Ecco dalla TV USA NBC, le informazioni ‘top secret’ che Trump ha rivelato al ministro degli esteri russo (nascoste dai nostri media).

Negli Stati Uniti domina la russo-fobia. L’ultima sceneggiata andata in onda, è stata la ‘non-notizia’ sulle confidenze di Trump al ministro degli esteri russo Trump (durante la visita ufficiale di Lavrov alla Casa Bianca).  

In tale occasione,  Trump avrebbe divulgato nonsochecosa a Lavrov. Su questo nonsochecosa stasera i ‘Tiggì’ hanno lasciato intendere che il russia-gate continua, che Trump è stato eletto grazie ai russi, che lavora per i russi etc… Tradotto, questo modo di comportarsi significa che da un pezzo le nostre televisioni pubbliche si fanno concorrenza tra loro solo limitatamente al parlare dell’inutile e per giunta in modo non esatto.

La mia non è una posizione ‘a priori’. Sì, perché (ed è qui il fatto estremamente grave) l’arcano sulle informazioni passate ai russi era già stato svelato (e chiarito) ieri (!!!) dal canale televisivo USA NBC.

C’è da domandarsi allora perché i nostri mezzi di informazione abbiano fatto finta di nulla e non abbiano divulgato il contenuto delle rivelazioni della rete televisiva NBC che tra l’altro sono state confermate dal consigliere per la sicurezza nazionale del presidente degli Stati Uniti, gen. McMaster.

Ma vediamo esattamente cosa ha detto la NBC. La rivelazione è la seguente: l’argomento trattato da Trump e trasmesso a Lavrov concerneva l’ISIS. Il presidente americano ha ritenuto di dover avvisare i russi che l’ISIS sta organizzando un ennesimo attentato aereo su un volo di linea. Nel dettaglio, l’esplosivo potrebbe essere nascosto in un computer portatile.

NBC News ha detto che la divulgazione di tali informazioni potrebbero mettere a repentaglio la vita di un agente israeliano che è stato segretamente introdotto nelle file dell’ISIS. In proposito però il consigliere per la sicurezza nazionale del presidente degli Stati Uniti ha aggiunto che nessuna fonte è stata compromessa.

Secondo il consigliere di Trump, durante l’incontro alla Casa Bianca con i funzionari russi, il presidente degli Stati Uniti ha sottolineato che Mosca e Washington dovrebbero “lavorare insieme in aree critiche” e che è questo ‘è del tutto appropriato’.

Il gen McMaster. ha rivelato anche che Trump  ha detto a Lavrov : “Abbiamo un settore di cooperazione che sono i gruppi terroristici transnazionali, in particolare ISIS. Questa organizzazione ha colpito un aereo russo ed ha ucciso più di 200 persone nel mese di ottobre 2015: è stato in tale contesto di conversazione… è in questo contesto che era del tutto appropriato condividere le informazioni circa la minaccia… come base per un’azione comune, di coordinamento e di cooperazione”.

In sostanza, il senso del discorso di Trump era quello mettere in guardia i russi e condividere le informazioni per far fronte alla minaccia. Alle accuse di alcuni membri del Congresso e dei media di ‘farsela con i russi’ aveva risposto con un tweet: “io ne avevo il diritto” aveva detto in un primo tempo, senza specificare cosa.

Precisamente aveva detto: “Come Presidente, ho tutto il diritto di condividere con la Russia , i dati sul terrorismo e la sicurezza internazionale ora che la Russia ha intensificato significativamente la sua lotta contro ISIS e il terrorismo.” Il leader repubblicano aveva poi successivamente aggiunto che l’incontro con Lavrov è stato “meraviglioso”.

Ora alla luce della rivelazione del contenuto delle confidenze a Lavrov diffuso da NBC, c’è da domandarsi seriamente cosa stia succedendo negli Stati Uniti: sembra che le alte sfere ultraconservatrici , ultra-liberiste ed il complesso militare industriale che dominano la politica americana non si siano rassegnati ad essere descritti come “una palude da prosciugare lentamente” (questa è stata infatti la promessa di Trump).

Altra domanda da farci è sui nostri media, che stasera (17 maggio), hanno omesso questo importante particolare per continuare a mettere alla ‘berlina’ Trump e continuare imperterriti con le accuse e con la ‘pressione in lontananza’ made in Europe’. Inutile ricordare che i media hanno il dovere di riportare le informazioni al solo scopo di  fare un servizio di verità e libertà e non per ‘indurre tendenze’ ed orientare politicamente l’opinione pubblica.

Vietato Parlare

Mc Master “informazioni del tutto appropriate”