Il direttore del Centro spaziale russo insiste che la collaborazione con gli Stati Uniti deve avvenire in “condizioni paritarie”

Il capo della società di ricerca spaziale russa ha parlato dei suoi ultimi progetti pianificati e ha osservato che la cooperazione con gli Stati Uniti potrebbe continuare a condizione che la parte americana consideri la Russia un partner alla pari.

“Per quanto riguarda la partecipazione al progetto Deep Space Gateway, se si tratta di un progetto puramente americano con altri partecipanti che svolgono funzioni di aiuto minori, non ci interessa: siamo pronti solo alla cooperazione a parità di condizioni”, ha detto Dmitry Rogozin in un’intervista importante con il fatto quotidiano.

“Disponiamo del razzo pesante di Angara e presto avremo la navetta della Federazione – i test per il progetto super pesante inizieranno nel 2028. La Russia, come gli Stati Uniti, ha il proprio sistema di trasporto per lavorare nello spazio lontano. non è nato ieri, lo sai “disse Rogozin.

“A differenza della NASA, abbiamo già il veicolo spaziale con equipaggio Soyuz MS con un’incredibile serie di lanci, nel periodo sovietico i progettisti prevedevano la necessità di una profonda modernizzazione per questo veicolo, incluso il suo uso nel programma Luna.”

Collegamento sorgente