Le forme fantasma di Brzezinski Geopolitica dell’Eurasia di Washington

14.05.2018 Autore: F. William Engdahl – pubblicato su New Eastern Outlook

Una delle caratteristiche più straordinarie di una trionfietà davvero eccezionale fino ad oggi è il modo in cui precisamente gli attuali sviluppi politici, quando eliminiamo il fumo e gli specchi intenzionali di tweet e scandali, seguono una strategia di base della geopolitica di Washington che risale almeno a 1992. Questo è il caso dell’ultima sfortunata e abbastanza illegale decisione unilaterale di lasciare l’accordo nucleare iraniano. Questo è anche il caso della implacabile campagna di demonizzazione della Guerra Fredda contro la Russia e il dispiegamento di insidiose nuove sanzioni. Questo è anche il caso dell’incombente guerra commerciale che l’amministrazione Trump ha avviato con la Repubblica popolare cinese.

Contrariamente a una convinzione diffusa che il presidente degli Stati Uniti Trump agisca solo per impulso o sia imprevedibile, credo che sia il contrario. Le politiche geopolitiche strategiche dell’Amministrazione Trump sono una risposta, non del Presidente stesso, ma piuttosto dei poteri che sono, l’establishment permanente che controlla effettivamente ciò che a volte viene chiamato lo Stato Profondo. La geopolitica di questa politica determina in larga misura chi autorizzano a diventare presidente.

La prima formulazione ufficiale dell’attuale politica estera di Washington arrivò nel 1992 quando Dick Cheney fu segretario alla Difesa sotto Bush senior. L’Unione Sovietica era crollata e Bush dichiarò trionfalmente l’America come Sole Superpotere. Il vice segretario di Cheney, Paul Wolfowitz, era responsabile dello sviluppo di un piano per la pianificazione della difesa, 1994-1999. E ‘stato brusco, e in seguito descritto dal senatore Ted Kennedy come imperialista. In parte l’inedita Dottrina Wolfowitz dichiarò: “Il nostro primo obiettivo è prevenire il riemergere di un nuovo rivale, sul territorio dell’ex Unione Sovietica o altrove … per impedire a qualsiasi potenza ostile di dominare una regione le cui risorse, sotto consolidata controllo, essere sufficienti per generare un potere globale. “Sotto George W. Bush la Dottrina Wolfowitz riemerse come Dottrina Bush dopo il 2002 in vista della guerra in Iraq,

Geopolitica di base

Tornando al mio titolo, cito dal libro del defunto consigliere presidenziale del tardo pomeriggio, Zbigniew Brzezinski, The Grand Chessboard: American Primacy e i suoi imperativi geostrategici per fare il punto di quello che è oggi la politica estera e di difesa degli Stati Uniti sotto Trump. Non è altro che l’applicazione della sfida geopolitica di Brzezinski e la nozione di guerra preventiva della dottrina Bush-Wolfowitz nel contesto dell’attuale resistenza emergente a un’unico dominio della superpotenza americana.

Brzezinski, era ovviamente l’architetto della guerra afghana di Jimmy Carter contro l’esercito sovietico usando terroristi islamici mujahideen addestrati dalla CIA, dall’intelligence saudita e dall’Isia pakistana.

Nel 1997 scrisse che era “imperativo che nessuno sfidante eurasiatico emergesse, capace di dominare l’Eurasia e quindi di sfidare anche l’America.” Dichiarò inoltre: “Potenzialmente lo scenario più pericoloso sarebbe una coalizione anti-egemonica unita non dall’ideologia ma da rimostranze complementari … una grande coalizione di Cina, Russia, forse l’Iran … A rovescio di questa contingenza … richiederà l’abilità geostrategica statunitense simultaneamente sui perimetri occidentali, orientali e meridionali dell’Eurasia “.

Aggiungendo a questo il recente documento della Strategia nazionale di difesa del Pentagono che definisce la Russia e la Cina come la più grande potenziale minaccia all’egemonia americana, combiniamo questo con i crescenti legami tra Russia, Cina e Iran dopo la revoca delle sanzioni nel 2015, in particolare in Siria, diventa chiaro ciò che Washington sta facendo. Sono in uno sforzo totale per spezzare quella che io chiamo la sfida eurasiatica alla sola egemonia: Russia, Cina, Iran.

Come Brzezinski ha sottolineato, per gli scopi americani di un dominio continuato, non importa che ci siano differenze etniche, religiose e di altro tipo tra Russia, Cina e Iran. La politica estera degli Stati Uniti dal settembre 2001 ha sempre più costretto questi tre a cooperare, nonostante queste differenze, per quello che considerano una difesa della loro sovranità nazionale.

Target Russia …

Guardate i recenti eventi alla luce dell’avvertimento Eurze di Brzezinski del 1997. Washington si trovava dietro il Regno Unito nella falsa vicenda degli avvelenati Skripal che fu accusata, senza prove, della Russia. Un falso attacco chimico fuori Damasco è stato usato come pretesto per il bombardamento illegale degli Stati Uniti, ignorando tutti i precetti della Carta delle Nazioni Unite e del diritto internazionale. Questo, in retrospettiva, era più di una prova di una possibile reazione russa. Sia che il Tomahawk USA o altri missili colpiti o meno, il precedente è stato predisposto per Israele e altri alleati degli Stati Uniti per intensificare gli attacchi all’Iran in Siria.

Poi arrivano diaboliche nuove e paralizzanti sanzioni contro “gli oligarchi di Putin” come Deripaski di Rusal, il secondo produttore al mondo di alluminio. Washington non tenta nemmeno di inventare scuse per nuove sanzioni. Affermano che il governo russo è coinvolto in “una serie di attività maligne in tutto il mondo “.

Le nuove sanzioni puniscono qualsiasi banca o investitore occidentale che detiene azioni in società sanzionate della Russia anche se fossero state acquistate prima delle nuove sanzioni. È la nuova forma di guerra finanziaria del Tesoro degli Stati Uniti, altrettanto letale delle guerre di sparatoria, se non di più. Si è sviluppato sulla scia del 911 e da allora è stato perfezionato per un’arma devastante di guerra usando il fatto che sotto la globalizzazione economica, il mondo dipende ancora dal dollaro USA per il commercio e per le riserve valutarie della banca centrale in misura schiacciante.

Per la prima volta, con le ultime sanzioni statunitensi contro singoli oligarchi e società russe, non solo è bloccato l’accesso futuro ai prestiti nei mercati dei capitali occidentali. Gli investitori non russi che hanno investito miliardi in selezionate società russe negli ultimi anni sono stati costretti a farsi prendere dal panico e ad affrontare sanzioni secondarie per il possesso di beni russi. Ma chi comprerà? Già le due maggiori società di clearing titoli europee, Clearstream ed Euroclear sono state costrette a rifiutare di liquidare i titoli russi sanzionati. Inoltre affrontano le sanzioni per tenere le azioni russe. Se, ad esempio, una banca statale cinese sta prendendo a prestito dai mercati del dollaro, ora è di fatto vietato fare affari con società russe sanzionate.

Target Cina …

Mentre Washington intensifica le pressioni sulla Russia di Putin sulla Siria e l’Ucraina, lanciano la fase iniziale di quella che sarà chiaramente una devastante guerra economica con la Cina che usa il commercio come leva iniziale. Washington, come ho sottolineato in un precedente articolo, mira a costringere la Cina a smantellare la sua strategia per portare l’economia cinese nel prossimo decennio a uno status guida di produttore hi-tech. La strategia si chiama Cina 2025 ed è il cuore dell’agenda strategica di Xi Jinping e della sua Belt Road Initiative o del progetto economico Silk Road.

Il primo assaggio di ciò che Washington intende colpire la mossa della Cina per diventare un leader mondiale dell’alta tecnologia sotto Cina 2025 è il trattamento del principale produttore di telecomm per la Cina ZTE e Huawei, principali sfidanti di Apple. ZTE è stato sanzionato ad aprile da Washington per la presunta vendita di apparecchiature per le telecomunicazioni in Iran. Ai fornitori statunitensi è stato vietato di fornire componenti essenziali al gruppo tecnologico cinese. La compagnia ha temporaneamente chiuso le operazioni mentre cerca di ottenere una tregua dagli Stati Uniti .

Target Iran …

Ora, oltre le veementi proteste di Germania e Francia e di altri stati dell’UE, Trump strappa unilateralmente l’accordo nucleare iraniano. L’obiettivo è chiaramente quello di reintrodurre sanzioni paralizzanti contro l’Iran di nuovo, interrompere i progressi debole che fu iniziata dal 2015. Il fatto che l’UE si rifiuta di rompere il suo accordo trattato con l’Iran sarà in ultima analisi, di poco conto, come le sanzioni degli Stati Uniti contro l’Iran minacciano anche con sanzioni Le aziende dell’UE fanno affari in Iran.

Come parte dell’ultimo accordo di Trump sull’accordo nucleare con l’Iran, gli Stati Uniti concedono ad altri paesi come la Cina o il Giappone o paesi dell’UE 180 giorni per concludere qualsiasi accordo di acquisto per il petrolio iraniano. Le compagnie europee come Airbus che hanno ordini di acquisto di molti miliardi di aerei dall’Iran saranno costrette a cancellare. Il 6 agosto, l’acquisto di dollari statunitensi, il commercio di oro e di alcuni altri metalli, nonché l’aviazione e l’industria automobilistica saranno sanzionati. Dopo il 4 novembre le sanzioni statunitensi riguarderanno le istituzioni finanziarie e petrolifere iraniane e le sanzioni saranno reintegrate nei confronti di individui precedentemente presenti nell’elenco delle sanzioni del Tesoro statunitense.

Il chiaro obiettivo è usare le devastanti nuove armi delle sanzioni del Tesoro USA per far precipitare la fragile economia iraniana in crisi. Allo stesso tempo i rapporti sono che il consigliere del NSC John Bolton sta sostenendo il rinvigorimento del Mujahedeen Khalq iraniano, o dell’organizzazione terrorista del MEK per lanciare una nuova prova a una rivoluzione del colore. MEK è stato rimosso dalla lista terroristica del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti dal Segretario di Stato Clinton nel 2012 .

CENTCOM

Se facciamo un passo indietro rispetto ai dettagli specifici di ogni paese e alle azioni di Washington contro ciascuno, vediamo che le tre potenze eurasiane – Russia, Cina, Iran – sono sistematicamente mirate e finora con diversi gradi di successo.

Alla fine di febbraio, il generale Votel, comandante del Comando centrale degli Stati Uniti o del CENTCOM, ha rilasciato un’intervista a DoD News. Lì, oltre ad elencare la Russia e in particolare il suo coinvolgimento in Siria e Cina e sia la sua Belt Road Initiative sia le sue basi militari a Gibuti e altrove, Votel cita i legami di entrambi con l’Iran. Votel afferma che “sia la Russia che la Cina stanno coltivando legami multidimensionali con l’Iran. La revoca delle sanzioni ONU nell’ambito del piano d’azione congiunto globale apre la strada all’Iran per riprendere la richiesta di adesione all’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai “.

Ironia della sorte, l’apertura simultanea di una guerra a tre fronti di fatto, anche se al momento attuale sul piano della guerra economica, crea un imperativo strategico affinché le tre potenze funzionino ancora più strettamente. La Cina è il più grande acquirente di petrolio iraniano. La Russia fornisce attrezzature militari e sta negoziando molto di più. Ciascuna triade – Cina, Iran, Russia – per ragioni di sopravvivenza personale – non ha altra scelta migliore che collaborare come mai prima, qualsiasi sfiducia o differenza, di fronte alla guerra geopolitica a tre fronti di Washington.

F. William Engdahl è consulente di rischio strategico e docente, ha conseguito una laurea in politica presso la Princeton University ed è un autore di best-seller su petrolio e geopolitica, in esclusiva per la rivista online  “New Eastern Outlook”

https://journal-neo.org/2018/05/14/brzezinski-s-ghost-shapes-washington-eurasia-geopolitics/

Print Friendly, PDF & Email

JOIN THE DISCUSSION