Medio Oriente: i Miraggi Fugaci degli Stati Uniti

I membri dell’amministrazione di Washington, che pretendono di governare il mondo intero, ogni giorno sorprendono tutti con la loro miopia politica.

Ad esempio, il segretario di Stato degli Stati Uniti Rex W. Tillerson ha invitato i gruppi armati filo-iraniani che combattono gli islamici sul territorio iracheno a “tornare a casa” perché la guerra con DAISH sta volgendo al termine. Non è chiaro se il signor Tillerson stesse effettivamente invitando questi gruppi a combattere il mostro bandito creato dagli Stati Uniti per tornare in Iran o nelle loro case irachene. Sebbene questi gruppi siano armati e finanziati da Teheran, sono composti da sciiti iracheni che si trovano e combattono nella loro patria. Il primo ministro precauzionale dell’Iraq, Haider al-Abadi, non solo si è astenuto dall’accogliere l’appello di questo “grande politico” americano, ma ha categoricamente affermato che le milizie delle fazioni filo-iraniane erano veri “patrioti iracheni” che a quanto pare meritano tutti lode. Si scopre che nessuno di questi gruppi si scioglierà,

Dopo di ciò, alcuni “esperti” di alto livello dell’amministrazione di Donald Trump lamentarono amaramente che il governo iracheno e l’Iraq stesso non esisterebbero affatto se migliaia di cittadini americani non avessero dato la vita per “proteggerlo”, e I contribuenti americani non avrebbero speso mezzo trilione di dollari per trasformare l’Iraq in una cosiddetta “democrazia”. Il governo sciita ha ripetutamente respinto le richieste statunitensi di riconciliazione con i sunniti, perché questo era il motivo principale per cui DAISH era stato creato dagli Stati Uniti Stati e prosperò nelle province sunnite dell’Iraq. Questo governo, osserva i media americani, sta prestando più attenzione a Teheran che a Washington, e sta cominciando sempre più a cooperare con Teheran, la Russia e i paesi europei.

Gli Stati Uniti, a causa dei loro miopi politici e militari, e facendo affidamento solo sulla forza bruta, non sono stati in grado di fermare il processo di graduale perdita di influenza in Iraq. C’è una domanda semplice: per il bene dal 2003, le amministrazioni di Washington hanno speso le loro forze e le loro finanze in Iraq, che stanno aiutando, e il contribuente americano ha bisogno di tutto questo?

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha risposto in modo molto diretto e ingenuo a tutte queste domande, sottolineando che ha sempre sostenuto la conservazione della presenza militare statunitense in Iraq, il che garantirebbe il controllo dei giacimenti petroliferi del paese. “Ho sempre sostenuto che non dovremmo essere lì, ma da quando hai deciso di entrare, prendi il petrolio”, ha detto Donald Trump al momento della campagna, rimproverando la leadership precedente per il fatto che i depositi sono andati in Iran, Russia e Cina. “Avremmo dovuto lasciare il potere di controllare i campi petroliferi.”

Allo stesso tempo, il presidente degli Stati Uniti ha rivelato i suoi piani per “prendere il controllo” del petrolio, che è temporaneamente caduto nelle mani dei militanti DAISH. Questo è ciò che la coalizione filoamericana sta facendo attualmente nel siriano Deir ez-Zor, dove, prima dell’inizio del conflitto siriano nel 2011, il campo di Al-Omar recentemente portato forniva fino al 25% di tutto il petrolio siriano. Il volume totale della produzione di petrolio in tutto il paese era di 385.000 barili al giorno. In questo momento, il campo di Al-Omar, proprio come circa il 70% di tutto il petrolio siriano, è sotto il controllo dei curdi, e quindi interamente sotto il controllo degli Stati Uniti. “L’obiettivo principale degli Stati Uniti e dei propri alleati è quello di stabilire il controllo sull’economia siriana, principalmente sulle risorse di gas e petrolio”, ha detto il governatore provinciale di Deir ez-Zor Mohammad Ibrahim Samra in un’intervista a Sputnik nel settembre 2017.

La testardaggine testarda con cui Washington, avendo fallito completamente con la sua campagna per “democratizzare” il Medio Oriente, inclusa l’emergere di tali mostri terroristi come Daish, Jabhat al-Nusra e molti altri, continua a seguire lo stesso corso, portando alla gente solo la morte, le lacrime e il dolore sono sorprendenti. Il noto ricercatore William Pfaff avverte: “Possiamo ipotizzare che qualsiasi nuova strategia americana volta a riformare il Medio Oriente sarà percepita dal mondo come una pazzia. I precedenti tentativi hanno portato solo distruzione e creato un feroce odio verso gli Stati Uniti in gran parte del mondo islamico, e anche, se lo desiderate, il “Nuovo Califfato” stesso. Washington si è ora nominato leader di un altro, come previsto, intervento infruttuoso, in cui decine, centinaia di migliaia di persone, o anche milioni, può morire se le ostilità continuano. La monarchia saudita e gli Stati Uniti, come sponsor di ciò che resta dell’Iraq, dichiararsi difensori  contro l’eventuale successore delle maggiori potenze sunnite della DAISH. ” 

Recentemente Washington sta operando in una situazione piuttosto complessa di rivalità tra i propri alleati e partner. Gli Stati Uniti devono mantenere l’equilibrio e risolvere i conflitti per riaffermare la propria egemonia. Si ricorderà che all’inizio di giugno 2017 si è verificata una spaccatura nel gruppo degli alleati degli Stati membri degli Stati membri del Consiglio di cooperazione degli Stati arabi del Golfo Persico (GCC). Ma negli ultimi tempi questo conflitto sembra essere andato nell’ombra, anche se continua a svilupparsi. Alcuni esperti ritengono che le misure coercitive adottate dall’Arabia Saudita per esercitare pressioni sul Qatar abbiano avuto l’obiettivo di incoraggiare i membri della famiglia dominante del Qatar a rovesciare l’Emiro, Tamim bin Hamad Al Thani.

Il Qatar, come si suol dire, era pronto a vendicarsi e ha rivelato una serie di “segreti”, di cui i media mondiali avevano ripetutamente scritto. L’ex primo ministro del Qatar, Sheikh Hamad bin Jassim bin, Jabr Al Thani,  in  onda su una delle trasmissioni televisive del Qatar, ha rilasciato una dichiarazione in cui rivelava i quattro principali sponsor della cosiddetta opposizione armata siriana e gruppi islamici radicali che operavano in Siria. Il politico ha ammesso francamente che fin dall’inizio della crisi del 2011 i terroristi erano armati completamente e sotto il comando diretto degli Stati Uniti , l’  Arabia Saudita , Qatar e Turchia. L’ex primo ministro ha anche aggiunto che l’obiettivo della guerra provocato da questi quattro stati era ed è ancora lo spostamento del governo indesiderato della Siria e del presidente Bashar al-Assad. Hamad Al-Thani ha accennato al fatto che il Doha ufficiale aveva documenti e documenti che corroboravano direttamente le sue parole.

Questo riconoscimento è stato una sorta di risposta alla recente dichiarazione del Qatar da parte dei rappresentanti degli Stati Uniti e dell’Arabia Saudita, che ha cambiato drasticamente il loro atteggiamento nei confronti del loro recente alleato, accusandolo di finanziare il DAISH e Al-Qaeda. In un’intervista rivelatrice, l’ex primo ministro del Qatar ha tuttavia osservato che inizialmente tutti – Washington, Riyadh e Doha, così come Ankara – erano in una trincea, coordinando tutte le loro azioni criminali sul territorio della Siria l’una con l’altra .

In queste nuove e non familiari circostanze, il presidente americano decise di ricorrere alla sua “ultima arma” e mandare suo genero e consigliere a Jared Kushner in Medio Oriente. È probabile che l’ultima dichiarazione del principe dell’Arabia Saudita, Mohammed bin Salman bin Abdulaziz Al Saud, riguardante l’intenzione di “portare il paese in un mondo moderato e aperto all’Islam”, a sua volta abbia causato il panico a Washington. Gli Stati Uniti temono di perdere il Golfo Persico, così come l’Arabia Saudita, tra gli altri. Il controllo costante delle risorse petrolifere nella regione è di grande importanza per gli Stati Uniti d’America, e inoltre, Riyadh è uno dei principali creditori degli Stati Uniti e un alleato del petrolio che promuove gli interessi di Washington nella regione. Ciò è particolarmente importante oggi, sullo sfondo dei recenti acquisti cinesi di olio saudita in RMB, con ulteriore conversione di RMB in oro, che indebolirà il dollaro rispetto alle principali valute. Può darsi che il dollaro possa perdere il suo status di riserva principale e valuta transazionale del mondo.

A questo proposito, la visita senza preavviso di Jared Kushner è un segnale che è ora di dare nuovi approcci alla politica americana e di scoprire se Washington ha una ragione di panico. Come molte altre regioni del mondo, il Medio Oriente ha cessato di appartenere solo agli Stati Uniti . È probabile che gli Stati Uniti abbiano qualcosa da temere nelle circostanze attuali. La guerra in Siria, Iraq e Afghanistan, il rapido sviluppo della SCO e dell’ASEAN hanno dimostrato a molti paesi dal Medio Oriente all’Asia sudorientale che è giunto il momento per una transizione dall’espansione americana alla cooperazione reciprocamente vantaggiosa con la Russia e la Cina , che la maggior parte di loro probabilmente userà.

Victor Mikhin, un membro corrispondente di RANS, in esclusiva per la rivista online ” New Eastern Outlook “.

 

Collegamento sorgente

JOIN THE DISCUSSION