Jamal Khashoggi: per alcuni fa più paura da morto che da vivo

Un silenzio mortale è inspiegabilmente precipitato negli eventi che circondano il raccapricciante omicidio del giornalista saudita Jamal Khashoggi. Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, che lanciava furiosamente pietre e aspersioni nel regno saudita, ora è silenzioso. In un discorso alla sua fazione parlamentare di sostenitori del Partito di Giustizia e Sviluppo, Erdogan ha chiamato l’operazione al consolato di Istanbul un atto crudele e barbarico e ha chiesto che i sauditi rivelino dove è nascosto il corpo di Khashoggi e chi ha dato l’ordine di uccidere. Ma dopo che i sauditi hanno dichiarato, in una linea dura piuttosto decisiva, che avrebbero provato i responsabili stessi, Ankara e Istanbul sono diventati silenziosi. O forse stanno semplicemente chiamando un timeout. 

Su quella nota, i media internazionali riferiscono che sono in corso colloqui segreti e acesi tra Ankara e Riyadh per negoziare l’importo del risarcimento dovuto ai turchi. Non si può escludere che i sauditi facciano una serie di concessioni sulla loro politica in Siria.

Parlando in modo inequivocabile, la maggior parte degli esperti è quasi certa che l’operazione saudita per uccidere Khashoggi sia avvenuta in piena vista dei servizi segreti turchi, che l’hanno controllata dall’inizio alla fine, ma la Turchia non vuole ammetterlo. Questo potrebbe spiegare l’esistenza di registrazioni audio molto precise dal consolato, che sarebbero state registrate dall’orologio intelligente del giornalista. Il fatto è che i servizi segreti turchi avevano messo in allarme la struttura diplomatica, ma non volevano ammetterlo. Ciò è stato indirettamente confermato dal direttore della CIA Gina Haspel, che è andato in Turchia per ascoltare la registrazione delle torture e degli omicidi del giornalista saudita. Come direttore storico della prigione segreta della CIA in Thailandia, che ha regolarmente assistito alla tortura dei prigionieri, Haspel può distinguere in modo affidabile tra un falso e la cosa reale. Questa registrazione ha catturato l’omicidio di un giornalista. Questo era reale.

Il silenzio è sceso anche su Washington. Dopo aver prima spaventato i principi sauditi, il presidente degli Stati Uniti ha cambiato la sua posizione, usando l’interesse economico degli Stati Uniti come  spiegazione. La medaglia d’oro da due chili che i sauditi hanno dato al loro “caro amico”, Donald Trump, sembra aver giocato un ruolo non trascurabile in questa faccenda. Ecco perché è comprensibile che abbia detto ai sauditi come comportarsi. Gli americani su queste faccende hanno il beneficio dell’esperienza: puniscono solo gli esecutori, non i mandanti. Naturalmente, l’anziano re si è da tempo astenuto da tali giochi e il principe ereditario è troppo occupato con importanti affari di stato.

Ora che il presidente Trump ha fatto uscire la famiglia reale saudita dall’acqua calda, anche se non completamente, può aspettarsi di essere ricompensato per i suoi servizi. In primo luogo, Washington può chiedere che i sauditi si rifiutino di cooperare con Mosca in materia di petrolio e gas o di difesa, prendendo una dura posizione anti-russa.

In questo caso, i sauditi hanno seguito il consiglio di esperti provocatori americani. Hanno arrestato 18 persone che saranno processate in Arabia Saudita, quindi la verità non verrà mai fuori. Sono stati trovati tutti e 18 i capri espiatori. Prima fra tutti quelli che sono volati ad Istanbul per uccidere Jamal Khashoggi. 18 furono arrestati, così come il console generale. Alcuni furono costretti a dimettersi, come il generale Ahmad Asiri, vice direttore dei servizi segreti sauditi. Un tenente della guardia personale del principe ereditario è stato persino ‘accidentalmente’ colpito e ucciso da un’auto a Riyadh. Fu licenziato anche Saud al-Qahtani, uno dei principali consiglieri del principe ereditario saudita Mohammad bin Salman Al-Saud. Ha servito per molti anni nella cerchia ristretta del principe. Le sue funzioni includevano la difesa della famiglia reale – il principe ereditario – tra gli attacchi ai social media. I resoconti dei media affermano che Saud al-Qahtani era responsabile della creazione dell’esercito di troll finalizzato a far cadere i critici del regime, come Khashoggi. Il consigliere ha coordinato gli arresti di centinaia di élite dell’Arabia Saudita e ha persino detenuto il primo ministro libanese in cattività.

Secondo i rapporti, il principe ereditario era scioccato dalla protesta mondiale in risposta all’uccisione dell’olandese giornalista saudita per il Washington Post. Il Wall Street Journal riferisce che, durante la telefonata del principe con il consigliere principale del presidente Trump, Jared Kushner, la confusione di Riyadh sulla reazione di Washington “si trasformò presto in rabbia”. In particolare, ha affermato che “[h] e si sente tradito dall’Occidente” e ha minacciato che l’Arabia Saudita avrebbe trovato altri partner stranieri altrove, come Ryan Costello e Sina Toosi scrivono in politica estera.

Tutti gli eventi recenti in questo caso sono stati davvero inaspettati per il giovane principe. Il quotidiano saudita Al Hayat scrive che centinaia di persone vengono decapitate pubblicamente nelle piazze saudite ogni anno e qui, un saudita viene smembrato e c’è “tanto rumore”. I sauditi considerano tradizionalmente i loro atti e le loro decisioni come un affare interno di cui discutere nascondere i fatti e mentire apertamente. Si può essere certi di ciò guardando la reazione alla morte del giornalista dall’ambasciatore dell’Arabia Saudita negli Stati Uniti, il principe Khalid bin Abulaziz Al Saud. Il fratello minore del principe ereditario Mohammed bin Salman, il principe Khalid è un membro della famiglia reale e un potenziale candidato per il trono reale in determinati scenari. Questo è il motivo per cui era a conoscenza di tutti gli affari palesi e segreti del suo fratello maggiore,

Il 9 ottobre, una settimana dopo la morte del giornalista, l’ambasciatore saudita – perfettamente consapevole della notizia, eppure agendo come se nulla fosse accaduto, quasi prendendo in giro il tragico evento – ha annunciato che le storie sulla morte o l’arresto del giornalista oppositore saudita Jamal Khashoggi erano “tristi voci”. Sorge la domanda su come si possano credere gli annunci ufficiali della leadership saudita quando uno dei suoi membri diffonde una bugia a buon mercato in tutto il mondo senza battere ciglio del suo incarico negli Stati Uniti, il faro della democrazia e della libertà, l’ardente difensore dell’umano diritti.

È interessante notare che le agenzie di intelligence britanniche sono state informate già a settembre del piano per rapire l’oppositore saudita Jamal Khashoggi al fine di impedirgli di pubblicare informazioni sfavorevoli a Riyadh. Le informazioni da annullare riguardavano l’uso di agenti chimici vietati dalle truppe saudite nello Yemen, che hanno provocato la morte di molti civili innocenti. Il Daily Express, che fa riferimento a “informatori esperti”, osserva che i membri della corte reale pianificarono la rimozione forzata del giornalista dalla Turchia. I loro nomi non sono stati rivelati. E per una buona ragione, considerando che ci sarebbe un prezzo troppo alto da pagare.

Gli agenti di Londra hanno seguito meticolosamente il corso dell’operazione ed è molto probabile che abbiano aiutato. L’agenzia britannica di intelligence straniera MI-6 e l’agenzia di controspionaggio MI-5 hanno così tanta esperienza nel rapire e avvelenare le persone che sarebbero stati insegnanti ideali per i sauditi piuttosto inesperti. Il quotidiano riferisce che l’intelligence britannica ha rilevato il movimento della squadra saudita responsabile del rapimento del giornalista il 1 ° ottobre. I membri della squadra hanno iniziato a mordicchiare il morso. Se non riuscissero a estrarre il giornalista dalla Turchia, lo ucciderebbero, avendolo fatto così tante volte in passato. Il palazzo reale considerava Jamal Khashoggi molto più pericoloso per Riyadh che un giornalista irrispettoso, infelice con le autorità. A un certo punto, Khashoggi faceva parte del circolo ristretto dell’ex capo dell’intelligence reale ed era amico del leader di Al-Qaeda Osama bin Laden. Verso la fine della sua vita, si unì alla Fratellanza Musulmana. In breve, aveva molti amici potenti e sapeva un bel po ‘di molte persone.

Phyllis Bennis di Newsweek scrive che l’omicidio di Khashoggi non fu il primo crimine commesso dagli alleati chiave dell’America in Arabia Saudita. E Donald Trump non è il primo presidente degli Stati Uniti a stare in silenzio a guardare in disparte. Le ‘linee rosse’ dell’America non si applicano praticamente mai ai suoi alleati.

Non tutti in Occidente sono entusiasti del corso del nuovo presidente degli Stati Uniti, la cui missione principale nella vita è una buona contabilità. Forse il più caratteristico di questo malcontento è un articolo sul New York Times del tre volte vincitore del premio Pulitzer Thomas Friedman, che scrive: “E quindi, non come giornalista ma come cittadino americano, sono disgustato di vedere il mio presidente e il suo segretario di stato in collaborazione con i funzionari sauditi per inventare una storia di copertura. Le ramificazioni a lungo termine di questo per ogni giornalista – o critico politico in esilio ovunque – sono agghiaccianti. A proposito, non penso che lo faranno franca “.

Questa è certamente una sorta di spartiacque nella storia americana. L’America rimarrà, come molti vedono, la città splendente sulla collina o si trasformerà in una città a cavallo unico lontano dalla civiltà mondiale?

Viktor Mikhin, membro corrispondente di RANS, in esclusiva per la rivista online  “New Eastern Outlook” .

 
Source link

JOIN THE DISCUSSION

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.