L’offerta dell’Equador di dare lo status diplomatico a Julian Assange respinta dalla Gran Bretagna |

Fonte: The Guardian – Mer 10 gen

Il Foreign Office ha respinto la richiesta del governo ecuadoriano di concedere al fondatore di WikiLeaks, Julian Assange [1] , lo status diplomatico come mezzo per rompere lo stallo sulla sua continua presenza nel Regno Unito.

Lo sviluppo arriva tra le notizie che Assange – un australiano che si è rintanato nell’ambasciata ecuadoriana per più di cinque anni – è diventato di recente un cittadino dello stato sudamericano.

Se viene assegnato lo status di diplomatico, si ritiene che Assange possa ottenere determinati diritti all’immunità legale e potrebbe essere in grado di lasciare l’ambasciata a Knightsbridge, e infine nel Regno Unito, senza essere arrestato per aver violato le sue precedenti condizioni di libertà su cauzione.

I magistrati svedesi lo scorso anno hanno inaspettatamente abbandonato le loro indagini sulle accuse contro di lui, che includevano una richiesta di stupro. Aveva resistito all’estradizione a Stoccolma per anni.

Assange deve ancora arrestare per aver infranto le condizioni della libertà su cauzione se si trova fuori dall’ambasciata. WikiLeaks ha espresso il timore che gli Stati Uniti cercheranno la sua estradizione se lascerà l’ambasciata. Si dice che ci sia un’accusa americana sigillata che ordina il suo arresto.

(…)

Allo stesso tempo, Assange è apparso sul suo account Twitter per la prima volta indossando una maglia da calcio nazionale ecuadoriana.

Sui giornali di Quito c’erano notizie che gli era stato recentemente assegnato un numero di identità nazionale. (…)

All’inizio di questa settimana, il ministro degli Esteri dell’Ecuador, María Fernanda Espinosa, ha dichiarato che il suo paese stava cercando un “paese terzo o una personalità” per mediare un accordo definitivo con il Regno Unito per risolvere l’impasse e che stava “considerando ed esplorando la possibilità della mediazione”.

“Nessuna soluzione sarà raggiunta senza la cooperazione internazionale e la cooperazione del Regno Unito, che ha anche mostrato interesse a cercare una via d’uscita”, ha detto ai corrispondenti stranieri a Quito, secondo Agence France-Presse.

Assange, che ha ricevuto numerosi visitatori nei suoi modesti quartieri dell’ambasciata, da Nigel Farage a Lady Gaga, ha descritto il periodo dal suo arresto iniziale come una “terribile ingiustizia”. Non essere in grado di vedere crescere i suoi figli era “non qualcosa che posso perdonare”, ha detto.

Per diversi anni, i poliziotti metropoliti hanno mantenuto un costante controllo dell’ambasciata, situata dietro Harrods, nel centro di Londra, ad un costo di almeno 11,1 milioni di sterline, secondo i dati diffusi da Scotland Yard nel giugno [3] 2015. Quattro mesi in seguito, la polizia ha revocato la guardia ventiquattr’ore su ventiquattro  giudicato non più proporzionato.

Un gruppo delle Nazioni Unite ha concluso nel 2016 che Assange era sotto detenzione arbitraria.

Fonte: http://theguardian.com/media/2018/jan/10/julian-assanges-bid-for-diplomatic-status-rejected-by-uk-government