati Uniti hanno fornito un segno indubbiamente chiaro del ruolo aggressivo e, francamente, insano della NATO.

Al vertice di Bruxelles, i funzionari della NATO hanno chiarito che hanno progettato una grande guerra di terra contro la Russia, che ha il secondo più grande arsenale nucleare al mondo dopo gli Stati Uniti. Il ministro della Difesa lituano Raimondas Karoblis, ha detto che la costruzione di nuove basi era essenziale come il ritardo nel trasporto di truppe e armi in tutta Europa per la lotta contro l’esercito russo significa “più perdite e rischi aggiuntivi […] il tempo qui è molto determinante. ”

Spiegando commenti di Raimondas Karoblis, il  Washington Post  ha affermato che “la velocità con cui la NATO può rispondere a qualsiasi aggressione russa potrebbe fare la differenza tra la lotta per difendere i confini della NATO e la lotta molto più difficile di riconquistare il territorio già perso. “

Tali discussioni sulla strategia di guerra della NATO nascondono al pubblico che ciò che la NATO sta progettando è una guerra che potrebbe degenerare rapidamente in uno scambio nucleare devastante tra NATO e Russia, il che procurerebbe centinaia di milioni, anche miliardi di morti.

Questo è ampiamente riconosciuto da funzionari governativi e dagli analisti di politica estera. Mike Kofman, del Centro statunitense per  analisi navali, ha scritto che “il problema di fissare il deterrente con una guerra convenzionale preventiva nel Baltico presenta opportunità per una escalation nucleare. La maggior parte degli esperti russi che conosco nella comunità di analisi militari, compresa la Russia, in realtà non credono che vi sia una sola possibilità che una simile battaglia convenzionale con la NATO rimanga convenzionale. ” (Infatti le ultime esercitazioni russe finiscono con un lancio di un ordigno nucleare dopo una lunga battaglia convenzionale NDR Vietato Parlare)

Anche il sito web US National Interest valutando un simile scenario ha commentato: “Una tale guerra sarebbe quasi sicuramente degenererebbe in una guerra nucleare tra le due più grandi superpotenze nucleari sul pianeta – che significa che tutti stanno perdendo. ”

Tuttavia, il vertice di Bruxelles ha optato aggressivamente per un rafforzamento della NATO negli Stati baltici e in Scandinavia contro la Russia. La Finlandia si è unita ad undici altri paesi in un programma per acquisire grandi scorte di missili aerei ad alta precisione. Ciò si è verificato dopo che la Svezia ha tenuto la sua più grande esercitazione militare da 23 anni avvenuta a settembre, con 19.000 truppe svedesi e  forze americane, francesi, danesi, finlandesi, norvegesi, estone e lituane. Nel mese di marzo, la Svezia ha ripristinato la reintrodotto una politica che, secondo i funzionari della difesa, ha lo scopo di preparare il paese per la guerra contro la Russia.

Più in generale, il vertice della NATO ha discusso piani di guerra in tutto il mondo. I vertici UE si sono impegnati a inviare 3.000 soldati per partecipare all’occupazione dell’Afghanistan con gli Stati Uniti. Sulla scia delle crescenti tensioni tra la Turchia e i suoi principali alleati della NATO; gli Stati Uniti e la Germania, un accordo è stato concluso tra Turchia, Francia, Italia e Spagna per collaborare allo sviluppo di sistemi missilistici per la Turchia.

Questa guerra è oggettivamente radicata nelle politiche delle potenze della NATO, guidata dagli Stati Uniti dopo la dissoluzione stalinista dell’Unione Sovietica nel 1991. Washington ha combattuto guerre con il supporto di varie potenze europee in Iraq , in Jugoslavia, Afghanistan, Libia, Siria e oltre. Mentre Washington voleva usare il suo potere militare per consolidare la sua egemonia globale come potenza dominante nella NATO e dominare la scenario eurasiatico, queste guerre hanno dimostrato di essere battute d’arresto orribili, sanguinose e costose che hanno causato milioni di morti.

Mentre Washington sta minacciando di lanciare una grande guerra in Asia orientale, puntando in ultima analisi, a interrompere lo slancio della sfida crescente della Cina , i conflitti si sono intensificati anche  all’interno della NATO. Le tensioni sono esplose tra le maggiori potenze della NATO soprattutto dopo la decisione del rimilitarizzazione della politica estera della Germania avvenuta dopo l’elezione del Trump e dopo la decisione di revoca britannica all’Unione europea (UE) nel 2016, che ha rimosso dall’UE il miglior alleato militare degli Stati In Europa .

In un documento di previsione di  Der Spiegel , intitolato “Strategic Outlook 2040“, l’esercito tedesco prevede la possibilità di “disintegrazione dell’UE” e l’eruzione di guerre in tutta Europa. Dopo “decenni di instabilità”, scrive, si potrebbe avere una situazione in cui “l’allargamento dell’UE viene gran parte abbandonato, altri Stati hanno lasciato l’UE e l’Europa ha perso la sua competitività in molte aree. Un mondo sempre più disordinato, talvolta caotico e conflittuale ha radicalmente cambiato l’approccio tedesco e europeo in materia di sicurezza. ”

In queste circostanze, i funzionari della NATO hanno evidenziato i piani per una continua collaborazione con l’UE, mentre i paesi dell’UE, guidati dalla Germania e dalla Francia, hanno annunciato i piani per un patto militare congiunto. La Cooperazione strutturata permanente (PESCO), che sarà firmata a Bruxelles il 13 novembre, ha lo scopo di mettere insieme le risorse  per creare sistemi di arma comuni, istituire una struttura di comando militare congiunta  e  facilitare le operazioni congiunte delle diverse nazionalità. Tuttavia, questo patto escluderebbe non solo gli Stati Uniti, ma anche la Gran Bretagna, che ha lasciato l’UE.

I funzionari della NATO, consapevoli dell’ampia opposizione alla guerra con la Russia nella popolazione europea, hanno proposto che l’Unione europea contribuisca a coordinare gli sforzi politici più ampi per promuovere la guerra. La NATO si occuperà di avere in stretti colloqui con i governi, le banche, i servizi di polizia e di intelligence in tutta Europa, responsabili del tentativo di imporre piani di guerra alla popolazione europea.

Stoltenberg ha dichiarato: “Naturalmente, la mobilità militare non è solo per i militari. Ciò richiede un approccio paneuropeo. È pertanto importante che i nostri ministri della difesa sensibilizzino i nostri ministri interni, di finanza e di trasporto alle esigenze militari. “

fonti

Foto Mattis Stoltenberg

 

nota a margine:

A Bruxelles l’8-9 novembre si è tenuta l’ultima riunione prevista dai ministri della difesa della NATO di quest’anno. All’indomani della riunione il segretario generale dell’alleanza, Jens Stoltenberg ha annunciato la necessità di portare l’infrastruttura dei paesi del blocco militare in linea con le esigenze della NATO.

Si tratta di rafforzare strade e ponti in modo che possano sopportare il peso dei mezzi più pesanti, nonché dotare le reti ferroviarie di tutto il necessario per il rapido dispiegamento di carri armati e mezzi pesanti.

 

JOIN THE DISCUSSION