La rete idrica di Raqqa distrutta

La popolazione di  Raqqa si trova ad affrontare una grave carenza di acqua potabile. Alcune fonti sostengono che i problemi di acqua potabile sono causati dalle azioni della coalizione guidata dagli Stati Uniti, così come le milizie filo-statunitensi.

La temperatura è salita a Rakka a 44 gradi Celsius. La principale fonte d’acqua è il fiume Eufrate, che scorre a sud della città.

Come riportato, i quartieri nord della città hanno perso il loro approvvigionamento di acqua dopo i ripetuti colpi di artiglieria e i bombardamenti delle forze della coalizione che hanno distrutto la rete idrica.  

Due pesi e due misure nel riportare la cronaca…

Vale la pena ricordare che durante il periodo antecedente alla liberazione di Aleppo i ribelli avevano interrotto l’approvvigionamento di acqua alla città come una precisa misura contro la popolazione ‘rea’ di sostenere Assad.
A fronte di quel criminale comportamento la Comunità Internazionale stigmatizzò gli attacchi dell’esercito siriano e dei russi finalizzati alla liberazione della città, e non al comportamento dei ribelli che tra l’altro mietevano vittime quotidianamente con i lanci di mortai sulle aree residenziali.

Ricordate?…