La Russia fuori dallo SWIFT

Saluti alla comunità e ai lettori del Saker.

Da qualche tempo, gli Stati Uniti, i loro stati vassalli e la Russia sono impegnati in una guerra economica. La prima salva è stata sparata quando VISA e MasterCard – che sono istituzione bancarie con sede negli Stati Uniti – sono stati costretti a smettere di accettare le transazioni effettuate dai titolari di carte di alcune banche russe. L’ultima indicazione, come il Saker ha menzionato poco fa, è che il governo degli Stati Uniti sta pensando di bloccare l’accesso della Russia al sistema SWIFT.

Cos’è lo SWIFT

Lo SWIFT è fondamentalmente un sistema di scambio di messaggi cooperativo. Si rivolge a banche, società di investimento, mediatori finanziari, praticamente chiunque abbia bisogno di trasferire denaro da A a B. Per utilizzarlo, bisogna fare domanda per l’adesione; una volta accettata, si ricevono un proprio codice SWIFT più alcune azioni della cooperativa SWIFT, si paga una quota di registrazione una tantum e da quel momento in poi si paga per inviare messaggi (ovvero transazioni) o file, si pagano altre spese di elaborazione/servizi più una quota annuale di supporto. Il valore drgli importi e altri oneri dipendono dal livello dell’iscrizione. I profitti sono distribuiti in modo simile. SWIFT fornisce anche report e altre funzionalità analitiche per aiutare i membri a generare più business.

La ragione del successo dello SWIFT è il fatto che fornisce un modo standardizzato, sicuro e affidabile per spostare denaro. La conformità alle normative è costosa, in quanto richiede una manodopera fedele, dedicata e di alta qualità per monitorare, sviluppare, agire, e testare le modifiche ai sistemi e alle reti IT e ai processi aziendali. Pertanto, le banche e altre istituzioni finanziarie preferiscono che qualcun altro si prenda cura di tutti questi requisiti.

Impatto dell’espulsione della Russia dallo SWIFT

L’effetto immediato sarà l’incapacità di scambiare messaggi SWIFT tra i membri russi del sistema SWIFT e gli altri. Si noti che lo SWIFT stesso non facilita il trasferimento di denaro effettivo; tutto ciò che fa è scambiare ordini di denaro – il trasferimento di fondi deve avvenire usando dei meccanismi e secondo gli accordi che le due istituzioni di scambio già hanno in atto. In quanto tale, anche se diventerà più rischioso e difficile trasferire denaro – per non dire più costoso – i trasferimenti di denaro non possono essere completamente fermati. Tali difficoltà spingeranno gli investitori russi a cercare altre destinazioni per il loro denaro, più favorevoli agli investitori; questo probabilmente coinvolgerà l’UE in modo piuttosto consistente, in quanto è un posto favorevole per gli investimenti russi. Considerate questo scenario: avete 1 milione che vorreste investire. Andate alla vostra banca, dite che vi piacerebbe trasferire detto milione al paese X e il cassiere ritorna e dice “possiamo farlo, tuttavia è considerato ad alto rischio, e in quanto tale, per favore, firmate una liberatoria che afferma che se succede qualcosa al vostro milione, la banca non ha responsabilità”. Naturalmente potete insistere per procedere con il trasferimento, ma si può scommettere che la maggior parte delle persone sceglierà una destinazione meno rischiosa.

Anche lo SWIFT ci perde. La comunicazione è una strada a doppio senso, il che significa che i messaggi vanno da e verso la Russia. Se si presumono 10.000.000 messaggi al giorno relativi alla Russia tra i membri dello SWIFT, al tasso di 0,01 € per messaggio, questo equivale a 36.500.000 € all’anno di sole commissioni di transazione. Ci sono buone probabilità che un certo numero di istituzioni russe o verranno rimosse o decideranno altrimenti per conto proprio che non vi è più alcun significato nell’essere membri dello SWIFT, quindi ci sarà una perdita di altre entrate, per non parlare del costo di tutte le battaglie legali per risolvere gli accordi contrattuali.

La Russia può costruire un’alternativa allo SWIFT?

Tecnicamente parlando – sì. In risposta al boicottaggio di VISA e MasterCard, la Russia ha lanciato l’NSPK come emettitore sostitutivo di carte bancarie.

Consentitemi alcune precisazioni sull’NSPK:

– Così com’è ora, è un sistema di pagamento con carta e una risposta diretta alla coercizione da parte del governo degli Stati Uniti a VISA e MasterCard perché non onorino i loro accordi con le banche russe e smettano di accettare le proprie carte, per le quali le banche russe pagavano i diritti di licenza per il privilegio di emetterle. Le prime sei cifre su una delle vostre carte bancarie viene chiamato numero BIN; il logo sulla carta (VISA, AMEX, MasterCard ecc.) mostra quale emettitore possiede il BIN. La vostra banca – che la rilascia – paga a detto emittente un canone di licenza per utilizzare esclusivamente quel particolare numero, e in quanto tale il sistema deve onorare il loro accordo; questo significa che la carta è accettata da tutti i terminali che sfruttano lo stesso logo. Pochi sanno che VISA e altri sono in realtà istituzioni bancarie.

– L’emettitore NSPK è attivo da un paio d’anni; già un certo numero di banche russe lo usano. Per ora funziona solo in Russia.

– La prima iterazione è un clone “russificato” dell’emettitore China UnionPay, che di per sé si basa su specifiche VISA (opportunamente autorizzate). Sorrido sempre pensando all’ironia; la VISA, che invece di guadagnare denaro dalle transazioni con carte fatte dai russi, perde denaro, mentre la Russia usa il proprio design.

La Russia può scegliere di ripetere ciò migliorando l’NSPK come alternativa allo SWIFT. L’NSPK potrebbe utilizzare gli stessi formati e meccanismi di file SWIFT con intestazioni diverse, per consentire un’identificazione corretta, riducendo così al minimo le modifiche del sistema necessarie per conto degli utenti. Un grande vantaggio in questo sforzo è che i messaggi SWIFT utilizzano uno standard ISO, ovvero l’ISO20022. Ciò renderà lo sviluppo molto più semplice, e dal momento che l’ISO20022 è uno standard aperto, nessuno può usare rivendicazioni sul copyright per fermare la soluzione alternativa.

Segue la domanda sulle comunicazioni effettive tra gli utenti del nuovo sistema. Mentre tutti usano Internet al giorno d’oggi, poche persone si rendono conto che si basa su una spina dorsale di spine dorsali; una serie di cavi ad alta capacità – solitamente subacquei – e satelliti collegati a router di fascia alta che utilizzano il protocollo BGP per impostare i percorsi per il collegamento intra-nazionale. Mentre alcune entità commerciali possono possedere un satellite o un cavo sottomarino, solo una manciata possiede le conoscenze tecniche e le competenze per creare tale infrastruttura. Gli Stati Uniti possono mettersi d’intralcio e costringere i proprietari di tali elementi essenziali (ad esempio la AT&T) a bloccare determinati messaggi provenienti dalla Russia. Per fortuna la Russia è abbastanza capace di costruire e distribuire i propri satelliti e cavi. Sarà costoso e dispendioso in termini di tempo, ma può essere fatto. Inizialmente, l’infrastruttura esistente può essere utilizzata per stabilire comunicazioni tra importanti partner commerciali, molto probabilmente in Asia.

Infine, la grande domanda è: chi accetterà l’alternativa allo SWIFT? Ecco, qui le cose si fanno difficili. Gli Stati Uniti cercheranno sicuramente di spingere gli altri paesi ad “usare esclusivamente SWIFT, o saranno guai!”. Questo può essere raggiunto anche attraverso la “via etica”, come è stato tentato nel lontano passato quando Google ha citato la pressione della società e della gente “per promuovere la democrazia e la libertà di parola” nel tentativo di evitare di seguire la legislazione cinese mentre faceva affari in Cina. Anche se gli utenti in paesi come la Cina probabilmente non saranno intimiditi – chi vorrebbe perdere gli investimenti cinesi – o gli sarà permesso di aggirare i limiti (ad esempio: mantenere la principale entità aziendale SWIFT e creare una filiale solo per le comunicazioni in Russia. La sussidiaria è come tale sacrificabile, e se qualcuno si lamenta può essere sciolta e sostituita entro pochi giorni), gli stati più piccoli o vassalli (ciao UE) possono essere bullizzati abbastanza da andare contro i propri interessi. Ciò è accaduto in passato tra VISA e China UnionPay, e ci sono voluti anni di contenzioso alla OMC per dirimere la questione. La diplomazia russa dovrà essere molto efficiente e creativa per superare un monopolio globale.

*****

Articolo di Kakaouskia pubblicato su The Saker.is il 4 gennaio 2018.

Traduzione in italiano a cura di Raffaele Ucci per SakerItalia.

Source link