Milizie irachene ed il mito delle milizie sanguinarie assetate di sangue

Milizie irachene ed il mito delle milizie sanguinarie assetate di sangue 

Allo stesso modo, la narrativa occidentale della natura del conflitto in corso in Iraq non si accorda molto bene con i fatti sul terreno, specialmente per quanto riguarda il ruolo dell’identità confessionale e delle persecuzioni che avvengono da ogni parte. Ciò è evidente in nessun altro caso più delle Forze di mobilitazione popolari (PMF), un gruppo di militanti istituzionalizzati mobilitati per combattere contro l’ISIL. Durante la battaglia ormai conclusa per Falluja, è emerso un nuovo genere di articoli che ammonivano istericamente sul ruolo del PMF in Iraq. Questi articoli descrivevano erroneamente il PMF come milizie settarie o sciite dedite alla persecuzione dei sunniti. In realtà, queste unità fanno parte dello stato iracheno, si coordinano con le forze di sicurezza irachene e rispondono al primo ministro iracheno. Poiché sono stati ampiamente istituzionalizzate in risposta a una minaccia improvvisa e immediata, la loro organizzazione è stata un processo graduale, culminato nella decisione del 2016 di passare dalle fazioni e in una struttura militare formale. Con poche eccezioni, le unità PMF non hanno praticato abusi su popolazioni sunnite durante questa guerra contro l’ISIL. Mentre la maggior parte delle unità PMF sono sciite, gli interlocutori nei miei incontri con i funzionari iracheni del PMF e membri del governo iracheno mi hanno detto che ci sono 30.000 sunniti che ricevono gli stipendi del PMF. Tra questi ci sono leader come Yazan al Jiburi, che ha liberato Tikrit in collaborazione con unità sostenute dall’Iran, e Wanas Hussein, la cui tribù ha coraggiosamente resistito all’ISIL e la cui sorella Omaya Jabara è stata la prima donna a morire combattendo l’ISIL. Alcune di queste unità sunnite sono forze di mantenimento tribali, mentre almeno 7.000 combattenti veri e propri rientrano nella catena di comando PMF. Ci sono anche centinaia di sunniti in unità a maggioranza sciita e qualche migliaio di sunniti che combattono a fianco di queste unità ma non sono ancora registrati ufficialmente e non ricevono salari. Inoltre, queste unità non commettono più violazioni delle forze che la coalizione guidata e sostenuta dall’America. Alcuni, come Saraya Salam (precedentemente noto come l’esercito del Mahdi), sono in realtà i meno settari e i più disciplinati tra le varie unità militari e paramilitari che combattono oggi in Iraq.

Molti analisti occidentali sembrano pensare che solo perché una forza di sicurezza è a maggioranza sciita che in qualche modo non sarà in grado di resistere all’uccisione e alla persecuzione dei sunniti. Alcuni in Occidente si sono anche chiesti se il governo iracheno avrebbe dovuto liberare Falluja, una città a meno di un’ora da Baghdad, dall’ISIL (proprio nel momento in cui dubitano che il governo siriano dovrebbe riprendere la metà di Aleppo occupata dai jihadisti). Queste voci sembrano più preoccupate per il trattamento che il trattamento che il governo iracheno riserverà a Falluja che per l’ISIL, come se questo gruppo jihadista trattasse bene i suoi abitanti a causa di un’identità sunnita condivisa. Bastava guardare Samara o Tikrit, città già liberate dall’ISIL, per vedere che i sunniti non vengono abusati dopo la loro liberazione dall’ISIL.

Baghdad è un altro esempio: una città a maggioranza sciita con fitte enclavi sunnite, come Aadhamiya, Amriya e molte altre. I suoi quartieri sunniti erano roccaforti dei ribelli. Ora, le forze di sicurezza a maggioranza sciita proteggono questi quartieri, che sono anche pieni di sunniti sfollati dalla provincia di Anbar. Sono al sicuro e illesi. Caffè, ristoranti, sale da tè e negozi sono occupati giorno e notte. Il più grande pericolo a Baghdad è l’ISIL. Se le milizie sciite inserite nelle forze di sicurezza volessero colpire tutti questi sunniti disarmati e vulnerabili, potrebbero – ma non lo fanno. Il consiglio provinciale di Anbar ha sede nel distretto di Mansur a Baghdad e protetto dalle forze di sicurezza a maggioranza sciita.

Il PMF è una forza di maggioranza sciita che combatte per liberare le zone a maggioranza sunnita detenute dall’ISIL per conto dei sunniti. Sicuramente, abusi hanno avuto luogo. Case e moschee sono state distrutte e ci sono stati omicidi extragiudiziali. Ma queste violazioni impallidiscono rispetto agli eventi della guerra civile irachena durante l’occupazione americana. L’Iraq potrebbe aver effettivamente trasceso il paradigma sunnita-sciita in un modo che sembrerà controintuitivo agli analisti di Washington. Oggi, la minaccia è la violenza tra i sunniti, la violenza tra i sciiti, la violenza tra i kurdi e la violenza arabo-curda.

I sadristi, una delle fazioni politiche sciite in Iraq, sanno che la loro competizione nella politica irachena non viene dai sunniti, ma dai loro rivali sciiti a Dawa, Badr e nel Consiglio Supremo. I sadristi ammettono che l’Iraq non può essere governato senza la componente sunnita. Questo è il motivo per cui Sadr si è aperto ai sauditi. Se i rivali regionali dell’Iran fossero intelligenti, non proverebbero a controbilanciare l’Iran in Iraq usando un numero esiguo di espulsori sunniti troppo esigui per costituire una minaccia. Invece, sosterrebbero il grande blocco sciita che si oppone all’influenza iraniana eccessiva in Iraq. Quando i sostenitori di Sadrist hanno preso d’assalto la Green Zone e il Parlamento iracheno nell’aprile di quest’anno, hanno rubato agli estremisti sunniti ciò che avevano sognato per oltre un decennio: marciare nella Green Zone per saccheggiare il governo sciita. L’Iraq non può più essere diviso in modo semplicistico in un governo sciita e in un’opposizione sunnita. Invece, ci sono sciiti e sunniti nel governo, così come nell’opposizione. I sostenitori del sadismo hanno scandito slogan nazionalisti, tra cui la richiesta da parte dell’Iran di uscire e respingere Qassem Suleimani. I sadristi hanno dimostrato che gli sciiti iracheni possono essere iracheni patriottici piuttosto che strumenti dell’Iran. E oggi in Iraq, il politico più popolare tra i sunniti è Ayad Alawi, che è sciita!

La battaglia per riconquistare Falluja si concluse con una vittoria. L’elemento chiave è stata la partecipazione di migliaia di combattenti PMF, come ho osservato e come conferma la mia ricerca dei comandanti sul campo. Inizialmente, il PMF è stato assegnato per riconquistare la campagna intorno a Falluja mentre l’esercito e la polizia hanno effettuato l’offensiva sulla città. Dopo che queste forze fallirono, il contingente del PMF entrò in città e lo liberò. Questi uomini, quasi tutti sciiti delle forze del Badr, erano dapprima vestiti con uniformi della polizia. Ma nel momento in cui sconfissero il nemico, fu scoperto il loro ruolo come membri del PMF.

Eppure è innegabile che a Falluja si siano verificati abusi tipici delle campagne di controinsurrezione: i ricercatori occidentali per i diritti umani che hanno condotto lavori sul campo ad Anbar mi hanno confermato che mancano tra i 600 ei 900 uomini dispersi dopo le varie operazioni di Anbar e circa 600 uomini che sono fuggiti dal L’area di Falluja è stata picchiata o torturata. Il PMF ha bisogno di un codice penale e deve punire pubblicamente i trasgressori e condurre indagini trasparenti per dimostrare la responsabilità. Se il PMF vuole diventare un’istituzione irachena permanente, come sembra probabile, questo potrebbe essere sostenuto dagli Stati Uniti e da altri membri della coalizione anti-ISIL in modo tale da accrescere la responsabilità per la forza e contribuire a garantire che le violazioni dei diritti umani siano gestite con. Gli Stati Uniti e i loro alleati europei possono porre condizioni a sostegno del governo iracheno ricevuto per forzare un comportamento migliore tra le milizie.

Gran parte della distruzione in Iraq non deriva dalla battaglia, ma dalla vendetta sia del PMF che delle tribù, incluse le tribù sunnite. Distruggere deliberatamente case per punire una comunità è un crimine di guerra, e la comunità internazionale sta offrendo stabilità e denaro per la ricostruzione in Iraq. I donatori potrebbero imporre condizioni di finanziamento, rifiutando di pagare per riparare il danno derivante dai crimini di guerra commessi dal PMF o dalle forze di sicurezza irachene. Gli Stati Uniti e la comunità internazionale dovrebbero impegnarsi con il PMF per incoraggiare una migliore disciplina, proprio come fa con le forze militari partner di tutto il mondo. Alcuni iracheni potrebbero essere comunque scettici nei confronti delle ammonizioni americane. Le forze di sicurezza irachene sono emerse durante l’occupazione americana dell’Iraq, quando sono stati abusati prigionieri innocenti, sono state ricercate soluzioni brutali e tanti uomini sono stati raggruppati e detenuti in massa. Fu in questo periodo che nacque la narrativa della vittimizzazione sunnita.

Quindi, mentre gli abusi si sono sicuramente verificati, le affermazioni che i sunniti sono perseguitati in Iraq si affacciano su una realtà molto più sfumata. Alcuni sunniti sono effettivamente perseguitati, compresi gli uomini provenienti che subiscono una politica di colpevolezza per associazione, solo per provenire da determinati luoghi (qualcosa che coinvolge anche il governo siriano). Quindi un uomo di Falluja, Jurf Assakhr o altre città che hanno una storia di ospitare al Qaeda e lo Stato islamico possono essere perseguitati – ma non tutti i sunniti. Ad esempio, i sunniti di Baghdad non vengono presi di mira. Non è il 2006, quando i cadaveri sunniti erano  trovati nei cassonetti ogni giorno. Anche dopo gli attacchi di massa contro  civili sciiti, come l’attacco del 3 luglio che ha ucciso circa 200 o un altro attacco lo scorso maggio, non ci sono stati attacchi di rappresaglia contro i sunniti.

Inoltre, la persecuzione dei sunniti in Iraq che esiste, pur essendo imperdonabile, non è indiscriminata. Sulla base delle mie interviste e ricerche, gli uomini che sono fuggiti dalle aree detenute dall’ISIL nelle prime fasi e hanno cercato rifugio nelle aree governative, comprese le aree a maggioranza sciita, non sono sospettati di legami con il gruppo jihadista e sono lasciati vivere pacificamente le loro vite. Tuttavia, coloro che sono rimasti indietro o fuggiti di recente sono a volte perseguitati sotto l’ipotesi spesso ingiusta di simpatizzare con i terroristi. Dal punto di vista dei servizi di sicurezza, questi sono uomini che hanno scelto di rimanere a Falluja negli ultimi due anni, a differenza dei molti Falluani che sono fuggiti presto dall’ISIL e hanno cercato sicurezza a Baghdad. I servizi di sicurezza hanno il diritto di preoccuparsi che alcuni combattenti dell’ISIL si possano essere infiltrati tra i civili in fuga. In un miglioramento significativo rispetto a quello che gli iracheni chiamano il periodo del “settarismo” che si è concluso nel 2008, le violazioni oggi comportano molte meno uccisioni ma invece sono aumentate le distruzioni di case e di villaggi per vendicarsi sotto la percezione che i residenti supportassero l’ISIL. I PMF sono imperfetti, come lo sono tutte le forze di sicurezza in Medio Oriente. Considerato il ruolo di Falluja come un rifugio sicuro per coloro che decapitano gli sciiti e per sostenere gli insorti, è sorprendente il modo in cui il PMF è stato contenuto. Gli osservatori esterni possono discutere se il governo iracheno debba dare la priorità alla liberazione di Falluja, ma Baghdad si può permettere questo lusso. Falluja si trova a 50 chilometri dalla capitale e non lontano dalla città chiave del santuario di Karbala. Si trova a cavallo tra l’autostrada e Amman, che è una via commerciale chiave.

Mentre il PMF beneficia dei consulenti e dell’assistenza iraniani, queste unità sono comandate dagli iracheni e rimangono sotto l’autorità del primo ministro iracheno. All’inizio il PMF ha permesso al servizio antiterrorismo iracheno (CTS), alla polizia e all’esercito di tentare e non riuscire a prendere la città. Nel frattempo, il PMF rispetta gli ordini del primo ministro iracheno, contraddicendo coloro che sostengono che le unità rappresentano semplicemente una forza extralegale controllata dall’Iran. I media occidentali (e alcuni canali satellitari arabi) hanno alimentato le paure sunnite e hanno trasformato Falluja in un grido di battaglia, ma non sono gli stessi PMF a causare il grido di battaglia.

Infine, il PMF è una forza di compensazione e supporto piuttosto che una forza di mantenimento. Libera il territorio dall’ISIL o sostiene le forze di sicurezza irachene (a sua volta maggioranza Shia) quando lo fanno. Poi il PMF va avanti, lasciando alle forze locali (sunnite) il mantenimento dell’ordine e la ricostruzione al governo a (che si  spera faccia).

Anche l’esercito iracheno e le forze di sicurezza sono maggioranza sciiti, proprio come il PMF. Non c’è alternativa al PMF in Iraq, come dimostrato dal loro recente ruolo chiave nella liberazione di Falluja. Da quando il PMF ha preso Tikrit, la maggior parte dei suoi abitanti è tornata e la vita è tornata alla normalità. Poiché al PMF non è stato concesso di partecipare alla liberazione di Ramadi, la città doveva essere distrutta per mancanza di una forza di terra disposta a riprenderla. Niente di tutto ciò significa che il PMF sia la forza ideale. È una soluzione di emergenza in risposta a una minaccia esistenziale e ha salvato l’Iraq dal collasso totale. Invece di evitare il PMF, gli Stati Uniti dovrebbero impegnarsi con esso. Invece di impedire al PMF di partecipare alle operazioni per liberare le città, gli Stati Uniti dovrebbero incorporarlo nella propria pianificazione insieme alle forze di sicurezza convenzionali irachene. Ciò contribuirebbe ad integrare ulteriormente il PMF nello stato iracheno.

La narrativa occidentale settaria

Come ho spiegato, la narrativa occidentale di questi conflitti e il ruolo dell’identità confessionale in particolare semplicemente non coincide con i fatti sul terreno. Ciò ha portato a scelte politiche sbagliate ad ogni svolta.
Niente di tutto questo è per giustificare gli abusi dello stato siriano e dello stato iracheno. In particolare, in Siria, il governo ha scatenato livelli disperati di brutalità, usando punizioni collettive, attacchi indiscriminati alle aree insurrezionali e severe tattiche di assedio per impedire agli insorti di penetrare nelle aree statali e costringerli ad accettare cessate il fuoco. Ciò ha sicuramente portato alla radicalizzazione come sempre fa la violenza. Si spera che questo retaggio di crimini di guerra commessi da tutte le parti venga affrontato, ma la prima priorità deve essere la fine delle guerre. Ma ci sono problemi più ampi che Washington deve affrontare.

Nel mio prossimo articolo su questo argomento, discuterò di come siamo arrivati ​​qui, la crisi dell’identità sunnita che sta al centro di questi conflitti, e di come la politica occidentale e, in particolare, americana dovrebbe cambiare per adattarsi alle realtà del Medio Oriente e concentrarsi sulla costruzione e il rafforzamento delle istituzioni nazionali e delle forze nazionali non settarie.

qui la prima parte: http://www.vietatoparlare.it/il-mito-sunnita-di-washington-e-le-guerre-civili-in-siria-ed-in-iraq/

 

nota: come sempre, nel caso di articoli scritti da terzi, alcune opinioni dell’autore dell’articolo possono non corrispondere il punto di vista di Vietato Parlare.

JOIN THE DISCUSSION

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.