La ragionevolezza delle nuove idee italiane e la ricattabilità dei tedeschi

[ad_1]
A parlare di Italia sulla stampa tedesca non ci sono solo i fenomeni alla Piller e Gumpel ma si trovano anche opinionisti di rango come Daniel Stelter che su una rivista prestigiosa come Manager Magazin non ha alcun problema a schierarsi a favore della proposta italiana per la cancellazione del debito. Oltre 10 anni di bugie da parte della politica tedesca non solo hanno reso la Germania ricattabile ma è arrivato il momento di dire che presto o tardi il paese dei primi della Klasse andrà a sbattere contro una marea di crediti esteri inesigibili. Meglio agire per tempo mettendo in discussione la moneta unica. Da Manager Magazin
 
Solo gli osservatori piu’ creduloni e quelli che si lasciano cullare dalle dichiarazioni ufficiali dei dirigenti della BCE sono rimasti sorpresi. L’euro resta una costruzione che ha aumentato le differenze economiche invece di promuovere la convergenza dei paesi coinvolti, come ci era stato promesso. Dice il FMI.
  
E non puo’ essere stabilizzato con maggiori trasferimenti fra i paesi. Dice ancora il FMI.
  
La situazione negli ultimi anni è peggiorata sotto ogni aspetto. Solo in riferimento all’indebitamento del settore privato e a quello complessivo, alcuni paesi come il Portogallo o la Spagna hanno fatto alcuni piccoli progressi. Cio’ è dovuto in parte al miglioramento della congiuntura globale e soprattutto alla banca centrale europea che con la sua aggressiva politica del denaro a costo zero e con l’acquisto massiccio di titoli di stato ha dato l’illusione di un miglioramento. Come si fa con i malati terminali: per ottenere un certo livello di euforia la BCE ha somministrato grandi quantità di morfina. Tuttavia non è possibile curare con la morfina.
  
La Germania è il vero vincitore dell’euro? Una leggenda
  
L’Europa ha bisogno di un processo ordinato per gestire l’uscita dalla situazione di indebitamento eccessivo degli stati e dei privati. A tal fine i creditori, soprattutto la Germania, e i debitori dovrebbero trovare un accordo su una combinazione fra: taglio del debito, socializzazione dei debiti e allungamento delle scadenze. Senza una pulizia dai crediti deterioriati l’eurozona resterà intrappolata in uno scenario giapponese.
  
La soluzione dovrebbe essere un fondo per il rimborso del debito pubblico e privato, i cui pagamenti dovrebbero essere prolungati per decenni e per il quale i paesi creditori dovrebbero dare il contributo maggiore. Il piano per il fondo esiste già da diversi anni. Dopo di cio’ si potrebbe anche decidere in pace quali paesi possono restare nell’euro: Italia, Portogallo e Grecia sicuramente no.
  
Il rifiuto dei politici tedeschi di riconoscere questa situazione agendo di conseguenza, aumenta ogni giorno il danno finanziario, economico e politico. Insistere sulle politiche di austerità e sulle riforme è teoricamente anche corretto, ma in una situazione di eccessivo indebitamento è controproducente. L’europolitica tedesca è andata a sbattere. La responsabilità di tutto cio’ è di chi ci ha governato negli ultimi 10 anni, di chi per paura degli elettori ha fatto affidamento sull’insabbiamento, la repressione e sul principio della speranza.
  
Allo stesso tempo è stato ripetutamente sottolineato quanto l’euro sia importante per la Germania e che noi saremmo i veri beneficiari della moneta unica. In verità l’euro è un programma di sovvenzioni su larga scala erogate all’industria dell’export nazionale, che come sempre accade quando ci sono tali sovvenzioni, sta vivendo una pseudo-fioritura, mentre gli aumenti di produttività sono in calo. Inoltre siamo noi a pagare questi sussidi. Ed è una favola quella secondo cui i veri vincitori dell’euro saremmo noi tedeschi.
  
La politica tedesca ci ha reso ricattabili
  
A causa del rifiuto della politica tedesca di sostenere un corso politico costruttivo – ma sicuramente costoso – ci siamo trovati in una situazione di ricattabilità. La parola chiave sono gli esplosivi saldi Target II della Bundesbank, che si stanno avvicinando ai 1.000 miliardi di euro. Si tratta di oltre 12.000 euro a testa per ogni residente in Germania, denaro che prestiamo senza interessi, senza una scadenza e senza alcuna garanzia a dei paesi con un rating creditizio molto debole. Altri paesi come la Norvegia, Singapore e persino la Svizzera (attraverso la banca centrale) investono i loro soldi nel modo piu’ proficuo possibile. Noi invece i nostri soldi potremmo anche regalarli.
  
Sebbene Mario Draghi sottolinei che un paese che esce dall’euro deve “naturalmente” rimborsare i suoi debiti Target, sarebbe piu’ o meno come cercare di mettere le mani nelle tasche di un uomo nudo. L’Italia dichiarerebbe semplicemente la bancarotta. Problema risolto. Allora cosa dovremmo fare?
  
La situazione speciale dell’Italia
  
E gli italiani naturalmente questo lo sanno. Ho già spiegato piu’ volte perché l’Italia rimane il primo candidato per un’uscita dall’euro. La recessione è durata piu’ a lungo di quella degli anni ’30. La performance economica è ben al di sotto del livello già non brillante del 2008.  La disoccupazione è elevata e il debito pubblico è fuori controllo. Il recupero del 30% di svantaggio in termini di costo del lavoro per unità di prodotto nei confronti della Germania tramite una svalutazione interna, vale a dire la riduzione dei salari, è del tutto illusorio.
  
L’Italia potrebbe salvare una parte della sua base industriale uscendo dall’eurozona. Con una lira svalutata il paese tornerebbe competitivo da un giorno all’altro.
  
I politici italiani hanno imparato dagli errori della Grecia. La semplice minaccia di un’uscita non funziona. E’ meglio prepararla con una valuta parallela, contro la cui introduzione né Bruxelles né la BCE potranno fare molto.
  
Una volta che la nuova lira è in circolazione sarà sufficiente un decreto e l’euro in Italia sarà storia. Sarà quindi possibile convertire una buona parte del debito nella nuova valuta. I creditori a cui cio’ non è piaciuto potranno lamentarsi a Londra. Ma ci vorrà del tempo.
  
La coalizione fra Lega e Cinque Stelle voleva andare direttamente in questa direzione. Ma anche con il passaggio all’euro resterebbe il problema dell’alto indebitamento. Poiché la maggior parte dei creditori risiede nel paese – le ricche famiglie italiane – quella di annullare i crediti in mano alla BCE è una buona idea. Solo il momento della pubblicazione è stato infelice. Il governo probabilmente voleva uscire allo scoperto un po’ piu’ avanti.
  
Cancellazione del debito – perché no?
  
E’ importante sapere che l’annullamento del debito detenuto dalla BCE non è nemmeno una cattiva idea, a condizione che sia legato ad alcune premesse. Io mi immagino già le urla di chi sostiene che si tratta del vietatissimo finanziamento agli stati da parte della banca centrale, il quale contraddice qualsiasi trattato dell’UE e dell’Eurozona.
  
Sull’argomento bisogna dire una cosa: non sarebbe certo il primo né l’ultimo trattato violato dai politici – nel tentativo disperato di far quadrare un progetto politico che economicamente non funziona ed è contrario ad ogni logica. 
  
L’idea della cancellazione del debito non è nuova. In Gran Bretagna, in considerazione della situazione debitoria del paese, se ne parla da anni. L’ex capo di McKinsey Lord Adair Turner ne ha parlato come della sola possibilità per il mondo occidentale di uscire dalla trappola del debito.
  
Il suo libro “Debt and the Devil” merita di essere letto. In esso chiede che le banche centrali acquistino gran parte del debito pubblico e poi semplicemente lo azzerino. Dal momento che le banche centrali non possono fallire non sarebbe particolarmente problematico, a patto pero’ che si tratti di un caso unico.
  
E questo è davvero il punto critico. Se venisse ripetuto, la fiducia nel valore del denaro scomparirebbe e ci troveremmo nuovamente nelle condizioni di Weimar.
  
La questione dell’effetto sul valore della moneta è decisiva. Mentre alcuni economisti si aspettano sin da subito un’inflazione elevata, altri sottolineano che non ci sarebbe la creazione di nuovo denaro, perché è già in circolazione.
  
Se ora noi in Europa volessimo andare in questa direzione, avremmo naturalmente un problema di redistribuzione. I paesi che hanno mantenuto basso il debito, come la Germania, avrebbero dei vantaggi inferiori rispetto ai paesi con un debito piu’ alto.
  
Tuttavia dovremmo farlo in maniera complessiva e comprendere nella cancellazione anche il debito di tutti gli altri paesi e al tempo stesso l’eccesso di debito privato che si nasconde dietro gli oltre 1.000 miliardi di crediti deteriorati nei bilanci delle banche europee. Parliamo di una somma complessiva di oltre 3 trilioni.
  
Gli italiani possono essere accusati solo di non aver pensato abbastanza in grande. Cosa sono 250 miliardi per l’Italia? Se vuoi davvero farlo, fallo per bene e fallo per tutti.
  
Usciamo prima che a farlo sia l’Italia
  
“Usciamo prima che a farlo sia l’Italia”, era il mio consiglio nell’agosto del 2015. Si’ ancora una volta arrivava in anticipo ed è probabile che anche questa volta sia in anticipo. L’Italia avvierà sicuramente un’ampia azione diplomatica alla ricerca di altra morfina per ritardare la bancarotta. Il nostro governo continuerà senza dubbio a insistere nella stessa direzione, a prescindere dal costo delle misure.
  
Gli italiani, a differenza di noi, almeno sembra che abbiano una strategia. Sarebbe molto meglio avvicinarci all’uscita. Un’eurozona senza la Germania sarebbe sicuramente piu’ omogenea e funzionerebbe meglio. Se fino ad allora sarà possibile spillare soldi alla Germania, tanto meglio. Già sei anni fa la Bank of America ipotizzava che dal punto di vista della teoria dei giochi per l’Italia sarebbe stato ottimale estorcere quanto piu’ denaro possibile alla Germania, per poi uscire. Ancora meglio sarebbe se ad uscire fossimo noi.
  
Se tanto alla fine si arriverà comunque a questo sviluppo, perchè allora non sarebbe preferibile farlo oggi, invece di domani?

[ad_2]

Source link

Print Friendly, PDF & Email