Intervista con il ministro degli esteri russo Sergei Lavrov

Riporto di seguito le domande e risposte più interessanti di una intervista al ministro degli esteri della Federazione russa, Lavrov, probabilmente il miglior ministro degli esteri in circolazione.

“Questa intervista è stata fatta prima delle vacanze professionali di tutto il personale del Ministero degli Esteri, il Giorno dei Lavoratori Diplomatici. È stato introdotto nel 2002 ed è stato programmato per il 200 ° anniversario dell’istituzione del ministero degli Esteri russo. Più di 10.000 persone celebreranno questa vacanza professionale, la maggior parte delle quali è lontana dalla patria”

– Il ministero degli esteri ha qualche tradizione per celebrare questa festa?

– Sì, teniamo un evento il 10 febbraio di ogni anno o poco prima se cade nel fine settimana, durante il quale quei diplomatici che hanno lavorato particolarmente bene durante l’anno precedente sono decorati con premi governativi e statali. Un ordine esecutivo presidenziale viene solitamente emesso in quel momento nominando i vincitori di ordini di stato o altre decorazioni. Invitiamo sempre i nostri veterani a questi eventi. Dopo la cerimonia, proseguiamo con una comunicazione non ufficiale al ricevimento, Queste feste d’ufficio sono sempre molto familiari, nel miglior significato di questa parola. Naturalmente, le nostre missioni estere e i nostri uffici nelle regioni russe organizzano eventi ufficiali a cui sono invitati stranieri, membri del corpo diplomatico e rappresentanti del paese ospitante.

Riguarda anche gli Stati Uniti, ovviamente. Sebbene gli ultimi anni abbiano visto uno sconvolgimento nei rapporti tra le due superpotenze. Sono diventati peggiori del periodo durante la guerra fredda. Sembra essere la più diffusa espressione. In quale altro modo possiamo interpretare il sequestro delle strutture diplomatiche a San Francisco e Washington, la sospensione temporanea e le regole più severe di rilascio dei visti ai russi, le iniziative sanzionatorie o, infine, il rapporto del Cremlino? Il documento era stato preparato per sei mesi e comprende 210 nomi: quasi tutti gli impiegati dell’amministrazione, i ministri, i capi di stato e gli uomini d’affari.

RELAZIONI USA-RUSSIA

– Lei è il n. 65 nel cosiddetto Rapporto del Cremlino. Immagino che tu sia il primo ministro degli esteri a essere inserito nella lista nera. Cosa stavano cercando di ottenere?

– A dir la verità, non mi interessa la situazione intorno al Rapporto del Cremlino o qualsiasi altro avvenimento a Washington associato al cosiddetto Dossier russo. Il rapporto e gli elenchi che hai menzionato sono semplicemente ridicoli. Potrebbero essere compilati entro 30 minuti. Concordo con l’ex ambasciatore statunitense a Mosca, Michael McFaul, il quale ha affermato che il suo assistente di ricerca avrebbe potuto farlo in meno di un’ora, copiando i nomi del governo russo e degli elenchi telefonici degli uffici presidenziali presidenziali, nonché dal rivista  Forbes . Quando tutto è iniziato, ho avuto una brutta sensazione. Non potevo credere ai miei occhi e alle mie orecchie, considerato che conosco personalmente molti funzionari dell’amministrazione di Washington e del Congresso. Sono persone serie, intelligenti e ragionevoli. Pertanto, sono rimasto scioccato nel vedere questa psicosi di massa spazzarli via dalla razionalità. Ma poiché questa tendenza è continuata, e lo è stata per oltre un anno, ho gradualmente perso ogni interesse per essa.

Sergey Lavrov ha avuto 2 lunghe incarichi negli Stati Uniti.Lal prima è iniziata nel 1981, è stato segretario, consigliere e poi consigliere senior dell’allora Missione permanente sovietica presso le Nazioni Unite. Nel 1994 è stato nominato Ambasciatore della Russia presso l’ONU. Le relazioni bilaterali hanno attraversato vari periodi durante quel tempo. Ma ciò che sta accadendo ora è un’esperienza assolutamente nuova per la diplomazia russa.

– Ho letto gli articoli dei tuoi colleghi che dicono che dobbiamo superare questo impasse in qualche modo. Dmitrij Peskov ha descritto le relazioni bilaterali come “collasso” e io posso offrire molti altri sinonimi. Quando esortato a cercare una via d’uscita “creativamente”, ti assicuro, lo stiamo facendo e continueremo a farlo. Abbiamo offerto molte soluzioni pratiche ai nostri partner americani. Durante i miei contatti regolari con Rex Tillerson, abbiamo proposto dei modi per tornare indietro da questa linea pericolosa e piuttosto stupida. Non ci sono state reazioni nella maggior parte dei casi.

L’unica eccezione positiva è il nostro lavoro professionale sugli emendamenti al Trattato sulle misure per l’ulteriore riduzione e limitazione delle armi offensive strategiche, o Nuovo START. I partner americani dicono di essere disposti a farlo dopo aver ” che abbiamo fatto il primo passo e ci pentiamo”. Questa è diventata una filosofia. L’Agenzia mondiale antidoping, che è governata da rappresentanti statunitensi, britannici e di altri paesi anglosassoni, vuole che anche noi ci pentiamo. Dobbiamo pentirci in tutti gli altri casi. E poi i nostri partner occidentali acconsentiranno generosamente a normalizzare gradualmente le relazioni. Offriamo sempre soluzioni pratiche in situazioni che potrebbero degenerare in una crisi.

– È possibile che ci stiano provocando a rispondere? Come dovremmo reagire?

– Credo che sarebbero lieti di vedere una situazione in cui la Russia prenderà misure nervose o drammatiche. Ma le nostre politiche, formulate dal Presidente, non sono basate su tali improvvisazioni o azioni improvvisate. Abbiamo una linea coerente che avanza indipendentemente dal panorama globale. Certe persone vorrebbero indurci a intraprendere azioni che consentano loro di aumentare le pressioni sanzionate su di noi e di adottare altre misure coercitive Sebbene continuino ad aumentare la pressione su di noi, che è un’altra ragione per chiedersi quali siano le capacità di coloro che continuare a costruire irrimediabilmente le sanzioni.

Credo che coloro che conoscono almeno qualcosa sugli affari internazionali, o sulla vita, a tale riguardo, debbano aver lungamente visto che nessuna sanzione ci costringerà a cambiare la nostra politica. Siamo sempre pronti a discutere le domande dei nostri partner in merito ai loro interessi legittimi. Ma come dicono gli americani, ci vogliono due persone per il tango, che è applicabile anche ai negoziati. Ne servono due per negoziare.

– L’anno scorso le relazioni tra Russia e Stati Uniti hanno avuto un successo.Cosa succederà?

– Non ho intenzione di parlare di rock o di qualsiasi altra cosa a caso. Sono contrario a fare ipotesi selvagge. Sono per agire apertamente e onestamente per non punire nessuno, ma per riunire tutti i paesi che possono affrontare in modo efficace  i problemi globali, principalmente il terrorismo e altre minacce globali come il traffico di droga, la criminalità organizzata e l’immigrazione illegale.

– C’è una differenza di fuso orario tra Mosca e Washington. Ti svegli tranquillamente al mattino o sei ansioso di cosa potrebbe essere successo negli Stati Uniti durante la notte?

– Perché dovrei essere ansioso? Certo, leggo e guardo le notizie al mattino. Nella maggior parte dei casi, puoi aspettarti che qualcosa sia accaduto. Ad esempio, ci sono stati suggerimenti. Ci sono alcune sorprese, ma solo molto raramente. Sono rimasto piacevolmente sorpreso quando la Corte Arbitrale dello Sport ha accolto gli appelli dei nostri atleti. Ma non è stata una sorpresa quando la dirigenza WADA e USADA ha affermato che questa scandalosa decisione CAS aveva gettato un’ombra su tutti gli atleti “puliti” e indebolito i principi olimpici. Vedete, quando le persone non riescono a frenare le loro emozioni negative o cattive, si abbandonano. Quando il leader di un’organizzazione anti-doping ha un esaurimento nervoso per una decisione del tribunale, considerando che la corte è sacrosanta negli Stati Uniti, dimostra che questa campagna, nonostante i fatti negativi su alcuni dei nostri atleti, è politicamente carica e progettata per demonizzare la Russia attraverso il movimento olimpico.

Sergey Lavrov è nato a Mosca. Trascorse in parte la sua infanzia alla periferia di Mosca. Ha studiato nella scuola elementare di Noginsk. Si è laureato in una scuola di Mosca con un avanzato apprendimento dell’inglese. Eccellente allievo, medaglia d’argento, Lavrov ha deciso di iscriversi a 2 università contemporaneamente, all’Università degli affari esteri di Mosca e al Moscow Engineering Physics Institute. ma gli esami di ammissione al MGIMO erano un mese prima, quindi ha scelto la carriera diplomatica. 

Sergey Lavrov è quello che viene definito un “diplomatico di carriera”. Il suo lavoro nel ministero degli esteri sovietico iniziò subito dopo la sua laurea all’università. Fu nominato per la prima volta nel 1972 presso l’ambasciata sovietica in Sri Lanka. Il paese fu scelto perché Lavrov parla singalese a parte l’inglese e il francese, e il singalese è la lingua del più grande gruppo etnico dello Sri Lanka.

– Hai avuto sia trattative di successo che infruttuose. Può qualcosa stupirti ora?

– Non ho mai proceduto dal mio stupore mentre valutavo le situazioni. Per molto tempo ho preso gli sviluppi del mondo al valore nominale. Forse, all’inizio della mia carriera diplomatica, alcune cose potevano suscitare il mio particolare interesse o stupirmi, come hai detto tu. Ora che ho lavorato in diplomazia per così tanti anni, mi rendo conto di cosa dovrei aspettarmi dai partner. Ora vediamo che dovremmo aspettarci dagli Stati Uniti molto più di quanto ci aspettassimo. Ma ci si può abituare a qualsiasi cosa. Basti pensare all’interesse del tuo paese mentre pensi se dovresti reagire ai processi e alle azioni interne di altri paesi se incidono sugli interessi del tuo paese, oppure puoi ignorare alcuni passi compiuti da persone accecate dalla russofobia. Quindi, sto solo cercando di essere imparziale. È la vita, devi analizzare cosa sta succedendo.

LA SITUAZIONE IN UCRAINA

Il Congresso degli Stati Uniti ha approvato le forniture di armi per l’Ucraina 3 anni fa. La Russia ha messo in guardia Washington contro tali piani molte volte, affermando che un simile passo avrebbe comportato un’ulteriore escalation del conflitto a Donbas. Finora, non ci sono state forniture di armi da parte degli Stati Uniti in Ucraina. Ciononostante, una compagnia privata del Texas ha confermato di aver fornito RPGs modificati in Ucraina. Alla fine dello scorso anno, l’amministrazione Trump ha emesso la prima licenza per vendere armi letali in Ucraina. L’Ucraina otterrà fucili da cecchino e RPGs, ma non avrà alcun missile.

– Oggi non è un segreto che gli USA forniscano armi letali all’Ucraina. Perché l’Europa tace?

– Non tace. Si oppone, ma non ad alta voce o pubblicamente. Secondo le nostre fonti, parlando con gli Stati Uniti, sfoga l’opposizione a Washington che insiste affinché l’Europa si unisca alle forniture di armi. Gli Stati Uniti stanno cercando di attirare i paesi con tendenze russofobiche, ad esempio i nostri vicini baltici, la Polonia. Ma secondo le nostre fonti, i grandi e forti stati europei sono perfettamente consapevoli di quanto siano pericolosi questi movimenti e cercano di riportare i loro vicini di casa perché gli Stati Uniti e il Canada hanno già lanciato queste vendite. È deplorevole.

– Quale sarà la nostra reazione?

– Non possiamo vietare le forniture statunitensi ovunque. Certo, trarremo conclusioni. È un fatto che i rappresentanti di Donetsk e Lugansk, che possono proteggersi, lo testimoniano. Penso che dovremmo considerarlo.

– Forse, dovremmo anche passare dalle parole ai fatti e, ad esempio, riconoscere il DPR e il LPR?

– A differenza di alcuni dei nostri colleghi internazionali, siamo ancora persone che teniamo fede alla parola data, e questa parola, soprattutto quando è oggetto di negoziati, e quando è approvata dal Consiglio di sicurezza, la manteniamo sempre e la adempiamo. Nessuno ha annullato gli accordi di Minsk. E penso che colui che fa il primo passo per romperli farà un errore colossale. In realtà, le autorità di Kiev sono un passo da questo errore se adottano la legge sulla reintegrazione che ha superato la seconda lettura. Vedremo.

Penso che l’Occidente stia crescendo sempre più convinto che è necessario riportare in auge il presidente Poroshenko e coloro che stanno governando l’Ucraina con lui sia per quanto riguarda la provocatoria legge di reintegrazione, che è ancora solo un conto, e la legge sull’istruzione che è stata adottato. La Commissione di Venezia del Consiglio d’Europa ha chiesto che fosse cambiata poiché discrimina tutte le lingue delle minoranze etniche.

Secondo le nostre fonti, gli emissari che visitano Kiev, emissari europei, trasmettono questo messaggio, raccomandando vivamente che Kiev comprenda che queste misure sono controproducenti e modificano il suo comportamento. Non possono ancora dirlo pubblicamente, ma penso che se l’attuale regime di Kiev non cambierà il suo comportamento, le dichiarazioni pubbliche seguiranno a breve, perché l’Europa è molto cauta nei confronti dei processi che si stanno verificando in Ucraina, specialmente per quanto riguarda il forte aumento del radicali e neonazisti. raccomandando vivamente che Kiev capisca che queste misure sono controproducenti e modificano il suo comportamento.

– Quando parli con la tua controparte ucraina durante rare conversazioni telefoniche, riunioni, quale lingua parli?

– Russo.

– Così come la tua controparte?

– Sì. Viene da Kursk.

– C’è una frase “hanno continuato i colloqui a pranzo”. Mangiate o discutete delle trattative?

– Mangiamo, perché no? Tutti mangiano. Quando mi sono laureato alla MGIMO nel 1972, sono stato immediatamente nominato in Sri Lanka come aiuto dell’ambasciatore. Ero un giovane diplomatico e l’ambasciatore era Rafiq Nishonovich Nishonov. Di recente ha compiuto 90 anni, che Dio gli conceda una buona salute. I miei compiti come aiuto includevano non solo la preparazione del rapporto scritto di preparazione, ma anche la traduzione e l’interpretazione. Così, quando l’Ambasciatore e la suo coniuge organizzavano pranzi, colazioni di lavoro, ero seduto al tavolo. In Russia, gli interpreti si siedono al tavolo. In alcuni altri paesi, siedono dietro a quelli che mangiano. Il nostro protocollo diplomatico ha sempre affermato che gli interpreti dovrebbero sedersi al tavolo. Ero giovane e affamato, ho capito che dovevo interpretare e mangiare qualcosa. Lì ho imparato a conciliare queste due cose.

Questa è la posizione di lavoro degli interpreti simultanei. Sono veri spettri. Possono mitigare i colloqui e esacerbare il conflitto. Gli interpreti simultanei non solo hanno una perfetta padronanza delle lingue, ma sono anche ben accettati e hanno un buon senso dell’umorismo.

– Mangi con gli interpreti adesso?

– Certo, si siedono al tavolo. Ma molti di loro chiedono di non servire il cibo mentre cercano di concentrarsi sull’interpretazione. Non mi oppongo, ma si può conciliare entrambe le cose.

– Offrite bevande alcoliche agli ospiti?

– Sì, così come ogni paese, tranne gli stati musulmani. Persino alcuni stati musulmani offrono vino.

– Hai offerto vino di Crimea agli europei, agli americani?

– Lo Abbiamo fatto.

– Lo bevono?

– Lo hanno fatto.

Ma la politica è molto più complicata della gastronomia. L’accordo nucleare iraniano ne è un vivido esempio. Nel luglio 2015, l’Iran e i 6 mediatori internazionali: Russia, Stati Uniti, Regno Unito, Cina, Francia e Germania – sembravano aver raggiunto uno storico accordo sul programma nucleare iraniano. Gli americani hanno accettato di revocare tutte le sanzioni dall’ Teheran. Ma all’inizio di quest’anno, Washington ha cambiato idea.

IL DOSSIER IRANIANO

– L’accordo sull’Iran verrà rispettato, anche dai nostri partner in Europa occidentale, ma gli Stati Uniti si rifiutano di farlo?

– Gli Stati Uniti non hanno rifiutato di rispettare l’accordo, ma hanno chiesto che fosse rivisto, il che è assolutamente irrealistico. Ma questo è ciò che gli Stati Uniti richiedono. Vuole anche che i firmatari europei – Gran Bretagna, Francia e Germania – inizino a cooperare con Washington su questo argomento. Le tre parti europee di questo accordo hanno deciso di istituire un gruppo di lavoro con gli Stati Uniti, con l’avvertenza che l’accordo non può essere rinegoziato ma sono pronti a discutere altre preoccupazioni riguardanti l’Iran. Le preoccupazioni principali riguardano il programma missilistico balistico iraniano, che non è stato vietato, la questione dei diritti umani e il comportamento dell’Iran nella regione, il che significa che questo avrà un presunto effetto negativo dell’Iran sulle situazioni di conflitto.

Gli Stati Uniti e 3 paesi europei – Regno Unito, Francia, Germania – hanno creato un gruppo di lavoro per discutere l’accordo nucleare iraniano. Russia e Cina, che fungono anche da mediatori internazionali, non sono state invitate ai colloqui.

– È degno di nota il fatto che né la Russia né la Cina siano state invitate a partecipare a questo lavoro, anche se sono parti di questo accordo. Non penso che avremmo accettato l’invito, ma non è stato comunque esteso. Non accettiamo la loro logica, ma gli americani dicono “se non è rotto, non aggiustarlo”. L’accordo con l’Iran non è rotto. Inoltre, è molto efficace. Sono stati fatti dei tentativi per risolvere i problemi, ma prima di risolverlo, stanno cercando di rompere l’accordo. Questo è molto cattivo. Se c’è il desiderio di discutere il programma iraniano sui missili balistici, fallo. Coloro che considerano i piani missilistici dell’Iran di natura destabilizzante devono fornire argomenti affidabili. L’Iran non è l’unico paese con un programma di missili balistici. Ci sono altri paesi con tali programmi nella regione. Credo che queste azioni statunitensi siano apertamente discriminatorie, prevenute e irragionevolmente esigenti. Abbiamo proposto una soluzione alternativa molte volte. L’idea è che dovremmo iniziare a costruire ponti tra i paesi del Golfo e l’Iran.

MINACCIA NUCLEARE

All’inizio di febbraio, gli Stati Uniti hanno emesso una nuova politica nucleare, affermando che la Corea del Nord ha tenuto 6 test nucleari dal 2006, tra cui una più potente prova di bomba all’idrogeno. Gli Stati Uniti sottolineano che rappresenta una minaccia diretta per la sicurezza degli Stati Uniti e dei loro alleati, avvertendo che qualsiasi attacco nucleare della Corea del Nord contro di loro segnerà la fine del regime.

– Quale compromesso tra Stati Uniti e Corea del Nord ridurrebbe la minaccia nucleare?

– Non lo so nemmeno. Ci siamo trasferiti dall’Iran in modo così fluido. L’accordo nucleare iraniano è stato molto chiaro: l’Iran ha rinunciato agli aspetti militari del suo programma nucleare in cambio della revoca dell’ONU e delle sanzioni unilaterali statunitensi e di altre sanzioni occidentali. Oggi gli Stati Uniti chiedono lo stesso dalla Corea del Nord: sospendono il suo programma nucleare militare in cambio di garanzie di sicurezza e revoca delle sanzioni. Ma gli Stati Uniti stanno ora cercando di rivedere o concludere l’accordo con l’Iran, che i leader nordcoreani potrebbero vedere come un segnale decisivo.

Tuttavia, non dobbiamo perdere la speranza. Il problema nucleare nella penisola coreana è molto serio, il problema della potenza nucleare della Corea del Nord è utilizzato per aumentare la presenza militare statunitense sproporzionata nella regione. Gli Stati Uniti guardano non solo alla Corea del Nord, che viene utilizzata per giustificare la crescente presenza militare degli Stati Uniti anche nel Mar Cinese Meridionale, dove le economie della Cina e dell’ASEAN stanno conducendo negoziati sulle dispute territoriali attraverso i canali diplomatici.

L’accumulo della presenza delle forze navali e aeree statunitensi nella regione può oggettivamente, anche se involontariamente, spostare queste dispute territoriali in una dimensione militare. Considero questo un gioco molto pericoloso. Si dovrebbero trovare soluzioni invece di essere ciecamente sicuri della propria correttezza. Ho detto al segretario di Stato Rex Tillerson e prima di lui, il suo predecessore John Kerry, che ha affermato che la doppia sospensione era inaccettabile, che chi è più forte e saggio dovrebbe essere il primo a fare un passo indietro quando il problema arriva a una linea pericolosa. Sta a dire che per i problemi di dispute economiche e territoriali con la  Cina e dell’ASEAN devono essere negoziati  attraverso i canali diplomatici. L’accumulo della presenza delle forze navali e aeree statunitensi nella regione può oggettivamente, anche se involontariamente, spostare queste dispute territoriali in una dimensione militare. Considero questo un gioco molto pericoloso. Si dovrebbero trovare soluzioni invece di essere ciecamente sicuri della propria posizione giusta.

WASHINGTON VS PECHINO

Washington ha a lungo cercato un dialogo con la Cina per migliorare la comprensione reciproca delle politiche relative alle armi nucleari, secondo la politica nucleare statunitense. Washington sottolinea che non vuole considerare la Russia e la Cina come i suoi nemici e che cerca una relazione stabile con loro.

– Le relazioni Cina-USA sono destinate a deteriorarsi, dal momento che entrambi questi paesi si contenderanno lo status di una superpotenza economica e politica nei prossimi anni?

– La concorrenza è sempre lì. È noto per essere il motore del progresso, proprio come l’imprenditorialità privata, come disse una volta il famoso personaggio letterario Ostap Bender. Tuttavia, la competizione deve essere equa e onorevole. Inizia con la crescita ciclica dell’economia globale spingendo un paese verso l’alto. Quindi, dopo un’era storica abbastanza lunga, altri paesi lo raggiungono economicamente. Come, per esempio, è stato il caso degli Stati Uniti dopo due guerre mondiali che non hanno influenzato il suo territorio. Non direi che gli Stati Uniti hanno perso molto della sua posizione o influenza. Tuttavia, sono emersi altri centri di potere, come l’Unione europea, abbiamo interesse a vedere l’UE superare questa confusione, litigi interni e diventare uniti e forti. Questo, ovviamente, include la Cina e l’India e, in una certa misura, la Russia. Però, né noi né la Cina abbiamo mai chiamato nessuno nostro nemico nei nostri documenti dottrinali. Gli Stati Uniti hanno iniziato a farlo.

Tuttavia, probabilmente, ci devono essere alcuni metodi di competizione generalmente accettati. Tuttavia, ovunque guardi … Ad esempio, le sanzioni contro la nostra industria della difesa rappresentano indiscutibilmente la concorrenza ingiusta e spregiudicata, perché, oltre a queste sanzioni, gli Stati Uniti trotterellano in tutto il mondo e chiedono, attraverso i loro ambasciatori, che l’America Latina, Asia e l’Africa si rifiuti di acquistare da noi attrezzature e armi militari, promettendo che gli Stati Uniti compenseranno la mancanza di attrezzature in un particolare paese. Questo è niente di meno che spinge i concorrenti fuori dal mercato usando il ricatto e gli ultimatum. Riesco a vedere un tale approccio in una serie di settori, vale a dire l’uso della coercizione unilaterale,

-Chi sono i nostri amici e nemici globali?

– Non chiamiamo nessuno un nemico. Siamo sinceri in questo. Il nostro concetto di politica estera, approvato dal presidente un paio di anni fa, afferma che siamo desiderosi di cooperare in modo equo ed efficace, procedendo da un equilibrio di interessi, uguaglianza, mutuo vantaggio, con qualsiasi paese che sia pronto ad interagire sulla base dello stesso i principi. Prendi gli Stati Uniti. È interessato a continuare la nostra cooperazione spaziale, compresa la Stazione Spaziale Internazionale, gli acquisti di motori a reazione. Non vogliamo spararci ai piedi o tagliarci la gola per disprezzare chiunque. Continuiamo ad attuare questo progetto di reciproco vantaggio. Penso che più tali attività concrete, maggiori possibilità di normalizzare le relazioni politiche.

– Quindi, non faremo amicizia con la Cina per contrastare gli Stati Uniti, vero?

– No, la Cina non vuole fare amicizia con noi per contrastare gli Stati Uniti. Non facciamo mai amicizia con nessuno per contrastare nessuno. Prendi la NATO dove gli Stati Uniti ogni giorno informano gli stati membri sulla solidarietà, la minaccia russa. Lo dicono tutti i giorni da anni, accompagnandolo con l’aumento delle infrastrutture militari della NATO sul territorio dei membri dell’Est Europa proprio ai nostri confini. Unità statunitensi, canadesi, tedesche, britanniche sono già schierate lì. E anche gli italiani. Una disciplina così pesante è ovvia. Tuttavia, durante i contatti bilaterali molti stati membri della NATO e dell’UE ci dicono che realizzano l’assurdità e la controproducibilità di questa situazione, ma che la solidarietà e il principio del consenso fanno sì che seguano questa linea che non gli piace. È deplorevole. Un grande potere,

– Noi abbiamo paura dei cinesi ?

– Non dovresti aver paura di nessuno. Dobbiamo fare affidamento sui fatti, che dimostrano che ora le relazioni Russia-Cina sono senza precedenti buone. Non abbiamo mai avuto relazioni così buone. I piani per le nostre relazioni future sono assolutamente equi, aperti e reciprocamente vantaggiosi. Alcune persone sono pronte a giocare sull’argomento che abbiamo appena menzionato. Ma queste speculazioni si dimostrano incoerenti. Sviluppiamo solo progetti reciprocamente vantaggiosi che non rappresentano una minaccia per l’integrità territoriale della Federazione Russa. Continueremo questa linea.

DISPUTE TERRITORIALI

A volte due stati sembrano piacersi, hanno interessi comuni, ma un problema che dura da un decennio li sta ostacolando. Riguarda la Russia, il Giappone e le isole Curili, Iturup, Kunashir, Shikotan e gli isolotti di Habomai.

– Quali sono le prospettive per la nostra cooperazione con il Giappone? La disputa territoriale domina ancora l’agenda?

– Per loro, sì. Per noi, no. Certo, vorremmo concludere un trattato di pace, come è stato concordato nel 1956 dalla rispettive Dichiarazioni. Partiamo dall’idea che è possibile risolvere un problema, incluso questo, nelle condizioni più favorevoli possibili che possono essere create approfondendo la cooperazione tra i paesi in tutte le sfere, compreso il commercio e l’economia, la politica e le relazioni internazionali. Dobbiamo creare una tale atmosfera nelle nostre società che ci aiuterà a trovare una soluzione reciprocamente accettabile. Il Presidente e il PM hanno concordato le attività commerciali congiunte sulle 4 isole. Sono stati approvati 5 progetti concreti, ma sono piuttosto modesti, in acquacoltura e turismo. Questi progetti sono importanti, interessanti, creano posti di lavoro, ma finora sono piuttosto modesti.

Anche le relazioni tra Giappone e Stati Uniti sono importanti. Hanno un trattato che consente agli Stati Uniti di schierare le proprie basi in qualsiasi parte del territorio giapponese. Vorremmo capire in che modo questo influisce sulla sicurezza nella regione nel suo complesso. Senza comprendere questi aspetti, è difficile discutere di punti concreti di un trattato di pace. Forse, ciò che è essenziale per noi è l’inviolabilità dei risultati della seconda guerra mondiale. Le nostre controparti giapponesi non riconoscono che i risultati della Seconda Guerra Mondiale sono inviolabili per quanto riguarda queste 4 isole.

– Ci sono stati progressi su questo problema? Sembra che Shinzō Abe arrivi a Vladivostok solo una volta all’anno, a settembre, per dire che sono pronti ad affrontare il problema in qualche modo. E questo è tutto.

– Beh, è ​​arrivato a Mosca e penso che lo visiterà in futuro. Non riesci a trovare una soluzione a questo problema da seduto. Ma le attività commerciali congiunte sono già un passo verso la cooperazione nelle isole. Sottolineiamo che i benefici marginali esistenti nella Federazione Russa come i territori di sviluppo avanzato, il Porto Libero di Vladivostok, sembrano piuttosto allettanti. Non direi che non ci sono progressi. Abbiamo migliorato molto le nostre relazioni in primo luogo, il dialogo al più alto livello politico, che è davvero basato sulla fiducia, sincera, amichevole, leale.

– Abbiamo già coperto la Siria. La stabilità in Siria durerà o siamo pronti a riprendere l’operazione militare, se necessario?

– Se l’ISIS sorge nuovamente sul territorio siriano, il nostro personale schierato nella base di Khmeimim aiuterà l’esercito siriano a sopprimere tali epidemie.

– A dicembre 2016 eri a un ricevimento tenuto in questo edificio quando hai saputo che l’ambasciatore Karlov era ferito. Ad un certo punto, la diplomazia non è più una festa, ma una professione pericolosa. Possono andare insieme le due cose?

– Abbiamo solo pensato che i tempi fossero cambiati, e cosa era successo a un altro ambasciatore, Griboedov, non si poteva più ripetere. Ma è risultato il contrario. E la professione di un diplomatico è molto rischiosa. È più probabile nei paesi in cui i conflitti sono in corso. È stato il caso dell’ambasciatore americano in Libia, morto nel consolato generale degli Stati Uniti a Bengasi. Per quanto riguarda la Turchia, è stato un colpo assolutamente inaspettato perché all’epoca non c’erano stati disordini nel paese e il nostro collega, il nostro amico, il nostro amico Andrei Karlov, come sapete, si stava rivolgendo ad una comunità amichevole. Sono molto grato a coloro che lo commemorano.

Per tutta la sua vita Lavrov ha lavorato nel ministero degli Esteri, diventando ministro degli esteri nel 2004.

– Quanti anni da diplomatico ci vuole per diventare uno psicologo?

– Non credo che un diplomatico sia destinato a diventare uno psicologo. Certamente, le capacità psicologiche sono utili per un diplomatico poiché la diplomazia consiste nel raggiungere accordi. Se non vedi solo la copertina del tuo interlocutore, ma anche la sua anima che tu capisci e la sua mente puoi leggere, o ti sembra che tu possa leggerle, è sempre molto più interessante. Dovresti prendere in considerazione i tratti personali del tuo interlocutore, i suoi gusti, i suoi hobby, i campi di  interesse. Aiuta.

– Qual è la differenza tra i negoziati con un diplomatico maschio e una diplomatica femminile? Il tuo atteggiamento verso una donna è diverso? Hai una ricca esperienza.

– No, non è diverso in quanto sarebbe politicamente scorretto. Rispettiamo ugualmente donne e uomini. Sono la parte dell’umanità, è la parte migliore.

– Si dice che tu abbia fatto piangere Nuland. Non ce l’avevi con lei?

– No, non è mai successo. È una bugia.

– Scherzi spesso. E nessuno si offende. Le tue battute diventano virali. Lo fai apposta?

– No, non scherzo, ma se uno scherzo è utile in una conversazione, non penso che sia sbagliato farlo.

John Kerry: “Quindi, penso che la discussione di oggi avrà successo e congratulazioni per il tuo compleanno Spero che questo giorno ti dia una saggezza in più mentre teniamo queste trattative.

Sergey Lavrov: “John, grazie, ma se la saggezza è misurata dal numero di compleanni, non ti raggiungerò mai”.

– Quale pensi che sia la ragione di questa Russofobia globale? L’hai mai previsto?

– Per essere brevi, dopo il crollo dell’Unione Sovietica, coloro che stavano governando la nuova Russia fecero tali passi, condussero una simile politica verso l’Occidente, soffiando la tromba della loro prontezza a diventare parte del “mondo civilizzato”, che ha fatto credere all’Occidente che, in primo luogo, il nostro paese non aveva mai fatto parte del “mondo civilizzato” e, in secondo luogo, che “il mondo civilizzato” significava che l’Occidente e la Russia volevano unirsi a essa con ogni fibra della sua anima. Questa illusione ha guadagnato terreno nei turbolenti anni ’90 quando i consulenti occidentali, americani, europei hanno lavorato qui, nei ministeri chiave, quando hanno personalizzato la privatizzazione e così via.

E quando negli anni 2000 la Russia iniziò a fare affidamento soprattutto sulle sue tradizioni, sul suo posto nella storia, iniziò a capire che il nostro popolo sentiva questa storia dentro di sé, ne era fiero, disposto a vivere e costruire il paese basandosi sulla sua storia, è stato scioccante per coloro che sono stati tramandati da illusioni sull’illegalità verso la Russia.

E immagino che ancora non riescano a capacitarsi dopo lo shock. Quando si resero conto che i loro tentativi di tenerci al guinzaglio fallirono, iniziarono tutti gli attacchi e le interferenze attuali. Tutto è iniziato con il Magnitsky Act, quando nessuno voleva capire cosa fosse realmente accaduto e una reazione assolutamente inadeguata a quello che è successo con Edward Snowden quando Obama ha cancellato la sua visita a Mosca. Altre sanzioni seguirono.

Poi l’Ucraina è stato un altro pretesto per fare ancora più pressione su di noi. E ora è l’interferenza nelle elezioni. Durante l’indagine annuale non è stato trovato un singolo fatto o prova di ingerenza. È impossibile. Se ci fossero dei fatti, sarebbero trapelati molto tempo fa. So come funziona questo sistema negli Stati Uniti. Si perde immediatamente quando una tale quantità di persone è coinvolta nelle audizioni, nelle indagini e così via.

 

Source link: Russia Insider

Traduzione Vietato Parlare