La Cina, la questione dello Xinjiang – parte 3 – Radicalismo religioso e separatismo

Radicalismo religioso e separatismo nello Xinjiang

Un duro colpo agli uiguri e agli altri popoli musulmani del Turkestan avvenne durante gli anni della “rivoluzione culturale”, caratterizzata da un potente assalto alla religione. I sentimenti separatisti si diffusero nella regione, che si intensificarono dopo il crollo dell’Unione Sovietica e l’emergere delle repubbliche turche indipendenti del “Turkestan occidentale” – Kazakistan, Kirghizistan, Uzbekistan e Turkmenistan. Naturalmente, tutto ciò ha avuto un effetto stimolante sul movimento nazionale uiguro.

D’altra parte, la radicalizzazione della comunità musulmana uigura, compresa la penetrazione di idee radicali dall’Afghanistan e dal Pakistan, divenne un’importante fonte di crescita dei sentimenti separatisti nello Xinjiang. Il fatto è che verso la metà del XX secolo, dopo l’adesione dello Xinjiang alla Repubblica popolare cinese, una parte significativa degli Uiguri, che non volevano sottomettersi al governo comunista cinese, emigrò nei paesi limitrofi dell’Afghanistan e del Pakistan, formando una grande diaspora uigura in Turchia. Con l’emigrazione è iniziato il processo di creazione di organizzazioni fondamentaliste e religiose che sostengono l’indipendenza del Turkestan orientale. Successivamente alcuni uiguri presero parte alle ostilità in Afghanistan – dalla parte dei talebani e in Pakistan – dalla parte del Waziristan.

Già nel 1993 fu creato il Movimento islamico del Turkestan orientale (IDTF), che sosteneva la creazione di uno stato islamico della Sharia sul territorio del Turkestan orientale e la conversione dell’intera popolazione della regione all’Islam. Alla base dell’organizzazione era Hassan Maksum, alias Abu-Muhammad al-Turkestani (1964-2003) – nativo di Kashgar e combattente professionale, anche in vent’anni ingrossare le fila delle organizzazioni armati che si oppongono alle autorità cinesi nello Xinjiang. Successivamente, Maksum ricevette asilo in Afghanistan e i talebani gli rilasciarono un passaporto afgano. Dopo aver spinto i talebani in Pakistan, si è trasferito dove è morto nel 2003.

Nel 1997, ebbe luogo una riorganizzazione dell’IDTF, dopodiché il movimento iniziò operazioni militari attive nello Xinjiang, ricevendo assistenza finanziaria e militare dai talebani afghani e organizzazioni terroristiche internazionali come Al Qaeda. Dopo la morte di Hassan Maxum, l’organizzazione era diretta da Abdul Shakur al-Turkestani, che morì solo nel 2012, anche in Pakistan, a seguito di un attacco da parte di un drone americano. I combattenti IDTF sono riusciti a portare avanti un’intera serie di atti terroristici sul territorio della RPC.
Tra questi – l’esplosione di un magazzino a Urumqi il 23 maggio 1998, l’esplosione a Hotan il 25 marzo 1999, l’esplosione ad Aksu il 19 agosto 2010, gli attacchi a Hotan il 18 luglio 2011 e Kashgar dal 30 al 31 luglio 2011, cattura ostaggi a Goume il 28 dicembre 2011, attacco a Kashgar il 28 febbraio 2012 .

I militanti del Movimento islamico del Turkestan orientale partecipano anche alla guerra civile in Afghanistan e alla resistenza armata del Waziristan nella zona tribale in Pakistan.

In Cina, così come negli Stati Uniti, in Kazakistan, in Kirghizistan e in numerosi altri stati, il Movimento islamico del Turkestan orientale è riconosciuto come un’organizzazione terroristica. A proposito, anche i terroristi della Repubblica popolare cinese considerano l’organizzazione politica molto più moderata del popolo uiguro – il Congresso mondiale degli uiguri, guidato dal noto attivista per i diritti umani Uyghur Rabiya Kadir.

Secondo la leadership cinese, questa organizzazione potrebbe essere dietro l’organizzazione di rivolte di massa a Urumqi nel 2009. Poi, a seguito di scontri avvenuti il ​​5 luglio 2009, morirono 129 persone, circa 1600 persone ferite e ferite di varia gravità. La causa dei disordini fu la vendetta degli attivisti uiguri per gli eventi nella provincia cinese del Guangdong, dove scoppiò una rissa di massa tra lavoratori cinesi e uiguri a seguito di una lite domestica, durante la quale due uiguri morirono. In risposta a Urumqi, i radicali uiguro inscenarono un “pogrom cinese”, ma i disordini furono soppressi dalla polizia e dalla polizia paramilitare. Trenta partecipanti detenuti nelle rivolte sono stati condannati alla pena di morte della RPC – la pena di morte.

Attacchi sanguinosi: il lavoro degli estremisti

Il 1 ° marzo 2014, otto persone in maschera e vestiti neri, armati di machete e coltelli lunghi, hanno fatto irruzione nella sala d’aspetto della stazione ferroviaria di Kunming, la capitale della provincia cinese meridionale dello Yunnan.

Hanno inscenato un vero e proprio massacro nell’edificio della stazione, essendo riuscito a uccidere 29 persone e ferito 143 persone quando è arrivata la polizia. I poliziotti hanno sparato a quattro criminali sulla scena, un’altra donna è stata uccisa da un terrorista e tre terroristi che sono riusciti a fuggire dall’edificio della stazione sono stati catturati alcuni giorni dopo.

I media cinesi hanno soprannominato l’atto terroristico “il nostro undici settembre“, richiamando l’attenzione sul gran numero di vittime umane e sulla crudeltà e spietatezza dei terroristi che agivano in modo brutale. Due giorni dopo l’attacco terroristico, le autorità cinesi hanno riferito di aver identificato le identità dei terroristi – loro, secondo la polizia cinese, erano immigrati dalla regione autonoma uigura dello Xinjiang.

Le forze dell’ordine cinesi affermano che negli ultimi anni gli atti di terrore violenti commessi dai combattenti per l’indipendenza del Turkestan orientale sono diventati più frequenti. Allo stesso tempo, la tendenza dei terroristi sta andando oltre la regione autonoma uigura dello Xinjiang – ovviamente, i terroristi stanno cercando di mostrare al popolo cinese che il problema del Turkestan orientale non è locale, ma di natura nazionale e può essere influenzato dalle loro azioni in qualsiasi parte della Cina.

Tuttavia, le azioni dei radicali uiguri provocano anche una reazione dei cinesi contro qualsiasi rappresentante dell’Uyghur, così come altri popoli turchi e musulmani della Cina. In particolare, nelle province orientali della Cina, ci sono attacchi da parte della popolazione locale ai lavoratori e agli studenti di Uygur, gli uiguri preferiscono non fornire posti di lavoro e non affittare appartamenti e altri locali. Il governo cinese, a sua volta, ha rafforzato il regime di polizia nella regione autonoma uigura dello Xinjiang.

Nonostante le attività di polizia, continuano gli attacchi terroristici sul territorio della RPC. Nell’ottobre 2013, gli estremisti hanno commesso un atto terroristico proprio nel centro dello stato cinese – nella famosa piazza Tiananmen a Pechino. Tre “attentatori suicidi” in una jeep con i numeri della regione autonoma dello Xinjiang Uygur si sono schiantati contro un gruppo di turisti che stavano camminando alle porte della Città Proibita sulla piazza. Dopo che la jeep ha colpito la gente, ha preso fuoco ed è esplosa.

Di conseguenza, i terroristi stessi e due passanti sono morti. Circa quaranta altre persone sono rimaste ferite. 18 persone sono morte il 22 giugno 2015 durante un attacco da parte di estremisti a un posto di blocco della polizia nella città di Kashgar, Xinjiang Uygur Autonomous Region (XUAR). Le autorità cinesi sono seriamente preoccupate per le questioni relative alla sicurezza interna del paese e stanno assegnando forze e mezzi significativi alle attività antiterroristiche. In primo luogo, rafforzando le forze dell’ordine e le forze di sicurezza nello Xinjiang, il cui territorio, data la presenza di molti luoghi remoti, tra cui in montagna, può essere la base di militanti infiltrati da Afghanistan e Pakistan.

Allo stesso tempo, la leadership cinese ha recentemente evitato attivamente di informare la popolazione sull’identità nazionale dei terroristi, prestando attenzione solo al fatto che provengono dallo Xinjiang. Ciò è fatto, prima di tutto, per prevenire i “pogrom” delle comunità uigure nelle città di altre province della RPC, nonché per calmare gli Uiguri stessi, che non hanno bisogno di sentirsi come cittadini di seconda classe e, di conseguenza, si uniscono ai ranghi delle organizzazioni radicali. Tuttavia, l’attivazione degli estremisti in Cina dipende da fattori internazionali, che includono sia la stimolazione delle loro attività da parte di strutture internazionali interessate a destabilizzare la situazione politica in Cina, sia l’intensificazione generale della lotta armata di fondamentalisti religiosi nel Medio Oriente, nell’Africa settentrionale e occidentale in Asia centrale.

Radicali dello Xinjiang e dello “Stato islamico”

L’emergere in Medio Oriente di una nuova forza attiva di fronte allo Stato islamico crea alcuni rischi per la Cina. In primo luogo, è noto che l’ISIS ha recentemente intensificato le sue attività in Afghanistan, dove sta iniziando a diventare gradualmente un rivale dei talebani. Di conseguenza, alcune posizioni dell’ISIS hanno nel vicino Pakistan. Naturalmente, è in prossimità di Afghanistan e Pakistan, Turkestan orientale – Xinjiang è anche di interesse per il “stato islamico”, soprattutto se si considera che nel popolo musulmano Xinjiang sono insoddisfatti con la loro posizione, e il giovane è pronto per l’azione dei radicali per cambiare la loro situazione e possibile creazione di uno stato musulmano indipendente.

In secondo luogo, molti uiguri hanno preso parte alle ostilità in Iraq e in Siria, combattendo dalla parte dello “stato islamico”. È noto che le organizzazioni turche interessate, che hanno legami di lunga data e ben sviluppati con il movimento nazionale uiguro, svolgono un certo ruolo nel trasporto dei militanti uiguri in Siria. I giovani disoccupati uiguri, in particolare quelli associati al movimento nazionalista e che non hanno l’opportunità, a causa della loro inaffidabilità, di trovare lavoro nello XUAR, vengono inviati dalla Cina per lavorare in paesi dove c’è bisogno di mani esperte. Molti di loro vengono in Malesia, Indonesia e in alcuni altri paesi del sud-est asiatico. Nella capitale malese, Kuala Lumpur, come riportato dal quotidiano turco Hurriyet, gli uiguri della RPC ricevono certificati turchi.

Va notato che i paesi del Sud-Est asiatico, non volendo litigare con la Cina, preferiscono consegnare i cittadini cinesi di nazionalità Uygur detenuti sul loro territorio e sospettati di coinvolgimento nel sottosuolo del terrorismo ai servizi speciali cinesi. Ad esempio, nel luglio 2015, il governo thailandese ha emesso 109 uiguri in Cina – e questo nonostante il fatto che le proteste contro l’estradizione siano state espresse dagli Stati Uniti – il principale alleato militare e politico della Thailandia nella regione Asia-Pacifico.

La maggior parte degli Uigur deportati erano immigrati clandestini che andavano in Tailandia per lavorare nelle piantagioni di gomma locali. Secondo i media thailandesi, almeno 13 degli uiguri arrestati hanno pianificato di recarsi in Siria e in Iraq nel prossimo futuro per prendere parte alle ostilità dalla parte dello Stato islamico. Dopo che si è saputo della deportazione degli Uigur dalla Thailandia alla RPC, in Turchia, un giovane radicale locale Uygur ha attaccato il consolato thailandese a Istanbul.

Dopo l’azione teppistica della diaspora, la Thailandia ha chiuso indefinitamente l’ambasciata del paese ad Ankara. È noto che gli uiguri turchi sono i più radicali e hanno stretti legami con organizzazioni radicali, perché un tempo il nucleo dell’emigrazione uigura in Turchia era composto da nazionalisti convinti – pan-turchi e islamisti, che non vedevano un futuro nella Cina comunista. In Indonesia nel settembre 2014, febbraio e giugno 2015, gruppi di cittadini cinesi di origine Uygur che hanno svolto attività terroristiche in Indonesia hanno ricevuto lunghe pene detentive. Tuttavia, nonostante le misure precauzionali e preventive, alcuni cittadini cinesi riescono ancora a penetrare in Siria e in Iraq.

Pertanto, secondo alcuni dati, il numero di militanti dell’ISIS con cittadinanza cinese, prevalentemente uiguro per nazionalità, raggiunge almeno 300 persone. È probabile che possano essere di più, dato il gran numero della popolazione uigura della RPC e l’amarezza della parte radicale dei giovani uiguri rispetto alla loro posizione nella RPC.

D’altra parte, per la leadership cinese, anche la partenza segreta degli uiguri radicali in Siria e in Iraq ha qualche vantaggio – almeno, Pechino ottiene la speranza che una parte significativa del “potenziale di potere” dei radicali uiguro sarà deviato a combattere in Siria e in Iraq, e molti radicali non torneranno mai più nella RPC, morendo nelle ostilità con le forze governative di Assad, l’esercito iracheno o la milizia kurda. principalmente Uiguro per nazionalità, raggiunge almeno 300 persone.

È improbabile che la Cina fornisca assistenza militare diretta al governo di Assad e persino alla Federazione russa in caso di ulteriore sviluppo dell’operazione antiterroristica in Siria. Dato che la Cina già deve fare i suoi conti con i suoi radicali religiosi dell’ISIS, una delle cui organizzazioni costituenti sta conducendo una guerra terroristica nel territorio della provincia dello Xinjiang. Inoltre, la leadership cinese non vorrà perdere contratti multimiliardari in caso di deterioramento nei rapporti con l’Arabia Saudita.

Infatti, il commercio tra Cina e Arabia Saudita supera i settanta miliardi di dollari all’anno, cioè, è settanta volte più del commercio russo-saudita. Di conseguenza, la cooperazione con l’Arabia Saudita è molto significativa per l’economia cinese, soprattutto quando si tratta di molti progetti che sono in fase di sviluppo e devono fornire ordini alle aziende e alle imprese cinesi per molti anni a venire. D’altra parte, i legami economici della Cina con l’Iran si stanno espandendo e quest’ultimo, come sappiamo, è il principale alleato regionale del governo di Bashar al-Assad in Siria.

Pertanto, è probabile che la RPC, senza interferire nel conflitto siriano, manovrerà tra le varie parti che si oppongono, in generale, è più favorevole alla posizione della Federazione russa. Come ha affermato Vasily Kashin, esperto del Centro per l’analisi delle strategie e delle tecnologie, nella sua intervista, considerando la posizione della leadership politica cinese sulla questione dell’operazione militare della Federazione russa in Siria, “la Cina è positiva riguardo alla nostra operazione. A livello politico, Pechino ha espresso il proprio sostegno a Mosca nella lotta contro il terrorismo. Anche i commenti dei principali media cinesi sono benevoli Ma la Cina non è ancora pronta ad intervenire nel conflitto siriano. È vero, la discussione su questo argomento è in corso. Precedentemente, domande come “Non dovremmo intervenire?” O “In quali condizioni dovremmo entrare in questo conflitto?”, In linea di principio, non si è verificato ” (citazione Lenta.ru).

D’altro canto, dovremmo aspettarci un ulteriore rafforzamento delle attività antiterrorismo dei servizi speciali cinesi e delle forze dell’ordine, principalmente nella Regione autonoma uigura dello Xinjiang, che sarà associata alla lotta contro l’eventuale infiltrazione di terroristi dal territorio dell’Afghanistan e del Pakistan nel territorio cinese, e probabilmente il precedente Repubbliche sovietiche dell’Asia centrale. Per la Federazione russa nella situazione attuale, l’importanza della cooperazione con la Cina nel campo della garanzia della sicurezza antiterrorismo nella regione dell’Asia centrale, principalmente in Afghanistan, Uzbekistan, Kirghizistan e Tagikistan, aumenta.

La Cina, come la più grande potenza della regione, ha i suoi interessi strategici, ma al momento si sovrappongono agli interessi della Russia – focalizzati sull’impedire l’espansione l’influenza degli estremisti religiosi sul territorio delle repubbliche dell’Asia centrale e, se possibile, impedire ai radicali religiosi di rafforzare significativamente le loro posizioni in Afghanistan.

È noto che il governo della RPC collabora strettamente con le autorità del Kazakistan e del Kirghizistan in termini di organizzazione della prevenzione congiunta del terrorismo e dell’estremismo. Su richiesta dei servizi di intelligence cinesi, i cittadini della Repubblica popolare cinese tra i rappresentanti delle organizzazioni radicali uiguro situate in Kazakistan e Kirghizistan sono rilasciati in Cina per l’ulteriore attuazione delle misure investigative. A sua volta, la RPC sta aiutando la leadership kazaka e kirghisa ad opporsi alla diffusione del radicalismo religioso nelle repubbliche.

fonte Top War – rivista militare di analisi 
altre parti:

– La Cina, la questione dello Xinjiang – parte 1 

  • La Cina, la questione dello Xinjiang e lo Stato islamico

 – La Cina, la questione dello Xinjiang –  parte 2 –

  • Un popolo antico senza stato

– La Cina, la questione dello Xinjiang –  parte 3 –

  • Radicalismo religioso e separatismo nello Xinjiang
  • Attacchi sanguinosi: il lavoro degli estremisti
  • Radicali dello Xinjiang e dello “Stato islamico”

 

altri articoli correlati:

L’occidente denuncia la Cina per violazione dei ‘diritti umani’ contro i musulmani cinesi

Print Friendly, PDF & Email

JOIN THE DISCUSSION

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.