La diga di Belo Monte è ancora un incubo per le popolazioni indigene del Brasile

Raimunda Gomes da Silva, che ha vissuto in una delle isole fluviali del fiume Xingu, allagata dal nuovo bacino idrico. Foto: Isabel Harari/ISA

Questa storia di Isabel Harari ed originariamente pubblicata su Instituto Socioambiental [pt, come i link seguenti], è stata riassunta e ripubblicata qui come parte di un accordo per la condivisione dei contenuti.

Nel 2015, i funzionari hanno chiuso i cancelli della diga di Belo Monte, la secondo più grande centrale idroelettrica del Brasile e la quarta più grande nel mondo per capacità installata. Da quel momento in poi, il bacino idrico della diga in Amazzonia ha iniziato a riempirsi, e le vite delle popolazioni indigene e fluviali che la circondano sono state trasformate per sempre.

A causa della diga, la gente del posto dice che le parti navigabili del fiume sono diventate difficili, le zone di pesca scomparse, e i parassiti e le morti di pesci sono in aumento.

“Oggi è impossibile vivere nel fiume Xingu, non ho alcuna possibilità, le persone prima ci vivevano bene. Ora sopravvivono, non è una vita dignitosa” dice Raimunda Gomes da Silva, mentre naviga sul Pedrais da Volta Grande, una sezione del fiume Xingu gravemente colpita dalla diga di Belo Monte.

Raimunda viveva con suo marito João in una delle isole fluviali dello Xiangu che erano state allagate dal bacino idrico della diga. Entrambi vivevano di pesca e agricoltura. Oggi, lei vive nei sobborghi di Altamira, una città di 100.000 abitanti, il più grande centro di popolazione vicino alla diga.

Il Volta Grande è una sezione di 100 chilometri del fiume Xingu che attraversa due riserve indigene, l’Arara da Volta Grande e Paquiçamba. Dato che i cancelli della diga erano chiusi, circa l’80% del volume dell’acqua del Volta Grande è stato deviato dal suo letto naturale attraverso un canale artificiale a un bacino idrico.

belomonte

Isole disboscate e bruciate erano parzialmente sommerse dal lago artificiale. Foto: Isabel Harari / ISA

“Il problema più grande è la mancanza di acqua, a valle ce n’è pochissima e a monte straripa acqua cattiva e le carenze a valle stanno uccidendo le cose. C’è troppa acqua a monte, ma è tutto compromesso con problemi, residui, pesci morti, alberi morti che sono stati immersi e a valle abbiamo bisogno di più acqua, ce n’è poca, ma non abbastanza” dice Raimunda.

Oggi, Raimunda fa progetti per la sua nuova casa, che lei chiama “la terra promessa”: un pezzo di terra ubicato a 350 metri dal fiume, acquistato con i soldi del risarcimento che ha ricevuto da Norte Energia, l’appaltatore privato responsabile della costruzione e gestione dell’impianto. “Ci sarò di fronte, guardando.. non lo vedrò sorridere e correre liberamente, lo vedrò in dolore, ma voglio che veda che non l’ho scordato”.

Niente fiume, niente pesce

Tra febbraio e aprile di quest’anno, Ibama, l’agenzia di regolamentazione ambientale del Brasile, ha multato Northe Energia con 35,3 milioni di real brasiliani (10,5 milioni di dollari) per la morte di 16,2 tonnellate di pesci durante il riempimento del bacino idrico, l’operazione ha richiesto tre mesi.

peixe

Acari, un pesce comune nella regione, cieco e malato. Foto: Torkjell Leira/ISA

Tuttavia, i pesci morti non erano l’unico problema che hanno affrontato le persone che vivono lungo lo Xingu, le illuminazioni artificiali dei cantieri e l’uso degli esplosivi hanno rovinato anche le principali zone di pesca usate dalle popolazioni indigene di Volta Grande.

Con il blocco permanente dello Xiangu e la riduzione del suo flusso, i danni alla pesca delle comunità sono solo peggiorati. “Ci voleva un’ora raggiungere le zone di pesca, ora ci vuole il doppio del tempo, alcuni posti sono inaccessibili perché il livello dell’acqua è troppo basso e non possiamo passare [con le nostre barche],” dice Natanael Juruna, un membro della comunità indigena.

La pesca è la principale attività di sussistenza degli Juruna, secondo l’atlante degli impatti della diga di Belo Monte sulla pesca, prodotto dall’Instituto Socioambiental. Secondo i dati raccolti dagli supervisori autonomi dell’Instituto Socioambiental e dell’Università Federale di Pará, la produzione annuale di pesce degli Juruna è di 4.469 chilogrammi, il 98% dei quali viene consumato e il 2% viene venduto commercialmente. La pesca rappresenta il 55% dei pasti delle comunità locali.

belomonte2

La navigazione è diventata difficile in alcune parti del fiume a causa della ridotta portata dell’acqua. Foto: Isabel Harari/ISA

La pesca è strettamente collegata ai “cicli di flusso” del fiume. Per esempio, il pacu e il matrinxã, due tipi di pesci che popolano il bacino amazzonico, si nutrono di frutta che viene lavata da aree allagate, luoghi che cesseranno di esistere con l’alterazione del flusso del fiume.

“Senza la pesca non sopravviveremo” dice Gillard Juruna, capo del villaggio di Miratu, ubicato nella riserva indigena di Paquiçamba. “La nostra gente ha sempre vissuto di pesca in questa regione, sono triste quando sento che la pesca finirà, viviamo di pesca, di fiume e per questo che siamo chiamati i Yudja [un altro nome per Juruna], che significa “i signori del fiume”, e siamo sempre sopravvissuti nel fiume, che è tutto per noi. Finché lo Xiungu esiste, continueremo a lottare, andremo fino alla fine, quando morirà, moriremo insieme”.

I parassiti

I popoli delle zone fluviali e i gruppi indigeni riferiscono che le popolazioni di zanzare sono aumentate considerevolmente dall’installazione della diga, rendendo più difficile la pesca, la caccia e l’agricoltura.

A Bel Juruna, un altro leader indigeno al villaggio di Miratu, le comunità hanno risposto usando repellenti per insetti a tassi allarmanti: “Ora dobbiamo vivere camminando con quelle bombe velenose, dovendo respirare veleno, ma è l’unico modo in cui possiamo vivere un po’ liberi dagli insetti, anche all’interno delle nostre stesse case. Il veleno potrebbe intossicare i bambini e le persone, e i problemi con questi veleni non sono immediatamente evidenti”.

Mancanza di dialogo

Un anno prima che la società costruisse la diga, la licenza di installazione di Belo Monte avrebbe richiesto a Norte Energia di discutere le proposte per monitorare e mitigare l’impatto ambientale del progetto con le popolazioni indigene e con quelle tradizionali delle zone fluviali, colpite negativamente. Finora, secondo la gente del posto, Norte Energia ha solo presentato questa informazione a Ibama, l’ente che rilascia le licenze.

Secondo quanto riportato, Norte Energia ha esternalizzato le proprie responsabilità di monitoraggio della qualità dell’acqua, e alcuni indigeni locali hanno dichiarato di aver partecipato agli sforzi per raccogliere campioni di acqua, ma non hanno ancora ottenuto accesso ai risultati dei test.

Canoata

canoada2

Una delle cinque canoe che hanno attraversato il Volta Grande sullo Xingu durante la canoata. Foto: Marcelo Salazar/ISA

La canoata di addio allo Xingu, un’escursione in canoa organizzata dall’associazione indigena Yudja Miratu da Volta Grande do Xingu (Aymix) e dall’Istituto Socioambiental, mira a richiamare l’attenzione sui problemi che i popoli e le comunità dello Xingu hanno affrontando dall’inizio della costruzione della diga di Belo Monte.

La terza escursione in canoa, che ha avuto luogo tra il 3 e 9 settembre 2016, è stata la prima dopo la chiusura dei cancelli di Belo Monte. I cambiamenti nello scenario sono visibili con la siccità del fiume, il viaggio di 112 chilometri è stato ancora più difficile e il panorama mozzafiato dell’Amazonia ha incluso isole allagate e disboscate, e i pesci malati.

“È un’esperienza unica sentirsi con le popolazioni indigene e fluviali: le conseguenze dell’installazione dell’impianto, delle bellezze e dei dolori della regione. Chi partecipa alla canoata e ascolta le popolazioni colpite, sente i morsi delle carapanãs (zanzare), vede i pesci e gli alberi che muoiono, ritorna convinto che il modello di sviluppo per il paese non può essere la costruzione di dighe come Belo Monte”, afferma Marcelo Salazar dell’Instituto Socioambiental.

La canoata aiuta anche i gruppi indigeni a pensare ad alternative socio-economiche per le comunità che dipendono dalla commercializzazione del pesce. I gruppi indigeni e fluviali potrebbero generare entrate con questo tipo di attività, lavorando come guide, noleggiando canoe o vendendo le loro arti e prodotti alimentari.

“Un esperimento macabro”

Nel corso dei prossimi anni, Norte Enegia condurrà una serie di test per determinare quali livelli di acqua sono necessari per generare i livelli di energia necessari, e quanto sarà destinato al Volta Grande. Ma fino al 2019, quando la diga inizierà a funzionare a piena potenza, la compagnia “aprirà e chiuderà” la diga, seguendo i regolamenti dell’Agenzia Nazionale dell’Acqua (ANA) e Ibama.

belomonte3

I partecipanti della canoata hanno seguito da vicino i cambiamenti nel fiume e la popolazione che vive sulle sue sponde. Foto: Roberta Simonetti/ISA

“Quello che viene testato è il flusso d’acqua minimo per mantenere la vita in questa regione, e che tipo di vita questo flusso minimo può sostenere. È un grande esperimento umano e naturale, quello di testare la vita della natura e le vite delle persone che vivono in quel posto per vedere se funzionerà, è un esperimento macabro, quello che viene fatto alle persone di questa regione” afferma Marcelo Salazar.

Questa storia è di Isabel Harari, originariamente pubblicata su Instituto Socioambiental, è stata riassunta e ripubblicata qui come parte di un accordo per la condivisione dei contenuti.

Source link

JOIN THE DISCUSSION

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.