La Cina, la questione dello Xinjiang – parte 2 – Un popolo antico senza stato

Un popolo antico senza stato

Gli Uiguri sono un popolo antico il cui nome è stato conosciuto sin dall’inizio della nostra era. Nel IX secolo DC Le tribù uiguro-turche migrarono nel territorio del Turkestan orientale, dove si ebbe un ulteriore sviluppo della cultura e dello stato di Uygur. I gruppi etnici di lingua iraniana che vivono sul territorio del Turkestan orientale sono stati assimilati dagli uiguri e si sono uniti alle tribù uighur.

Per molto tempo, il territorio del Turkestan orientale fu una regione di un pluralismo confessionale unico – tradizionale per i popoli turchi, sciamanesimo, manicheismo, buddismo e cristianesimo nestoriano furono diffusi tra la popolazione locale (i Nestoriani erano attivi nella predicazione in Asia centrale e in Cina). Nel X secolo. nelle più grandi città di oasi del Turkestan orientale – Yarkende, Kashgar e Khotan: l’Islam ha iniziato a diffondersi attraverso gli sforzi dei mercanti arabo-persiani. Tuttavia, il processo di islamizzazione della popolazione turca del Turkestan orientale si estendeva per diversi secoli e solo nel XVI secolo.

L’Islam praticamente soppiantò tutte le altre religioni che erano state precedentemente professate dalla gente della regione. Nel processo di islamizzazione degli Uiguri, la scrittura del Vecchio Uigur fu soppiantata dalla scrittura araba, mutuata dalle lingue arabe e persiane nella lingua uigura, cominciò a rafforzare la cooperazione culturale non solo con la vicina Asia centrale – Turkestan occidentale, ma anche con la Persia, l’Oriente arabo, l’India del Nord. Allo stesso tempo, l’etnonimo “Uygur” in Asia centrale del XV-XVII secolo. Era poco utilizzato perché era ampiamente utilizzato per identificare la popolazione turca-musulmana locale dei termini “musulmani” o “turchi”, o più ristretti nomi regionali o tribali – “Kashgarets”, “Khotanets”, ecc. (questi sono i nomi delle “yurte” – gruppi sub-etnici del popolo uiguro). Gradualmente, le tribù di origine mongola, che vagarono qui, gradualmente mescolate con la popolazione turca, si unirono alla comunità di Uygur del Turkestan orientale.

Dopo che il territorio del Turkestan orientale cominciò a essere gradualmente conquistato dall’impero Qing, un’era di prove severe iniziò nella storia del popolo uiguro, inclusa quella, in particolare, dei tentativi di lottare per la conservazione della sovranità nazionale. Tuttavia, gli Uiguri non poterono resistere completamente all’impero Qing molto più forte. La provincia dello Xinjiang è stata fondata sul territorio del Turkestan orientale e ha avuto inizio il suo intensivo insediamento con manchi e cinesi. Così, nello Xinjiang, iniziarono a essere collocate guarnigioni reclutate da Solone e Daur della Manciuria, nel 1764, diverse migliaia di Sibo furono reinsediate nella valle di Ili – rappresentanti della lingua di lingua della Manciuria che viveva nella Cina nordorientale, nelle moderne province di Liaoning e Jilin, che al confine con la RPDC.

Tuttavia, le insurrezioni sono state ripetutamente sollevate e di fatto sono stati creati stati Uygur indipendenti sul territorio del Turkestan orientale. Tra questi, in particolare: il Kucharsky Khanate, fondato nel 1864 a seguito di una rivolta nel territorio di Turfan, Hami, Aksu e Usha; Dungan Khanate (in seguito – Sultanato di Urumqi), apparso nello stesso anno a Urumqi; Khotan Khanate, creato dal mullah Habibullah; Kashgar Khanate, nello stesso 1864 creato da Buzruk-Khoja.

Il movimento uiguro indossava il carattere anti-manciù e anti-cinese, unendo tutti i popoli musulmani del Turkestan orientale – Uiguro, Dungan, Kazakistan, Kirghiz, Tatar, Uzbeki, Salari, Pamiriani, Tagichi. Tuttavia, nel 1875, le truppe dell’impero Qing, che erano state precedentemente assegnate per ottenere la conquista di Dzungaria, furono trasferite nel Turkestan orientale. Entro il dicembre 1877 Le truppe Manciù riuscirono a ripristinare il potere dell’Impero Qing quasi su tutto il territorio dello Xinjiang, ad eccezione della regione di Ili. L’ultimo negli anni 1871-1881. faceva parte del distretto militare del Turkestan dell’Impero russo e nel 1881, in conformità con il trattato di Pietroburgo, fu trasferito all’impero Qing per il risarcimento delle spese associate all’amministrazione russa decennale di questo territorio.

All’inizio del XX secolo. Nel Turkestan orientale, le idee sull’indipendenza politica della regione cominciarono a diffondersi, acquisendo linee più moderne. Così, lo Jadidismo e il Pan-Turkismo si sono diffusi, penetrando nella regione dal Turkestan russo e dalla Turchia. Come è noto, gli Jadidi sostenevano la modernizzazione dell’Islam, chiedevano l’uso delle lingue nazionali nell’insegnamento dei bambini e la sostituzione delle scuole religiose con quelle secolari in cui si insegnava la conoscenza moderna. La diffusione dello jadidismo nel Turkestan orientale ha giocato un ruolo importante nella formazione del movimento di liberazione nazionale uiguro.

Ma è ancora stato più influenzato dagli eventi rivoluzionari in Russia. In primo luogo, un flusso di coloni turchi dall’Unione Sovietica, principalmente dall’Asia centrale, si precipitò nel Turkestan orientale. Molti immigrati erano persone politicamente istruite e sostenevano la creazione e il rafforzamento del movimento nazionalista turco, usando, inoltre, il sostegno delle potenze occidentali interessate a indebolire le posizioni dell’URSS in Asia centrale. In secondo luogo, invece, la creazione di repubbliche nazionali nella vicina Asia centrale permise agli uiguri di ottenere la speranza di una possibile indipendenza politica o, almeno, dell’autonomia dalla Cina, prendendo in considerazione l’esempio dei loro vicini – correligionari e fratelli nel sangue turco.

Nel frattempo, nello Xinjiang, salì al potere il governatore Jin Shujen, che iniziò una politica di violenta Sinizzazione della popolazione turkmena, vietando gli eventi islamici e sostituendo funzionari uiguri e dungan con cinesi Han e rappresentanti di altri gruppi cinesi non musulmani. naturalmente, che questa attività di Shuzhen ha causato un aumento di malcontento tra la popolazione musulmana del Turkestan orientale.

Contro le politiche di Shuzhen, le ribellioni della popolazione musulmana locale si sono ripetutamente accese. Così, il 16 marzo 1933, a seguito di una rivolta dei lavoratori dell’estrazione dell’oro nei pressi della città di Keriya, fu proclamato un emirato Khotan indipendente, guidato dai fratelli Bukhra. I ribelli hanno distrutto i funzionari dell’amministrazione cinese, sconfitto le guarnigioni e costretto la popolazione cinese pacifica a convertirsi all’Islam.

Nel settembre del 1933 fu annunciata la creazione della Repubblica del Turkestan orientale e, il 12 novembre, la creazione della Repubblica islamica turca del Turkestan orientale (TIRST), ed anche la Repubblica dell’Uiguristan. Khotan Emirate e TIRST agirono indipendentemente l’uno dall’altro, mentre TIRST controllava il territorio da Aksu a Khotan. Le autorità della TIRST erano sostenitori dello Jadidismo, che sostenne la modernizzazione politica ed economica della società Uygur e la trasformazione del Turkestan orientale in un paese moderno indipendente dalla Cina. Ma i piani per creare un tale stato hanno fallito. Primo, nessuno dei paesi vicini ha accettato di fornire sostegno alla repubblica autoproclamata.

L’Unione Sovietica si rifiutò di cooperare con i nazionalisti e gli islamici turchi. Anche le autorità dell’India britannica non volevano rovinare le relazioni con l’Unione Sovietica e la Cina e sostenere il movimento separatista. Persino Iran, Afghanistan e Turchia si sono rifiutati di aiutare i separatisti uighuri.

TIRST aveva alcune speranze di sostegno dalla Germania e dall’Italia, ma alla fine la Germania di Hitler preferì cooperare con la Cina piuttosto che fornire supporto a separatisti dubbi e piccoli. Brigate sovietiche – Altai e Tarbagatai, i cui combattenti, al fine di camuffare e rimuovere dall’URSS, le accuse di sostenere uno dei lati dello scontro nello Xinjiang, vestiti sotto forma di cosacchi bianchi, furono addirittura attaccati alle truppe cinesi di Sheng Shitsai, che furono inviati per pacificare la rivolta di Huizu.

La partecipazione delle truppe sovietiche alla soppressione della rivolta degli uiguri fu associata alle paure di Mosca di una possibile diffusione del movimento nazionalista turco nel territorio delle repubbliche sovietiche dell’Asia centrale, dove riuscirono solo a far fronte al loro movimento Basmaan, così come al possibile uso dei separatisti del Xinjiang dal Giappone, che utilizzò attivamente la pratica della creazione sul territorio cinese stati delle minoranze nazionali. Così, con il sostegno del Giappone, furono creati Manchukuo nella Cina nord-orientale e Mengjiang nella Mongolia Interna. Le truppe del Kuomintang e del generale Dungan Ma Zhantsana attaccarono la TIRST e inflissero una schiacciante sconfitta ai sostenitori dell’indipendenza del Turkestan orientale, eliminando gran parte dei suoi difensori. Il presidente della Repubblica, Khoja Niyaz, fuggì sul territorio dell’Unione Sovietica,

Il ripetuto tentativo di ottenere l’indipendenza di stato dai residenti del Turkestan orientale ebbe luogo nel 1944-1945, quando la Repubblica Rivoluzionaria del Turkestan orientale fu creata nel territorio dei distretti di Ili, Altai e Tachen della provincia dello Xinjiang. Come risultato della rivolta contro le truppe del Kuomintang, il 12 novembre 1944 fu proclamata l’indipendenza della Repubblica del Turkestan orientale, che era posizionata come uno stato democratico di tutti i popoli che abitavano nello Xinjiang. È significativo che il governo guidato dal capo dei musulmani del distretto di Ili, l’etnia uzbeka Alikhan-Ture (nella foto), comprendesse non solo uiguri e uzbechi, ma anche tatari, kazakhi, kalmyk e persino russi. Polinov e F.I. Lesquin.

Dopo la sconfitta del Kuomintang, il 19 settembre 1949, Burgan Shahidi, che a quel tempo dirigeva il governo dello Xinjiang e, a proposito, nominato in tale incarico dallo stesso Chiang Kai-shek, si recò da parte di Mao Zedong e annunciò l’ingresso del Turkestan orientale nella RPC. Le forze armate del Turkestan orientale sono state incorporate nell’Esercito popolare di liberazione della Cina. Tuttavia, nonostante il fatto che lo Xinjiang abbia ricevuto l’autonomia formale all’interno della Repubblica popolare cinese, la situazione della popolazione uigura nel paese non è migliorata affatto.

continua – La Cina, la questione dello Xinjiang –  parte 3 –

  • Radicalismo religioso e separatismo nello Xinjiang
  • Attacchi sanguinosi: il lavoro degli estremisti
  • Radicali dello Xinjiang e dello “Stato islamico”

– La Cina, la questione dello Xinjiang – parte 1 

  • La Cina, la questione dello Xinjiang e lo Stato islamico

 – La Cina, la questione dello Xinjiang –  parte 2 –

  • Un popolo antico senza stato

 

fonte Top War – rivista militare di analisi