L’occidente contribuisca alla ricostruzione ed al ritorno degli sfollati siriani

L’occidente fornisce insufficienti aiuti umanitari (attraverso le organizzazioni internazionali) alla Siria ed ai paesi limitrofi che ospitano gli sfollati. Tuttavia, allo stesso modo agiscono anche in direzione uguale e contraria. Sono ancora attive infatti le sanzioni contro la Siria che incidono ad ogni livello ed in ogni settore della società.

Tutto ciò sarebbe inspiegabile se non si considerassero i cospicui aiuti che l’Europa , gli Stati Uniti ed i paesi del Golfo e la Turchia (prima che entrasse nel terzetto di Astana) hanno destinato per il rovesciamento dello stato siriano, infischiandosene della volontà dei propri cittadini.

Attualmente è in corso il tentativo di convincere gli stati occidentali di predisporre le condizioni per il ritorno degli sfollati siriani rifugiati nei paesi europei e confinanti. Ovviamente tutto questo presuppone la volontà politica di farlo, ciò vuol dire occorre una partecipazione attiva a predisporne le condizioni. Ma il dato è che la Siria è ora abbastanza pacificata e stabilizzata in alcune aree, in misura tale da cominciare a riaccogliere i propri cittadini.

Il problema è che in occidente – nonostante timidi segni di apertura – non è complessivamente mutato l’atteggiamento aggressivo contro la Siria, il cui popolo aspira alla pace ed a ricostruire dalle macerie.

Per la sensibilizzazione politica a questo è oggi in corso in tutto il mondo un ‘flash mob’ predisposto da attivisti per la Siria alle ore 12.00. Il logo scelto è raffigurato nella immagine di apertura : il popolo siriano vuole rialzarsi e ricominciare, con dignità e pace.

Print Friendly, PDF & Email

Comments

  • #TimeToBackHome Flash-mob: Syria is Waiting for Its Citizens to Come Back – Veterans Today | News – Military Foreign Affairs Policy 17 agosto 2018 at 15:23

    […] several Middle Eastern and European media, e.g. Al-Kaun News, JP news, al-Bashair, Vedeng or Vietato Parlare, have encouraged their readers to join the flash […]