Sondaggio: preoccupazione degli Stati Uniti per la corruzione pervasiva che si sta esercitando sotto Trump

Da quando il presidente Donald Trump è entrato in carica a gennaio, il numero di americani preoccupati per la corruzione dilagante nella Casa Bianca è aumentato, secondo  i sondaggi di opinione  svolti in ottobre e novembre.

La Transparency International con sede a Berlino, una coalizione anti-corruzione globale che  definisce la  corruzione “l’abuso del potere affidato per guadagno privato”, ha condotto un sondaggio dal barometro della corruzione degli Stati Uniti nel 2017. Il sondaggio ha rilevato che il 44% degli intervistati ritiene che la corruzione sia “Pervasivo” nell’Ufficio del Presidente, un salto di 12 punti rispetto all’anno scorso, prima che Trump entrasse in carica.

Complessivamente, c’è stato un aumento della percentuale di americani che credono che il governo non riesca a combattere la corruzione. Sotto Trump, circa sette persone su 10 ritengono che il governo degli Stati Uniti stia facendo uno scarso lavoro di sradicamento e prevenzione della corruzione, rispetto a circa la metà degli americani nel 2016.

Nonostante in campagna elettorale  Trump dicesse di voler “prosciugare la palude”, come presidente Trump ha  riempito la  sua amministrazione con ex lobbisti e membri di ogni settore. Come  riassume Newsweek  , la Casa Bianca “è stata scossa da bombe legali e investigative quasi quotidiane legate alla corruzione”, tra cui:

  • Trump è stato citato in giudizio in Maryland e Washington, DC per aver violato la “clausola sugli emolumenti” della Costituzione degli Stati Uniti gestendo il suo Trump International Hotel a Washington, DC;
  • Paul Manafort, il secondo responsabile della campagna di Trump, è stato  incriminato  per accuse di riciclaggio di denaro;
  • Il primo consigliere della sicurezza nazionale di Trump, Michael Flynn, si è  dichiarato colpevole  di aver mentito all’FBI in un’indagine che ha anche rivelato attività di lobbying segrete per il governo turco;
  • e suo genero, Jared Kushner, non ha rivelato $ 1 miliardo di prestiti legati alla sua società immobiliare, e ha ripetutamente dovuto rivedere i suoi moduli di divulgazione finanziaria per aggiungere elementi che aveva “dimenticato”.

Inoltre, almeno sei membri del suo gabinetto sono stati interrogati in merito a spese di viaggio apparentemente eccessive. Il Dipartimento di Giustizia ha permesso a Trump di ignorare le leggi anti-nepotismo per nominare sua figlia Ivanka e suo marito, Kushner, come consulenti senior. I suoi figli, Eric e Don Jr., nel frattempo, hanno rilevato le operazioni quotidiane della sua compagnia, anche se la presenza frequente di Trump nei suoi hotel e campi da golf insieme a lobbisti e funzionari stranieri ha sollevato preoccupazioni per l’ultrarichico ” accesso agli acquisti “.


in relazione


Mentre la Casa Bianca di Trump era considerata l’entità più corrotta del governo e degli ambienti economici degli Stati Uniti, il Congresso seguiva da vicino; Il 38% degli americani ha dichiarato di ritenere il Congresso come corrotto, seguito da circa un terzo che crede che singoli funzionari governativi e dirigenti aziendali siano coinvolti nella corruzione.

Anche se il 55% ha dichiarato che la paura di rappresaglia è la ragione principale per non denunciare la corruzione, dal 31% dello scorso anno, quasi tre quarti degli intervistati ha dichiarato di credere ancora che la gente comune possa fare la differenza nella lotta contro di essa.

Nonostante un piccolo calo in coloro che vedono il voto come un efficace deterrente alla corruzione, le urne elettorali rimangono il metodo più popolare per combattere la corruzione come una persona normale. Altre forme di azione diretta – come “parlare sui social media, unirsi a una manifestazione di protesta, unirsi a un’organizzazione anti-corruzione, firmare una petizione, parlare con amici o parenti, o boicottare un’impresa” – hanno aumentato il sostegno tra gli intervistati a questo sondaggio dell’anno.

“Gli americani hanno espresso la loro frustrazione nei confronti di Washington e dei suoi funzionari eletti in una miriade di modi”, ha dichiarato Transparency International in risposta ai risultati. “Eppure ci sono cose che possono essere fatte per assicurare che le istituzioni siano pulite e che i dollari dei contribuenti siano spesi in allineamento con le preoccupazioni del pubblico e non solo con speciali interessi aziendali e di élite”.

Per combattere la corruzione negli Stati Uniti, la coalizione  raccomanda :

    1. Promuovere la trasparenza delle spese politiche fornendo al pubblico informazioni in tempo reale, accessibili online, sulla spesa politica di società quotate in borsa e su ogni livello di influenza, comprese campagne pubblicitarie politiche, attività di lobbying e contributi aggregati alle campagne.
    2. Prevenire le porte girevoli ponendo fine allo scambio incontrollato di personale tra aziende, società di pressione, uffici eletti e altri ruoli governativi di alto livello.
    3. Stabilire la consapevolezza pubblica della proprietà mettendo al bando le società anonime di comodo che possono essere conflitti di interesse e / o veicoli per attività illegali.
    4. Rafforzare l’infrastruttura etica rafforzando le capacità di indipendenza e supervisione dell’Office of Government Ethics.
    5. Migliorando e implementando più protezioni whistlerblower per proteggere dalla rappresaglia coloro che denunciano la corruzione e altri comportamenti scorretti da parte dei funzionari e degli appaltatori del governo.
    6. Aumentare l’accesso pubblico alle informazioni di base sul governo per consentire alle persone comuni di contribuire alla lotta alla corruzione.

 


Common Dreams  è concesso in licenza sotto una licenza internazionale Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 3.0.

Il post sondaggio: la preoccupazione degli Stati Uniti per la corruzione ad alto livello “pervasiva” di Trump è apparsa per la prima volta su MintPress News .

Collegamento sorgente

Print Friendly, PDF & Email