Il mito sunnita di Washington e le guerre civili in Siria ed in Iraq

Bell’articolo di War on the Rocks, che nonostante la lunghezza, merita di essere letto fino in fondo. Articolo vecchio ma ancora attuale che sfata la contrapposizione sciiti/sunniti come motore della guerra siriana irachena.

IL MITO SUNNITA DI WASHINGTON E LE GUERRE CIVILI IN SIRIA E IN IRAQ 

L’autore ha chiesto il permesso di scrivere sotto uno pseudonimo e, dopo un’attenta considerazione, ho deciso di consentirlo a causa di ciò che erano, a mio avviso, rischi credibili e sostanziali per l’occupazione e la sicurezza professionale dell’autore.

fonte: War o n the rocks  di Cyrus Malyc –  23 agosto 2016

Nel primo dei due articoli, un occidentale con vasta esperienza sul campo in Siria e Iraq spiega come la comprensione dell’Occidente dell’identità confessionale in Medio Oriente sia fatalmente viziata. Rivela nuove informazioni su queste guerre civili e sui loro partecipanti.

In Iraq, i principali leader sciiti delle Forze di mobilitazione popolare (PMF) si sono recentemente riuniti per un incontro. Tra questi c’era un comandante sunnita del PMF, che in seguito mi raccontò questa storia. Quando gli uomini hanno interrotto le attività la preghiera, un leader sciita ha notato che non erano stati raggiunti dal loro compagno sunnita, che era rimasto seduto da solo. Il leader sciita allora gli ha chiesto, “Perché non ti unisci a noi?”

Ha risposto: “Non prego”.

“Cosa intendi, non preghi?” Chiese la sua controparte sciita.

“Se pregassi”, rispose il leader sunnita, “sarei con lo Stato islamico che ti sta combattendo”.

Se leggete i media occidentali, tra cui War on the Rocks, potreste pensare che la maggior parte dei problemi in Medio Oriente possano essere ricondotti alla privazione del diritto di voto sunnita, specialmente in Siria e in Iraq. Il più ampio dibattito occidentale sulle guerre civili in corso in Medio Oriente è afflitto da una falsa comprensione delle identità settarie. Le élite di Washington immaginano un più ampio senso di identità sunnita che non esiste al di fuori dei confini dell’Arabia Saudita e dei territori detenuti da gruppi jihadisti. Questo ha l’effetto maligno di incoraggiare le politiche che aggiungono carburante agli incendi che consumano la Siria e parti dell’Iraq. Accanto a questo racconto esiste un altro che ritrae le Forze di Mobilitazione Popolare irachene come milizie assetate di sangue milizie impegnate in continui abusi contro gli arabi sunniti iracheni – ma questo semplicemente è falso.

Allo stesso modo, queste stesse voci descrivono il governo siriano come un “regime alawita” che governa e opprime i sunniti. Tuttavia, i sunniti sono fortemente rappresentati a tutti i livelli di leadership nel governo di Assad. Il territorio che controlla a tutti i livelli la guerra e in tutti i punti passati è la maggioranza sunnita. E le forze armate siriane sono ancora a maggioranza sunnite. Gli alawiti possono essere sovra rappresentati nelle forze di sicurezza, ma tutto ciò significa che arrivano a morire più degli altri. Se è un “regime alawita”, non è strano che includa e benefici così tanti non-alawiti?

I sunniti non hanno solo potere politico in Siria, ma hanno anche potere sociale, maggiori opportunità e una gamma più ampia di scelte nella vita rispetto ad altri stati della regione governati da capi di stato sunniti. Al centro di questo negligente malinteso su ciò che sta realmente accadendo in Medio Oriente c’è un’accettazione e un mainstream sulle nozioni di identità sunnita propagate dalle voci più estreme nel mondo sunnita: Arabia Saudita, al Qaeda e lo Stato islamico in Iraq e il Levante (ISIL).

Alcuni analisti americani hanno accettato le stridule richieste di coloro che pretendono di rappresentare il mondo arabo sunnita, come ad esempio il ministro degli Esteri saudita Adel Jubeir. Hanno accettato la narrativa di vittimizzazione settaria articolata dai ribelli siriani e dai loro portavoce – come se queste voci rappresentassero la maggioranza del popolo siriano o anche la maggior parte dei sunniti siriani. Hanno accettato appelli per il sostegno dei più angosciosi oppositori sunniti iracheni, come se arrendersi alle loro richieste li spingesse a combattere l’ISIS o ad andare verso la riconciliazione in Iraq. Biasimo, quelli – siano essi baathisti o islamisti –  che non accettano il nuovo ordine e cercano invece di rovesciarlo. Bsando il mio giudizio sui miei anni di vita e lavoro in Medio Oriente, queste voci non rappresentano quelle che dicono di sostenere nel parlare. L’appello dei sauditi agli altri arabi è fatto solo con la forza del denaro che hanno da offrire. I portavoce dei ribelli siriani rappresentano solo una parte dei sunniti siriani. I capi auto-nominati iracheni sunniti non controllano né uomini né territorio. Gli Stati Uniti stanno ascoltando i sunniti sbagliati. Quando il presidente Obama o il generale David Petraeus o altri ripetono i miti della privazione del diritto di voto, queste voci si propagano, si rafforzano e legittimano una pericolosa trama settaria che dovrebbe invece essere contrastata.

L’ideologia alternativa all’autoproclamato Stato Islamico, sia in Medio Oriente, nelle baraccopoli europee, sia nell’ex Unione Sovietica, non è quella di promuovere un’identità sunnita – ciò che l’amministrazione Bush perseguì con il suo mantra di “moderati alleati sunniti”. Invece, una contro-ideologia dovrebbe promuovere la cittadinanza e gli stati secolari. Questo è il modello che l’Occidente ha contribuito a distruggere in Egitto dopo la morte di Gamal Abdel Nasser e il modello che sta attualmente distruggendo in Siria. In due articoli, descriverò perché la visione dell’Occidente del settarismo rende la regione terribilmente sbagliata, portando a politiche che perpetuano piuttosto che risolvere le guerre civili interconnesse che affliggono il Medio Oriente. In questa prima parte, utilizzo i fatti sul campo raccolti durante i miei anni di lavoro nella regione per spiegare come la visione di Washington della Siria e dell’Iraq non sia compatibile con ciò che sta realmente accadendo in quel luogo. Nella seconda parte, offrirò un contraltare alla narrativa occidentale del settarismo nella regione e proporrò un drammatico ripensamento di come l’Occidente e gli Stati Uniti in particolare dovrebbero avvicinarsi al Medio Oriente. Quello che ho da dire sicuramente ti colpirà come controverso. Alcuni di voi mi licenzieranno, soprattutto perché scrivo sotto uno pseudonimo. Vi chiedo solo di affrontare i fatti e le analisi che esporrò con una mente aperta e di valutare criticamente se l’approccio della politica occidentale dominante al Medio Oriente sia veramente al servizio degli interessi americani. Io, per esempio, non penso che lo faccia. E ha portato alla discesa dell’inferno nella regione.

Lettura errata del settarismo in Siria 

C’è una cacofonia di voci che si lamentano costantemente sul fatto che il governo degli Stati Uniti non supporti in modo sufficiente i ribelli sunniti in Siria. A questo punto del conflitto, queste voci si basano sul fatto che questi “moderati” arabi sunniti cooperano con al Qaeda, ma continuano a dire che meritano ancora il sostegno di Washington. A volte, sembra che sostengano che aiutiamo Al Qaeda a vincere in Siria in modo che i suoi uomini non fuggano più a ovest verso di noi. L’anno scorso il generale David Petraeus ha proposto di armare al Qaeda in Siria contro l’ISIS. sU War on the Rocks, Faysal Itani lamenta l’idea che la Russia e gli Stati Uniti possanoi cooperare per degradare Jabhat al Nusra, un gruppo jihadista salafita dichiarato che fino a poco tempo fa operava come affiliato di al Qaeda.

Questi sostenitori troppo spesso ignorano che i ribelli sunniti hanno ricevuto ampia assistenza e che l’élite politica e militare della Siria è maggioranza sunnita. Sì, sto parlando del regime di Assad. Coloro che lamentano la scarsa assistenza fornita dagli Stati Uniti ai ribelli siriani trascurano il fatto che questa è una delle insurrezioni maggiormente sostenute nella storia. Inoltre, non tengono conto del successo degli insorti siriani nello sconfiggere le forze di Assad nella maggior parte del paese. La maggior parte del paese è caduta nel caos o nelle mani dei jihadisti che hanno collaborato con gruppi sostenuti dagli Stati Uniti. Di fatto, gli aiuti esterni ai ribelli siriani hanno avuto un tale successo che ha costretto l’esercito russo a intervenire direttamente per impedire il totale collasso della Siria. All’inizio di questo mese i salafiti-jihadisti guidati da un religioso saudita hanno usato attentatori suicidi e combattenti stranieri per irrompere in quasi la metà della città di Aleppo detenuta dal governo. Eppure sono stati lodati come eroici ribelli dai media occidentali e applauditi dalla leadership dell’opposizione siriana sostenuta dall’Occidente. Se ci riusciranno, più di un milione e mezzo di residenti nell’area di Aleppo detenuta dal governo correrà un grande rischio.

Queste stesse voci occidentali che criticano la Casa Bianca per non sostenere i ribelli siriani in modo più robusto sono anche spesso pronti a sostenere che un maggiore sostegno ai ribelli “moderati” avrebbe prevenuto l’ascesa dei jihadisti e fatto crollare il governo siriano.

Queste voci erano e rimangono errate perché sottovalutano la misura in cui il settarismo e il salafismo erano già importanti tendenze nella classe rurale sunnita della Siria e nei suoi centri urbani più poveri. Questi segmenti della società hanno sempre costituito il nucleo dell’insurrezione. Il loro movimento era dominato da islamisti settari sunniti che potevano finalmente esprimersi liberamente dopo aver espulso lo stato dalle loro zone. Il risultato logico di questo movimento è l’estremismo. Non puoi incolpare tutto ciò o anche la maggior parte di questo giutificandolo che è accaduto a causa dei metodi duri del regime siriano. I sostenitori di un maggiore supporto ai cosiddetti moderati dimenticano presto  ciò che accade quando gli stati collassano e le milizie emergono. Le persone abbracciano più identità primordiali e le milizie estremiste dominano.

Inoltre, i critici occidentali del mancato sostegno di Washington, per l’opposizione armata siriana hanno sempre sottovalutato a pieno titolo, l’impegno degli alleati siriani. E dimenticano che in Siria si stava svolgendo una guerra in un contesto regionale in cui sono proprio i punti cardine settari che dovevano essere risolti. I sauditi e i Qatarioti speravano di rovesciare il governo siriano e trasformarlo in un regime “sunnita”, e videro i siriani come strumenti per raggiungere questi obiettivi. L’Iran era e rimane impegnato a impedire che ciò accada. In questo contesto, gli stati del Golfo erano cruciali nel promuovere l’insurrezione, ma questo ha lasciato la ribellione dipendente da attori esterni.

Tutto questo sostegno esterno ai ribelli siriani ha reso questi gruppi meno coinvolti nella loro stessa società. Una insurrezione efficace è organicamente connessa con la propria comunità e da grande importanza al suo  benessere. Questo è spesso motivato anche dal fatto che gli insorti stessi hanno bisogno delle comunità che possono fornire risorse, riparo e altre forme di sostegno. Solo se un gruppo è finanziato al di fuori del paese, può operare indipendentemente da queste preoccupazioni e imporre un regno di terrore a una comunità o ignorare il fatto che le sue azioni portino alla distruzione della comunità.

Dal mio punto di vista che è quello di qualcuno che vive e lavora nella regione, gli analisti americani sembrano ancora più settari della maggior parte delle persone in Medio Oriente nel promuovere e legittimare la divisione tra sunniti e sciiti. I movimenti settari e questo settarismo pro-sunnita americano sono visti dagli arabi modernisti e progressisti sia nei campi sunniti che in quelli sciiti come ripugnanti e pericolosi. Per coloro che vogliono una forza sunnita, hanno l’ISIS, come la milizia sunnita per eccellenza. Ma la stragrande maggioranza delle vittime dell’ISIs sono state sunnite.

Si sostiene comunemente che solo una forza araba sunnita può sconfiggere lo Stato islamico. Allo stesso modo si sostiene che l’ISIS non può essere sconfitto finché Assad sarà presidente perché egli rappresenta una calamita per i jihadisti, e perché gli Stati Uniti hanno bisogno di alleati sunniti, e perché i sunniti sentono di aver perso tutto dal 2003 e rimangono oppressi. Queste sono idee imperfette che si basano su false ipotesi sull’identità nella regione e rappresentano un grave pericolo per la Siria, l’Iraq e il Medio Oriente nel suo complesso.

Questo errato pensiero americano sul settarismo in Medio Oriente è stato recentemente rappresentato dall’ex ambasciatore Robert Ford nel New Yorker. Egli riferendosi al cosiddetto “messaggio di dissenso” scritto da funzionari del Dipartimento di Stato di Falco, Ford ha dichiarato:

Il messaggio di dissenso chiarisce che l’attenzione sullo Stato islamico non conquisterà i cuori e le menti di un numero sufficiente di arabi sunniti siriani per fornire una soluzione sostenibile a lungo termine alla sfida dello Stato islamico in Siria. La comunità araba sunnita siriana vede il governo di Assad come un problema più grande dello stato islamico.

In Siria esiste una forza militare a maggioranza sunnita. Rappresenta l’unica istituzione nazionale che rimane in uno stato che non fa quasi tutte le distinzioni settarie che i suoi avversari invece sostengono. Sì, sto parlando delle forze armate siriane. La maggior parte degli impiegati statali, dei funzionari governativi e dei soldati siriani sono sunniti, anche oggi. La maggior parte della classe capitalista urbana ancora potente è sunnita. Come qualcuno che ha interagito con persone da ogni parte della guerra civile per tutta la sua durata, ho appreso che anche alcuni dei principali capi della sicurezza di Assad sono sunniti, come Ali Mamluk, il capo della sicurezza nazionale che supervisiona le agenzie di sicurezza. Il colonnello Khaled Muhamad, un sunnita di Daraa, è incaricato di proteggere Damasco per mezzo del temuto Dipartimento 40 della sicurezza interna. Deeb Zeitun, capo della sicurezza dello stato, e Muhamad Rahmun, capo della sicurezza politica, sono entrambi sunniti, come lo sono il capo dell’intelligence straniera, il ministro della difesa, alti ufficiali dell’intelligence aerea, il ministro dell’interno, la testa del partito Baath al potere, la maggioranza dei leader del partito Baath e il presidente del parlamento. Il comandante delle Forze di difesa nazionali (NDF) a Daraa è un uomo sunnita di origine palestinese. Anche i comandanti del NDF a Quneitra, Raqqa e Aleppo sono sunniti. Uno dei principali combattenti anti-ISIL del regime che riceve sostegno da tutti i rami della sicurezza del regime è Muhana al Fayad. Guida la grande tribù di Busaraya tra le aree di Deir Ezzor e Hassake ed è anche membro del parlamento. Persino alcuni piloti che sganciano bombe barile sulle zone detenute dagli insorti sono sunniti. Molti capi dei rami dell’intelligence militare sono ancheessi sunniti.

I sunniti nel governo siriano includono molti provenienti dalle aree detenute dall’ISIL, come Deir Ezzor e Raqqa, o aree tenute da insorti, come Hama orientale, Daraa e la campagna di Aleppo. Questa è la chiave per comprendere la sopravvivenza del regime. Il capo della sicurezza nella provincia nord-orientale di Hassake, che confina con le aree detenute dall’ISIL, è a sua volta un sunnita della città di Muhassan a Derezzor. La sua città è detenuta dall’ISIL, e ha parenti che hanno disertato dalle forze di sicurezza siriane per unirsi a vari gruppi di insorti. Muhamad Rahmun, il già citato capo della sicurezza politica, è di Khan Sheikhun in Idlib, e ha parenti in gruppi come Jabhat al Nusra. Di conseguenza, il regime non ha mai interrotto i collegamenti con le aree detenute da insorti e ISIL e paga ancora i dipendenti pubblici in alcuni di questi luoghi. Ciò lascia una porta aperta affinché le persone possano tornare nello stato. Il regime continua a lottare con le unghie e con i denti per mantenere il controllo su Aleppo Deir Ezzor, due città a maggioranza sunnita, e lotta per fornire servizi statali a queste comunità. Infine, i leader delle delegazioni che rappresentano il governo siriano che sono andati a Ginevra per negoziare il processo politico sono stati tutti sunniti, come quasi tutti i membri del loro staff.

Quando Robert Ford afferma che gli arabi sunniti in Siria sono più preoccupati per Assad che per lo Stato islamico, si sta pericolosamente sbagliando. La maggior parte della “comunità araba sunnita siriana” di cui parla Ford rimane nelle aree governative e non si è sollevata. Damasco è una stragrande maggioranza, città araba sunnitaSe considerassero il governo di Assad un problema più grande dello Stato islamico, allora Damasco sarebbe caduto vittima di insorti o almeno avrebbe sopportato le stesse costanti autobombe che hanno devastato Baghdad. Baghdad ha proporzionalmente molto meno sunniti di Damasco, ma i jihadisti sono ancora in grado di trovare rifugi sicuri e lanciare più attacchi dei ribelli siriani a Damasco.
Ma Damasco, ovviamente, non è stato immune da questi attacchi. Le due città siriane più colpite dai razzi e dai mortai insorti sono Damasco e Aleppo, entrambe città in prevalenza sunnite. La maggior parte delle centinaia di civili morti a causa degli attacchi indiscriminati degli insorti  sulle zone governative sono stati sunniti, ed è per questo che i sunniti del governo di stanza ad ovest di Aleppo hanno esultato quando le forze governative hanno recentemente ottenuto guadagni contro Aleppo orientale tenuto dagli insorti. Persino le milizie filo-governative di Aleppo sono sunnite, come Liwa Quds e le milizie basate sul clan che sono rimaste fedeli allo stato. Ovviamente la stragrande maggioranza delle vittime del governo è stata anche sunnita, e questo ha portato alcuni all’estremismo. Questa guerra, tuttavia, è molto sunniti contro sunniti in molti luoghi.

Non tutti i sunniti di Damasco amano Assad, naturalmente, (sebbene faccia più di quanto ci si aspetterebbe), ma quando parlo con loro, è chiaro che si oppongono all’opposizione e danno priorità alla stabilità. La visione alternativa identifica gli arabi sunniti con i radicali e propone che gli Stati Uniti radicalizzino la loro politica tanto quanto basta per conquistarli.

Questa ossessione nel sostenere “gli arabi sunniti” ha portato gli Stati Uniti a sostenere le milizie indisciplinate e corrotte che sono sunnite e arabe, ma non sono al-Nusra, al Qaeda o ISIL. I ribelli siriani tradizionali (il Free Syrian Army, o FSA) non si trovano nelle aree giuste per lanciare assalti all’ISIL e non possiedono i giusti incentivi per farlo. Negli ultimi anni, i gruppi FSA sono diventati sempre più ‘parrocchiali’. Combattono per problemi locali, difendono i loro villaggi e quartieri, raggiungono i loro obiettivi con chiunque possafarlo e non hanno una motivazione per andare oltre. I numerosi accordi che il regime ha raggiunto con le città tenute dai ribelli intorno a Damasco, nel sud della Siria, e altrove testimoniano l’esaurimento di questi gruppi e il loro desiderio di trovare un accordo a livello locale. L’ FSA non ha la mobilità necessaria per impegnarsi nelle battaglie remote che la guerra contro ISIL richiede. Quando la cosiddetta opposizione moderata combatte i jihadisti, viene sconfitta o si scioglie.

Ci sono anche insorti islamisti come Ahrar al-Sham, Faylaq al-Sham o Nuredin al-Zenki (ora famoso per il suo ultimo video sulla decapitazione del bambino). Combattono l’ISIL solo quando li attacca, e anche allora, molti dei loro uomini sono riluttanti a combattere contro altri musulmani sunniti. È ironico che il PMF, che contiene molte migliaia di sunniti e fa parte dello stato iracheno, è chiamato milizia sciita mentre i ribelli siriani che sono interamente sunniti e che combattono esplicitamente per i sunniti, sono descritti come ‘ribelli’. I ribelli islamici hanno obiettivi ideologici e politici incoerenti con gli interessi statunitensi (o con quelli della maggior parte dei siriani, per quella materia) e in realtà non hanno alcuna somiglianza con quelli dell’ISIL. Ahrar al Sham non è in grado di combattere senza Jabhat al-Nusra al suo fianco o senza ottenere l’approvazione da Jabhat al Nusra. E mentre Jabhat al-Nusra si è recentemente dissociato da al-Qaeda, questa mossa è stata benedetta da al Qaeda – non è esattamente una buona raccomandazione. Al-Qaeda ha capito che un al-Nusra indipendente, o almeno che sembra indipendente, è migliore per il suo jihad e permetterebbe che il suo assalto ad Aleppo sia descritto dai giornalisti occidentali come praticato dai “ribelli”. Tra le migliaia di gruppi ribelli che dilagano in Siria, alcuni non hanno ideologia e sono guerriglieri accidentali – ma questa ideologia jihadista salafita dominante è stata importata dall’estero. Rifiuta la libertà, il progresso e la modernità. Il linguaggio di questi gruppi quando parlano con l’Occidente è seducente – o almeno lo è la lingua dei loro apologeti “attivisti” – ma il loro discorso in arabo è indistinguibile da al Qaeda o ISIL. Differiscono solo su chi dovrebbe avere potere e se sia legittimato a stabilire oggi un califfato. Chiunque abbia cognizione della lingua araba di base può sentire le loro voci chiamare all’unisono per lo sterminio delle sette rivali come obiettivo principale della loro guerra. Non stanno combattendo per la democrazia, la libertà o i diritti umani.

In Siria, i sunniti moderati stanno combattendo al Qaeda e ISIL. Uno di questi è Khaled Abaza, un comandante sunnita di un’unità paramilitare nel sud che ha combattuto contro Jabhat al Nusra e altri gruppi estremisti per diversi anni. Ho personalmente osservato ex ribelli che ora combattono spietatamente con le forze governative e contro Jabhat al Nusra e ISIL, come i combattenti di Aqnaf beit al Maqdis (un gruppo che aveva sede nel campo di Yarmuk).

per chi vuole la seconda parte è dedicata principalmente alle milizie irachene sciite irachene, il loro ruolo ed il loro impego contro l’ISIS:
Milizie irachene ed il mito delle milizie sanguinarie assetate di sangue

 

JOIN THE DISCUSSION

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.