Ucraina: Poroshenko vuole separare la chiesa ortodossa in Ucraina nel quadro della sua guerra contro la Russia

La lotta contro la Chiesa ortodossa, pilastro del mondo russo, sta entrando in una fase decisiva, che richiede ai suoi giocatori a di assumere una auspicabile  posizione più razionale: se è stato raggiunto un accordo tra il Patriarca di Costantinopoli e Poroshenko, l’ottenimento dell’autocefalia dipende dall’incontro e dall’accordo di tutte le Chiese ortodosse ucraine. Di fronte a questa impasse, Poroshenko rivela il suo vero volto: quello dell’intimidazione e della violenza. Guida l’Ucraina, già in ginocchio, alle porte della guerra di religione, ossessionato dal suo anti-russismo.

Il Patriarca di Costantinopoli è in una situazione delicata, perché è entrato in un gioco che lo supera e di cui non può controllare tutti gli aspetti. La scommessa della debolezza umana contro la tentazione del potere non ha funzionato, la Chiesa ortodossa ucraina del Patriarcato di Mosca non ha tradito.

Pertanto, l’ accordo quadro concluso tra Poroshenko e il patriarca Bartolomeo, alla fine, porrà difficoltà affinché l’Ucraina ottenga pacificamente un’autocefalia da una Chiesa ortodossa ucraina. I due requisiti di base di questo documento sono particolarmente problematici: è solo il voto dell’assemblea di tutte le Chiese ortodosse in Ucraina che porterà al riconoscimento dell’ autocefalia, senza la quale la decisione il Patriarca di Costantinopoli non può annunciare la separazione.

Ma la Chiesa ortodossa canonica del Patriarcato di Mosca ha deciso di non partecipare. È la chiesa più importante dell’Ucraina, che in sua assenza rende illegittima qualsiasi decisione di un’ipotetica assemblea.

È ovvio che se l’autocefalia deve esistere dal punto di vista di Costantinopoli, può riguardare solo una Chiesa ortodossa unificata e non una sua parte insignificante. Poroshenko è in una situazione di stallo legale, politico e diplomatico. Quindi opera nella violenza della parola e delle minacce.  Poroshenko ha infatti detto che “la Chiesa ortodossa russa e l’esercito russo non hanno nulla da fare in Ucraina e devono tornare a Mosca “.

Ma come sottolinea il Patriarcato di Mosca, non esiste una “Chiesa russa” in Ucraina, ma una Chiesa ucraina, con sacerdoti ucraini, devoti ucraini. Una chiesa canonica ucraina del Patriarcato di Mosca.

In altri termini, Poroshenko cerca di legittimare la persecuzione venire, la confisca delle chiese o la violenza fisica. Nel discorso del politico ucraino, la Russia è il nemico, quindi è normale combatterla – con tutti i mezzi. E a differenza della Russia, l’Ucraina non si chiude in una posizione legalistica. Lei è in guerra. È stata messa in guerra . Così se la Chiesa ortodossa ucraina diventa “la Chiesa ortodossa russa in Ucraina”, viene assimilata a uno strumento ” di occupazione””. E ‘quindi in questa logica deviante il punto di vista della lotta Poroshenko. E si comporta come un nemico. Quindi, userà tutti i mezzi. Tutti. E non solo legali e diplomatici.

E dal punto di vista di questa follia distruttiva che ha colpito l’Ucraina post-Maidan, è vero che la canonica Chiesa Ortodossa Ucraina del Patriarcato di Mosca è un pericolo è il pericolo del mondo russo, c è il pericolo della storia, della cultura comune alla Russia e all’Ucraina, è l’immagine dell’unità della gente oltre i confini.

La reazione del Patriarcato di Mosca

Nel Patriarcato di Mosca, commentando la dichiarazione di Poroshenko, hanno notato che non ci sono rappresentanti della “Chiesa ortodossa russa” in Ucraina, e la canonica Chiesa ortodossa ucraina è sostenuta dalla stragrande maggioranza dei cittadini del paese paese.

Secondo il segretario del Dipartimento per le relazioni esterne della Chiesa del Patriarcato di Mosca per le relazioni inter-ortodosse, l’arciprete Igor Yakimchuk (segretario per le relazioni con gli stati esteri della Chiesa ortodossa russa), la Chiesa ortodossa russa “è nata proprio a Kiev, è esistita sul suolo ucraino per più di 1030 anni”.

Nello stesso tempo, la parola ‘Rus’, da cui ha ricevuto il suo nome, originariamente designava il territorio dell’attuale Kiev e le sue regioni adiacenti, e da lì si diffuse in molti paesi, i cui popoli sono uniti, nonostante tutte le complesse circostanze politiche, ha ricordato Yakimchuk.

varie fonti

JOIN THE DISCUSSION

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.