Il mercato petrolifero segreto iraniano

source: Voltairenet

Il presidente iraniano, sceicco Hassan Rohani, ha assicurato che il Paese «aggirerà fieramente» le sanzioni degli Stati Uniti contro i settori bancario e petrolifero dell’Iran, in vigore dal 5 novembre 2018.

Secondo stime statunitensi, l’Iran rappresenta il 2% del mercato petrolifero mondiale. Il ritorno alla politica sanzionatoria contro l’Iran dovrebbe far diminuire la produzione di 1,4-1,7 milioni di barili al giorno. Il semplice annuncio delle sanzioni ha fatto calare la produzione giornaliera di 800.000 barili. Washington è stato però costretto a ridimensionare il proprio piano e a concedere un’esenzione di sei mesi a Cina, India, Grecia, Italia, Giappone, Corea del Sud, Taiwan e Turchia, in modo che il prezzo del petrolio rimanga stabile, intorno a circa 70 dollari il barile.

Da parte sua, l’Iran ha già cominciato a utilizzare l’oleodotto della compagnia nazionale turca, BOTAŞ Petroleum Pipeline Corporation, che collega il giacimento petrolifero di Kirkuk, in Iraq, al porto turco di Ceyhan. È lo stesso oleodotto messo a disposizione di Daesh dal presidente Recep Tayyip Erdoğan nel 2015.

Inoltre, da metà settembre le navi-cisterna iraniane hanno disattivato, l’una dopo l’altra, la localizzazione satellitare per rendere particolarmente difficile agli Stati Uniti seguirle [1]. Escludere la geo-localizzazione rende però difficoltoso assicurare le navi. Sei grosse navi-cisterna stazionano in mare, pronte a trasferire il petrolio a battelli di passaggio.

 

[1] “Iranian Oil Tankers Go Dark With 1 1/2 Months to Go to ‎Sanctions”, Julian Lee, Bloomberg, 25 settembre 2018.

JOIN THE DISCUSSION

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.