La Cina, la questione dello Xinjiang – parte 1 – origini

Il 20% dei cinesi è musulmana, la diffidenza della Cina per gli uiguri ha ragioni storiche, quello che segue è uno studio analitico predisposto dalla rivista Top War. Diviso in tre parti.

La Cina, la questione dello Xinjiang e lo Stato islamico

Come è noto, la Cina ha un vasto territorio conosciuto come la regione del Turkestan orientale. Su questo territorio, che fa parte della regione autonoma dello Xinjiang Uygur della Repubblica popolare cinese (XUAR), vivono un certo numero di popoli e gruppi etnici turchi e iraniani che professano l’Islam. Il più grande tra loro sono gli uiguri, per un decimilionesimo musulmano sunnita.

In termini di lingua, gli Uiguri sono persone di lingua turca, vicine ai vicini Uzbeki e che parlano la lingua uigura del ramo di Karluk delle lingue turche. Fino al XVIII secolo. lo stato uiguro mantenne la sua indipendenza fino a quando fu conquistato dall’impero Qing. Tuttavia, anche allora il governo centrale della Cina controllava male le regioni interne del Turkestan orientale, che in realtà vivevano secondo le proprie leggi.

Gli Uiguri sollevarono regolarmente insurrezioni anti-cinesi nel corso degli anni e nel 20 ° secolo. I tentativi di creare stati Uygur indipendenti (- la Repubblica islamica del Turkestan orientale nel 1933-1934  e la Repubblica Rivoluzionaria del Turkestan Orientale ) si sono verificati due volte nel 1944-1949 .

Dopo l’inclusione finale nella Repubblica Popolare Cinese (RPC)  nel 1949, fu creata la regione autonoma Uigura dello Xinjiang. I nazionalisti uiguri affermano che il loro popolo in tutta la storia moderna è stato discriminato dai cinesi, e nella Cina moderna, la discriminazione ha assunto la natura di limitare il tasso di natalità degli Uiguri, adottando nei territori cinesi (i territori di Hans of the Uygur), repressioni degli Uiguri in varie sfere della vita.

Oltre all’Uyur, nella regione autonoma cinese dello Xinjiang uiguro ci sono ancora alcuni popoli “turkmeni”, sotto l’ influenza culturale e politica uigura  costituiscono una parte piuttosto conflittuale della popolazione della Cina. In primo luogo, questi sono i popoli turchi dell’Asia centrale – i kazaki, i kirghisi, i tatari, i salars e gli uzbeki, così come i dongxiani – un piccolo popolo di lingua mongola. Per la maggior parte, ad eccezione di una piccola parte di buddisti kirghisi, praticano l’Islam sunnita, ma (tranne che per gli uzbeki e i salari) la religione gioca un ruolo minore nelle loro vite rispetto alla vita degli Uiguri.

In secondo luogo, questi sono i popoli Pamiri, Sarikolians e Vakhans, che sono considerati Tajiks in Cina. Praticano lo Shi’ismo ismailita e sono largamente indipendenti dall’influenza culturale degli Uiguri. Il terzo gruppo è Hui, o Dungans – Musulmani cinesi che parlano cinese, ma sono musulmani fin dall’antichità, hanno predeterminate specificità culturali e caratteristiche nel loro sviluppo storico e politico. Tuttavia, gli Hui sono più fedeli alle autorità centrali cinesi rispetto agli uiguri.

Questo è il motivo per cui gli Hui hanno sempre svolto il ruolo di “intermediari” tra l’amministrazione cinese ei musulmani del Turkestan orientale, sebbene essi stessi spesso agissero come istigatori di proteste di massa anti-governative, specialmente durante l’esistenza dell’impero Qing e nella prima fase dell’esistenza della repubblica cinese ) ..

L’estensione della diffusione dell’Islam in Cina è stata fino a poco tempo fa sottovalutata, ma secondo un’indagine sociologica condotta nel 2015, oltre il 22% dei cinesi sotto i 30 anni sono musulmani.

Cioè, quasi un quarto giovane cittadino cinese è musulmano. Ciò è spiegato, in particolare, dalle peculiarità della politica nazionale e demografica della RPC. Il fatto è che per lungo tempo alle famiglie cinesi non è stato permesso di avere più di un figlio, mentre le famiglie delle minoranze nazionali, incluse le popolazioni musulmane del Turkestan orientale, hanno avuto privilegi – hanno potuto avere più di un figlio.

Di conseguenza, la situazione sorse quando l’attuale popolazione cinese (buddista-taoista-confuciana) iniziò ad invecchiare e le minoranze etniche divennero più giovani. Ad esempio, tra i cinesi di oltre 60 anni, almeno la metà professano credenze tradizionali del paese – il taoismo e il confucianesimo. Tuttavia, nonostante il fatto che  tra i giovani cinesi i musulmani  siano numericamente più presenti che tra le generazioni più anziane, in generale, l’Islam cinese non è ancora caratterizzato da un’alta scala di radicalizzazione.

Ma questo – se parliamo di musulmani cinesi – Hui. Per quanto riguarda gli Uiguri, la situazione è leggermente diversa. Il fatto è che gli Uigurs rappresentano veramente una nazione che è fondamentalmente diversa dai cinesi e che ha una sua ricca storia, tradizioni culturali, una lingua scritta e infine una religione, che è uno dei pilastri dell’identità nazionale. La lotta degli Uiguri per la liberazione nazionale è continuata da allora.

(continua parte 2)

sommario

– La Cina, la questione dello Xinjiang – parte 1 

  • La Cina, la questione dello Xinjiang e lo Stato islamico

 – La Cina, la questione dello Xinjiang –  parte 2 –

  • Un popolo antico senza stato

– La Cina, la questione dello Xinjiang –  parte 3 –

  • Radicalismo religioso e separatismo nello Xinjiang
  • Attacchi sanguinosi: il lavoro degli estremisti
  • Radicali dello Xinjiang e dello “Stato islamico”

 

fonte Top War – rivista militare di analisi 

altri articoli correlati:

L’occidente denuncia la Cina per violazione dei ‘diritti umani’ contro i musulmani cinesi