Nazioni Unite: nel cantone siriano di Afrin controllato dalla Turchia, regime di abusi sfrenati e apartheid

The Region

Un nuovo rapporto pubblicato dall’Ufficio delle Nazioni Unite dell’Alto Commissario per i diritti umani (OHCHR) dipinge un quadro di come Afrin sia stato amministrato dalle forze armate turche e dai suoi affiliati ribelli arabi. Il rapporto racconta “alti livelli di crimine violento, con civili che cadono vittima di rapine, molestie, rapimenti e omicidi”, menziona anche la particolare discriminazione con la quale i curdi hanno gestito Afrin da quando la città è stata sottratta al Partito Democratico a guida curda ( PYD) all’inizio di quest’anno.

Il rapporto sostiene che “il furto, le molestie, il trattamento crudele e altri abusi, e in alcuni casi l’omicidio” è commesso dalla divisione Sultan Murad, dalla divisione di Hamza e dai gruppi ribelli di Ahrar Al-Sharqiya, mentre si suppone che si verifichi il saccheggio “su un base giornaliera “con merce rubata venduta nei mercati di Azaz nel territorio dell’Eufrate, a disprezzo delle forze di polizia turche che vi operano.

“I civili hanno informato l’OHCHR che un numero di membri dei gruppi armati di opposizione che operano nell’area sono ex ben noti criminali locali, contrabbandieri o spacciatori di droga”, ha riferito l’OHCHR.

Il rapporto lamenta anche una crescente industria del contrabbando e del rapimento di esseri umani.

“L’OCHCR ha documentato almeno undici casi in cui sono stati rapiti civili, tra cui donne e bambini, alcuni dei quali in seguito rilasciati dopo aver pagato un riscatto compreso tra 1.000 e 3.000 dollari, mentre il luogo in cui altri rimangono sconosciuti.”

La complicità delle autorità turche

Secondo l’OHCHR, il governo della Turchia ha solo ufficialmente consegnato il potere al cosiddetto governo ad interim siriano con sede ad Ankara. La Turchia amministra Afrin con l’aiuto di un “cittadino siriano” che visita regolarmente il distretto anche se non ha sede lì. Due cittadini turchi, tuttavia, sono stati incaricati di essere Wali (governatore) dal governatore del distretto turco di Hatay. Egli compie una visita ad Afrin ogni due giorni per alcune ore e poi viene riportato indietro.

La Turchia amministra Afrin attraverso le sue forze di polizia, il suo personale militare di stanza e i gruppi armati che finanziano. Il distretto di Afrin è diviso in “squadre di sicurezza” che sono sotto il controllo di vari gruppi armati, compresi i gruppi Jaish Al-Islam e Failaq Ar-Rahman che erano stati avversari nella Ghouta orientale. Ogni settore di sicurezza è composto da un certo numero di quartieri ed è controllato da diversi gruppi armati. I civili che vogliono passare da un “quadrato di sicurezza” a un altro, sono tenuti a ricevere l’approvazione scritta dall’esercito turco o dai gruppi armati. L’esercito turco controlla la città attraverso una rete di posti di blocco nella periferia di Afrin. Se i civili vogliono spostarsi tra villaggi, città e città, hanno anche bisogno di un permesso scritto.

“L’OHCHR ha ricevuto informazioni che persone originarie del distretto di Afrin – in particolare i curdi – sono sottoposte a procedure di valutazione più rigorose e processi più lunghi per ottenere approvazioni rispetto ai combattenti sfollati interni e alle loro famiglie civili e altri civili che sono recentemente arrivati ​​ad Afrin dalla Ghouta orientale e da altri aree “, afferma il rapporto.

Discriminazione razziale

In una storia che viene raccontata, un minibus è stato fermato dove un soldato turco ha chiesto se c’erano dei curdi a bordo. Un uomo di mezza età che era diretto verso l’ospedale ha risposto che era un curdo di Afrin, e gli è stato chiesto di produrre un permesso che mostrasse il permesso di viaggiare. “Altri passeggeri non curdi non erano tenuti a mostrare alcun permesso o fornire prove delle loro ragioni per viaggiare”, riporta il rapporto.

Ci sono stati altri modi in cui è stato messo in atto un sistema di apartheid virtuale, con particolare vulnerabilità mostrata alla maggioranza curda della città. “L’OHCHR continua a ricevere rapporti dal distretto di Afrin di civili, incluse donne, portati via dalle loro case o detenuti ai posti di blocco, in base alle accuse di essere ex combattenti di / o affiliazione con forze curde” afferma il rapporto, citando una storia dove una donna kurda, di 20 anni, accusata di essere un ex membro delle forze curde per la protezione delle donne (YPJ), è stata costretta a presentarsi in un tribunale della Sharia nel territorio dell’Eufrate.

Altre forme di discriminazione includono il furto di proprietà e la pulizia etnica. “Gli sfollati sono per la maggior parte arabi etnici, molti dei quali sono stati collocati casualmente dai gruppi armati nelle case vuote dei civili (soprattutto curdi). ”

I coloni ad Afrin, inoltre, si sono rifiutati di lasciare le loro case per i proprietari originali .

“Molti civili che cercano di tornare alle loro case li hanno trovati occupati da questi combattenti e dalle loro famiglie, che si sono rifiutati di liberarli e restituirli ai legittimi proprietari”.

“Ci sono state anche segnalazioni di confisca di beni civili con il pretesto che la persona era stata in qualche modo affiliata con le forze curde”, riportano i rapporti dell’OHCHR.

L’impunità dei ribelli

I gruppi armati che sovrintendono all’occupazione di Afrin al fianco delle forze turche sono stati anche accusati di essere divisi internamente, spesso impegnati in attività criminali contro i civili e gli uni contro gli altri senza timore di ripercussioni. Il 6 maggio, ad esempio, 10 civili di sesso maschile originari di Deir-ez-Zor sono stati uccisi a colpi di arma da fuoco in  un checkpoint controllato da membri armati della famiglia Al-Waki, una famigerata famiglia con legami noti con gruppi armati. In risposta, Ahrar Al-Sharqiya e Ahrar Al-Sham si sono scambiati colpi di arma da fuoco, che hanno finito per uccidere tre civili, tra cui una donna, e ferendone altre 19.

“Le lotte intestine tra i vari gruppi armati sono state esacerbate dall’arrivo, con l’approvazione della Turchia, di ulteriori combattenti di gruppi come Failaq ar-Rahman e Jaish al-Islam”, si legge nel rapporto.

I gruppi armati, a cui è stato conferito il diritto di amministrare Afrin, hanno in varie occasioni eluso la legge. In un caso, ad esempio, il personale ospedaliero è stato abusato dai membri della divisione Hamza. Due infermieri di sesso maschile e una femmina sono stati accusati di non lavorare abbastanza in fretta per ricoverare uno dei loro parenti. I ribelli hanno continuato a sparare proiettili nell’aria e hanno spento l’ospedale per quattro ore. Il giorno seguente attaccarono le infermiere. “I perpetratori sarebbero stati consegnati alla polizia dalla divisione di Hamza il 5 maggio, ma sono stati rilasciati pochi giorni dopo le minacce alla” polizia “da parte di membri di alto rango del gruppo armato.”

Le Nazioni Unite hanno raccomandato che “le forze militari turche ed i gruppi armati affiliati esercitino il controllo, incluso ma non limitato al rispetto e alla protezione dei diritti alla vita, alla libertà e alla sicurezza della persona, alla libertà di movimento, all’accesso ai servizi di base (assistenza sanitaria, istruzione ecc. .)”.

“La libertà di espressione e opinione e la libertà di discriminazione basata sulla razza, sulla religione, sulla politica o su altre opinioni” devono essere garantite, conclude il rapporto.

 

Print Friendly, PDF & Email

JOIN THE DISCUSSION

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.