L’ISIS può sopravvivere ancora senza territorio per nutrirsi

Autore: Grete Mautner  – Journal Neo

È stato recentemente riportato che il cosiddetto Stato islamico in Iraq e in Siria (ISIS) non ha guadagni territoriali in  Iraq o in Siria, tuttavia sarebbe un eufemismo maggiore se si scegliesse di sostenere che questo gruppo terroristico non è più un minaccia.

Secondo i dati presentati dal famigerato think tank americano RAND, per un periodo di poco più di un decennio dal 2004 al 2016, l’UE ha perso ben oltre 180 miliardi di euro  sia in termini di entrate che di spese per motivi legati al terrorismo . Tra tutti gli stati membri, la Gran Bretagna e la Francia hanno subito le perdite maggiori, rispettivamente pari a 43,7 miliardi di euro e 43 miliardi di euro, seguiti dalla Spagna (40,8 miliardi di euro) e dalla Germania (19,2 miliardi di euro). Secondo le informazioni diffuse dalla polizia anti-terrorismo britannica, solo l’anno scorso un totale di 441 persone hanno affrontato accuse di terrorismo in tutto il paese. In totale, dagli attacchi dell’11 settembre, questo organismo governativo ha arrestato 4.182 sospetti terroristi.

Nella sua recente intervista con Focus, il presidente dell’ufficio federale tedesco per la protezione della costituzione , Hans-Georg Maaßen ha sottolineato il fatto che la minaccia che l’ISIS pone ancora non dovrebbe essere sottovalutata in nessuna circostanza. Dopo aver affrontato una serie di schiaccianti sconfitte militari, egli ha detto, sarebbe logico presumere che questo gruppo terroristico avrebbe concentrato i suoi sforzi sul lancio di attacchi al di fuori del Medio Oriente, specialmente in Europa, dal momento che ha bisogno di dimostrare che non è stato completamente distrutto.

Questa opinione è confermata dai dati pubblicati da Europol, secondo i quali il numero di attacchi terroristici compiuti dagli islamisti radicali in Europa è in costante crescita ed è più che raddoppiato nel corso dello scorso anno. Allo stesso tempo, tali attacchi terroristici stanno diventando sempre più crudeli, con conseguenti perdite civili più pesanti. In totale, 975 persone sospettate di terrorismo sono state arrestate in tutta l’UE l’anno scorso.

Un recente studio sull’opinione pubblica pubblicato dalla società di ricerca YouGov mostra che immigrazione e terrore sono i due argomenti più importanti per i residenti in 9 paesi europei su 11 scelti per lo studio. Non sorprende che l’immigrazione resti una delle maggiori preoccupazioni tra gli europei, dal momento che i dati demografici stanno diventando troppo scomodi per i residenti locali a stomaco. Ad esempio, solo 1 su 3 abita ad Amsterdam di età inferiore ai 15 anni è di etnia olandese. Ciò può essere spiegato dal fatto che gli stranieri tendono ad avere più figli, li consegnano prima, il che rende la stragrande maggioranza degli stranieri tra i giovani demografici. Anche se oggi l’immigrazione si arrestasse bruscamente, le comunità musulmane continueranno a crescere più velocemente delle popolazioni indigene.

Il numero di musulmani residenti nell’Europa occidentale è destinato a raddoppiare entro il 2050, secondo il centro di ricerca PEW. In Francia, secondo la stessa fonte, questo numero crescerà dal 9% della popolazione totale al 17,4%. Ciò significa che lo stato di emergenza che viene regolarmente annunciato da Parigi diventerà una cosa permanente. Secondo i dati presentati nella relazione annuale dell’Europol per l’anno scorso, almeno 400 islamisti sono arrestati ogni anno in Francia.

Nel corso dell’ultimo decennio, le agenzie di sicurezza occidentali sono riuscite a prevenire ben oltre 9 mila attacchi terroristici in tutta l’UE. Secondo le agenzie di intelligence tedesche, negli ultimi anni sono stati scoperti con successo oltre 9.000 intrighi terroristici contro paesi europei.

È curioso che lo studio presentato dal Centro Soufan ci dica che su 5.778 persone che sono partiti in un determinato momento dall’Europa occidentale per condurre “jihad” all’estero, un totale di 1.200 sono tornati a casa sani e salvi. La maggior parte di questi è ora residente nel Regno Unito, in Francia e in Germania, e sembra che gli europei abbiano già avuto un assaggio delle conseguenze di questi recenti ritorni a casa di terroristi.

Il Servizio federale di informazione della Confederazione (FRS) ha anche preparato un rapporto sul livello di minaccia islamista in tutta Europa, sollevato dal ritorno di radicali dalle zone di conflitto in Siria, Iraq e nella regione del Sahara-Sahel. L’anno scorso, in Francia sono stati commessi nove attacchi terroristici con successo, mentre Spagna e Belgio sono rimasti indietro con due attacchi terroristici ciascuno, e Svezia, Finlandia e Germania hanno chiuso l’elenco con non più di un attacco terroristico ogni anno. Tuttavia, ci sono stati nove tentativi infruttuosi di commettere atti di terrorismo, che sta diventando un problema per la Svizzera, che rimane un centro finanziario internazionale che deve sviluppare nuovi approcci per monitorare i trasferimenti bancari di gruppi islamici radicali.

Tuttavia, si può vedere chiaramente ora che l’Occidente non ha intenzione di sradicare la minaccia dell’islamismo radicale, in quanto ciò priverebbe la NATO di un pretesto per portare avanti la sua presenza militare nel Nord Africa e nel Medio Oriente. Ecco perché organizzazioni terroristiche come ISIS continuano a ricevere finanziamenti e armi da ONG occidentali e da alcune agenzie di intelligence. In particolare, questo fatto è stato confermato dall’esercito arabo siriano che ha scoperto scorte di armi e munizioni prodotte dall’America e da Israele nel Governatorato di Quneitra dopo aver costretto i cosiddetti Elmetti Bianchi ad abbandonarli.

Recentemente, queste forniture di armi illegali alle forze antigovernative in Siria sono state riprese dalla CIA. Per essere più precisi, ci sono rapporti che lo scorso luglio una società danese, H. Folmer & Co., ha ripreso la consegna di armi prodotte dalla Bulgaria in Arabia Saudita, da dove vengono contrabbandate a militanti radicali in Siria, come confermato dal dati forniti da Marinetraffic.

Funzionari ucraini hanno anche rilanciato operazioni di contrabbando usando il pretesto di un’azienda americana chiamata Alaska Reefer Managment registrata a Seattle. In particolare, un gruppo di giornalisti investigativi indipendenti ha recentemente annunciato che i contenitori di cibo spediti da questa compagnia in Siria, Iraq e Libano dal porto ucraino di Nikolaev non contenevano salsicce o zampe di gallina come dichiarato, ma erano pieni fino all’orlo di missili .

Inoltre, gli attivisti dei media europei hanno scoperto più di 180 organizzazioni islamiste in Europa che operano sotto l’apparenza di associazioni non governative per i diritti umani che promuovono l’idea di creare un “califfato” globale e combattere gli oppositori dell’islamizzazione europea. La parte più ironica è che finanziano le loro attività con denaro rubato ai contribuenti europei.

Il maggior numero di movimenti islamisti può essere trovato nel Regno Unito – 84. Seguito da Germania, Austria, Svizzera, Belgio e Francia. Una delle tendenze fondamentaliste nell’Islam, il salafismo, sta diventando sempre più comune in Svezia.

Secondo gli attivisti della Mappa Islamica, la parte del leone delle organizzazioni islamiste è stata creata e ora controllata da un gruppo con radici egiziane, i Fratelli Musulmani, insieme al movimento islamista palestinese Hamas e alla Direzione degli affari religiosi della Turchia. Un’organizzazione pubblica associata ai Fratelli musulmani ha ricevuto oltre 6 milioni di euro negli ultimi sei anni, che è stato utilizzato per sponsorizzare la lotta contro i suoi avversari.

Per quanto riguarda il ruolo che i paesi occidentali continuano a svolgere nella sponsorizzazione del terrorismo, è impossibile ignorare il recente scandalo nei Paesi Bassi innescato da un’indagine giornalistica che ha rivelato che le autorità locali forniscono assistenza ai gruppi terroristici che operano in Siria. Secondo i media, l’ammontare totale della cosiddetta “assistenza non letale” ai terroristi fornita dagli enti governativi locali ammontava a 25 milioni di euro in uniformi, telefoni satellitari e camioncini. C’è un’inchiesta in corso, ma anche ora è chiaro che il sostegno delle forze antigovernative in Siria è stato fornito in totale dispregio del diritto internazionale.

Quindi, finché le élite politiche europee e americane non smetteranno di nutrire il mostro che ha consumato migliaia di vite umane, non si può mettere fine all’ISIS anche se non detiene più un territorio significativo.

Grete Mautner è una ricercatrice indipendente e giornalista dalla Germania, in esclusiva per la rivista online ” New Eastern Outlook.

Source link: New Estern Outlook

traduzione in italiano: Vietato Parlare

JOIN THE DISCUSSION

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.