La Germania non riesce a rimpatriare un immigrato accusato di 542 reati

Dal blog di Sabino Paciolla

Mercoledì Salvini e Asselborn si erano scontrati a Vienna, ma la polemica prosegue a distanza. Da una parte il ministro degli Esteri lussemburghese Jean Asselborn che attacca: «Matteo Salvini usa metodi e toni dei fascisti degli anni Trenta».Dall’altra il ministro degli Interni italiano che replica: «Nessun fascismo, solo rispetto delle regole. Se gli piacciono tanto gli immigrati che li accolga tutti in Lussemburgo».

A proposito di immigrazione, riprendo un articolo da Zero Hedge/ABC Media, LTD, sulla situazione in Germania che assomiglia molto a quella italiana.

Eccolo nella mia traduzione.

ll governo tedesco sta lottando per contenere un’ondata di violenza che ha scosso il paese da quando la crisi europea dei rifugiati è iniziata poco più di tre anni fa, quando la cancelliera Angela Merkel ha annunciato per la prima volta la sua politica delle “porte aperte” in risposta a un’ondata di rifugiati in fuga dalla Siria, dall’Afghanistan e dal Nord Africa. Questa politica è stata abbandonata dopo che aveva quasi rovesciato il governo della Merkel all’inizio di quest’anno, ma la pura incompetenza delle autorità tedesche che lottano per espellere i criminali migranti continua a destare stupore.

Un esempio preoccupante è stato recentemente evidenziato dal quotidiano tedesco Bild. Un immigrato clandestino arrivato in Germania più di 20 anni fa è riuscito ad evitare l’espulsione nonostante sia stato accusato di 542 atti criminali. Il motivo? Le autorità tedesche non riescono a capire in quale paese espellerlo. Nel frattempo, al migrante – il cui nome non è noto – è stato permesso di vagare liberamente.

La fedina penale del migrante non identificato è molto ampia, dalle violazioni dell’immigrazione, al furto, al possesso di droga e all’aggressione. Ha ripetutamente affermato di provenire dall’Algeria, dal Marocco e da altri paesi del Nord Africa. Tuttavia, nessuno Stato ha confermato la sua residenza. Si è rifiutato di rivelare il suo nome alle autorità tedesche e le ricerche nelle banche dati delle sue impronte digitali non hanno dato risultati.

Un politico del partito tedesco Alternativa per la Germania ha detto a RT che il caso dell’uomo è un altro esempio del fallimento delle politiche tedesche in materia di immigrazione.

Questo caso alquanto bizzarro mette in luce i difetti dell’attuale politica migratoria tedesca, ha dichiarato a RT Michael Seyfert, portavoce del partito di destra Alternativa per la Germania (AfD).

“È un fallimento del sistema; è un fallimento del governo”, ha detto, aggiungendo che le autorità tedesche semplicemente “non osano [rimpatriare le persone] perché hanno paura dei media di sinistra e….. proteste”.

Varie “ONG….. protestano contro di essa e cercano persino di prevenire [i rimpatri] fisicamente”, ha aggiunto Seyfert.

Qualcuno potrebbe ritenere questa storia un incidente isolato. Ma siate certi: non lo è. Infatti, secondo i dati della polizia citati dal quotidiano tedesco Die Welt, in Germania quasi un rimpatrio pianificato su due falliscono per vari motivi. Infatti, su 23.900 estradizioni previste tra gennaio e maggio 2018, 12.800 hanno fallito per vari motivi.

Nel frattempo, la Merkel sta cercando una soluzione all’estero. È arrivata la settimana scorsa in Senegal, uno dei paesi più poveri dell’Africa, accompagnata da una delegazione di imprenditori dei settori dell’elettrificazione, dell’automazione e delle infrastrutture. Il viaggio aveva lo scopo di incoraggiare le aziende tedesche a investire di più in Africa.

Tuttavia, questi gesti timidi e le vuote promesse non faranno nulla per ridurre l’ondata di crimini violenti commessi dai rifugiati. Come risulta da un recente sondaggio governativo, il 90% dei crimini violenti commessi nello stato tedesco della Bassa Sassonia potrebbe essere attribuito ai rifugiati. La rabbia popolare ha raggiunto un nuovo massimo dopo che la scorsa settimana i migranti sono stati accusati di aver accoltellato mortalmente un tedesco in una rissa. Quando i gruppi di estrema destra sono scesi in strada, i comuni tedeschi si sono dimostrati troppo pigri per rispondere.

Ma sembra che la Merkel e la sua coalizione di centro-destra – che hanno visto il sostegno popolare svanire di fronte alla crisi che si è riaccesa – dovranno imparare queste lezioni in modo duro.

Fonte: Zero Hedge