Il minitro turco Mevlut Cavusoglu ha affermato che i legami di Ankara-Washington sono molto critici – La Turchia chiuderà la base aerea di Incirlik se necessario

Il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu dice che i legami di Ankara con Washington: saranno riparati o interrotti; in quanto le relazioni tra i due alleati dell’Organizzazione del Nord Atlantico (NATO) hanno subito gravi danni in seguito all’attuale offensiva transfrontaliera di Ankara nella regione nord-occidentale di Afrin in Siria contro le Unità di protezione del popolo curdo (YPG).

“I nostri rapporti sono in un punto molto critico, o saranno fissati o questi legami saranno completamente danneggiati”, ha detto Cavusoglu ai giornalisti di Istanbul a margine di un incontro turco-africano.

Ha anche elaborato le aspettative di Ankara e ha condannato il continuo sostegno degli Stati Uniti a YPG.

“Non vogliamo promesse e promesse da parte degli Stati Uniti, vogliamo passi concreti [per quanto riguarda le YPG] . Possiamo dialogare come partner degli Stati Uniti ma ora che la fiducia è stata persa deve essere ripristinata e la causa della perdita la fiducia è da imputare agli Stati Uniti [azioni] “, ha sottolineato il più importante diplomatico turco.

Cavusoglu ha aggiunto: “Gli Stati Uniti non stanno toccando i membri del Daesh in Siria come una scusa per continuare a lavorare con il gruppo terroristico YPG”. 

Le dichiarazioni sono arrivate mentre il segretario di stato americano Rex Tillerson è andato ad Ankara questa settimana per i colloqui volti a trovare un modo per trovare una soluzione, visto che Washington è seriamente preoccupata per l’ Operazione Olive Branch della Turchia nel nord della Siria.

Ankara vede il YPG come il ramo siriano delPartito dei lavoratori del Kurdistan (PKK) che ha combattuto per una regione autonoma all’interno della Turchia dal 1984.

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha ripetutamente affermato che Afrin dovrebbe essere liberato dai “terroristi”, e ha richiesto lo spiegamento di truppe turche in quel paese durante un discorso a novembre 2016.

Questo accade mentre i funzionari degli Stati Uniti considerano l’YPG la forza di combattimento più efficace contro il gruppo terroristico Daesh nel nord della Siria, e hanno sostanzialmente aumentato il loro armamento e il supporto tecnologico a quello che per i turchi è un gruppo terroristico. 

La polemica su una possibile forza di confine siriana è iniziata il 14 gennaio, quando è emerso un rapporto su Reuters che affermava che la coalizione militare guidata dagli Stati Uniti in Siria stava progettando di creare una grande forza di confine con un massimo di 30.000 persone con il alleati della milizia.

Il governo siriano ha già condannato la “brutale aggressione turca” contro Afrin, respingendo la richiesta di Ankara di aver informato Damasco dell’operazione.

Damasco “condanna fermamente la brutale aggressione turca su Afrin, che è una parte inseparabile del territorio siriano”, l’agenzia di stampa ufficiale della Siria, SANA, ha citato una fonte del ministero degli Esteri siriano il 20 gennaio.

“La Siria nega completamente le affermazioni del regime turco secondo cui è stato informato di questa operazione militare “, ha aggiunto la fonte.

Source link

Print Friendly, PDF & Email