La Russia guarda al ritorno dei rifugiati come fulcro della prossima mossa politica in Siria

fonte: Al Monitor

– Mentre la Russia si sta gradualmente spostando da una campagna militare a una campagna politica globale sulla Siria, uno dei temi principali all’ordine del giorno per Mosca è il ritorno dei rifugiati. L’agenda attraversa gli attuali impegni russi con gli stati regionali, le aperture ai governi stranieri e l’estensione alle agenzie internazionali. Le tre dimensioni riflettono il triplice intento della Russia su questo punto: stabilizzare la Siria; rafforzare il proprio profilo regionale di attore capace e controparte affidabile; tracciare aree di cooperazione con gli Stati Uniti e l’Unione Europea. Eppure il grado di successo che Mosca ha avuto lavorando lungo i tre percorsi varia in modo significativo.

La settimana scorsa, il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha elogiato i progressi compiuti da Mosca nelle discussioni sul ritorno dei rifugiati con Turchia, Giordania e Libano – i tre maggiori destinatari della regione dei rifugiati siriani.

“Penso che vedremo i loro risultati a breve termine”, ha osservato Lavrov.

Il ministero degli Esteri russo nomina una cifra di 1,7 milioni di persone che sono presumibilmente disposte a tornare nelle loro case in Siria.

A diversi livelli, Mosca sottolinea la cooperazione dei governi regionali con gli sforzi della Russia verso il ritorno dei rifugiati.

“Circa 890.000 cittadini siriani possono tornare nei loro paesi d’origine nei prossimi mesi”, ha detto il capo del Centro di controllo della difesa nazionale della Russia, Col. Gen. Mikhail Mizintsev, facendo riferimento ai dati dell’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari.

“Il governo libanese ha istituito un gruppo di lavoro per istituire una commissione mista sulla cooperazione con la Siria in materia di rimpatrio dei rifugiati, i centri regionali per i profughi libanesi hanno riferito di aver ricevuto circa 10.000 richieste da parte di cittadini siriani [che cercano] di tornare nel loro paese”. Ha aggiunto.

Anche la Giordania ha attivamente facilitato il ritorno dei rifugiati.
“Siamo riusciti a far entrare molte nazioni a lavorare su cose che sono importanti per loro. Quando si tratta di rifugiati, la sicurezza e l’economia sono fattori importanti per la loro volontà di cooperare. L’America è lì da sola a scoraggiare anche gli europei che sono sinceramente interessati a collaborare con la Russia. Mostra quanto siano profonde la frustrazione e la sfiducia nei nostri circoli decisionali “, ha affermato.

La fonte ha aggiunto: “Crea un problema per le nostre iniziative? In una certa misura, ma solo nel senso che se gli Stati Uniti accettassero di cooperare, invierebbero un impulso positivo agli altri, ma stiamo sul dato che loro [ Gli Stati Uniti] non possono invertire la rotta, continueremo a fare quello che stiamo facendo sulle nostre politiche per i rifugiati e su altre cose. Ci saranno altre nazioni e corpi interessati alla ricostruzione e alla fine dei giorni l’America si troverà isolata dalla sua stessa “riluttanza” politica

fonte: https://www.al-monitor.com/pulse/en/originals/2018/08/russia-syria-us-refugees.amp.html?__twitter_impression=true