L’intelligence russa rivela che è in preparazione un altro finto attacco chimico nella località di Deir Ezzor

Il portavoce del ministero russo della Difesa Igor Konashenkov ha denunciato che gli Stati Uniti stanno preparando una sorta di provocazione su larga scala in Siria, nella località di Deir ez-Zor, con il supporto delle milizie del “Free Syrian Army”.

“Secondo le informazioni confermate da tre canali indipendenti in Siria, il comando del cosiddetto” Free Syrian Army “con l’aiuto di truppe speciali degli Stati Uniti forze di operazioni sta preparando una nuova grave provocazione mediante l’uso di agenti chimici, in provincia di Deir ez-Zor,” – ha riferito Konashenkov alla TASS.

Ha anche assicurato che il piano in preparazione è mirato alla provocazione per giustificare di replicare un altro attacco al paese. Secondo Konashenkov, le bombole contenenti il  gas sono state portate nella città di Hakl Al-Jafra per mettere in atto una false -flag “

“Il video auto-prodotto dovrebbe essere diffuso successivamente [sulla falsariga del falso attacco a Ghouta del 7 aprile] dai media occidentali  e dovrebbe servire come un nuovo pretesto per  giustificare un attacco missilistico e aereo contro le truppe del governo siriano sulla riva orientale dell’Eufrate,” .  (Fonte TASS – http://tass.ru/armiya-i-opk/5282489 )

Alla notizia è stato dato spazio anche in altri giornali russi in cui viene rivelato che “cilindri con cloro sono già stati consegnati nella provincia di Hakl Al-Jafra“.

Può essere casuale ma il gruppo d’attacco della portaerei della Marina degli Stati Uniti è tornato nella regione del Mediterraneo orientale e dirige al largo della Siria, guidato dalla portaerei Harry Truman. Inoltre, oggi e nei giorni scorsi si sono verificati ripetuti tentativi di sconfinamento da parte delle milizie antigoverntive dalla località di al Tanf, verso Palmyra (vedi qui).

Il ministero della Difesa ha messo in guardia contro l’uso di tali provocazioni per destabilizzare la situazione in Siria.