IDLIB: “Una stretta fuga dalla morte”

estratti da “There were about 1,300 Christians in Idlib, but now only two remain.” di Christian Solidarity International scritto il 3 luglio 2015

Idlib, città con popolazione originaria di 165.000 abitanti è stata catturata dall’alleanza ribelle Jaish al-Fath nel marzo 2015. L’alleanza è un’associazione di convenienza dei gruppi islamici, alcuni dei quali sono ex nemici. Ad esempio, sia il Fronte al-Nusra (una propaggine di Al-Qaeda) che elementi dell’Esercito Siriano Libero fanno parte dell’alleanza. Gli Stati Uniti addestrano e armano apparentemente gli “islamisti moderati” dell’Esercito siriano libero , mentre il Consiglio di sicurezza dell’ONU ha classificato il Fronte al-Nusra come un’organizzazione terroristica.

Il Dr. John Eibner, CEO di Christian Solidarity International (CSI) -USA e direttore dei progetti per il Medio Oriente, ha dichiarato che “l’obiettivo strategico di Turchia, Arabia Saudita e Qatar sembra essere uno stato sunnita (” Sunnistan “) che si estende da Mosul alle coste del Mediterraneo. “Eibner si è recato in Siria a maggio 2015 e ha parlato con gli sfollati di Idlib.

Un rifugiato cristiano [di spalle nella foto insieme alla moglie], Khalil (nome cambiato), ha raccontato la sua storia.

 “C’erano circa 1300 cristiani a Idlib, ma ora ne rimangono solo due: una vecchia e un vecchio. Abbiamo avuto una bella vita prima dell’inizio della guerra. Sebbene fossimo una piccola minoranza, eravamo, nel complesso, molto rispettati. Gestivo un’azienda e molti cristiani erano ben posizionati professionalmente.

“La crisi è iniziata nella primavera del 2011 con manifestazioni dopo le preghiere del venerdì. Inizialmente, i manifestanti hanno scandito slogan come “musulmani e cristiani insieme contro il regime”. Ma molto presto hanno iniziato a molestare i cristiani, specialmente le donne. “

La moglie di Khalil si interpone:

“Sono un insegnante. Ordinarono che non dovevo più andare a scuola con i jeans, ma indossare un Hijab. Non volevo, così sono andato in un’altra scuola. “

Khalil continua:

“Un ricco gioielliere fu il primo cristiano ad essere ucciso da uomini armati. È successo il 14 febbraio 2012. Hanno anche attaccato poliziotti e altri impiegati statali. L’esercito è intervenuto per ristabilire l’ordine nel marzo 2012. Tuttavia, di tanto in tanto si combatteva ancora. Molti residenti hanno lasciato Idlib.

Quando i ribelli catturarono Idlib nel marzo 2015 rimasero solo circa 400 cristiani. I ribelli passarono di casa in casa con mazze e mitragliatrici che rompevano buchi nei muri per collegare gli appartamenti. Lo hanno fatto in modo da poter passare inosservati da un appartamento all’altro.

Hanno ucciso due dei miei parenti che si guadagnavano da vivere vendendo bevande alcoliche, e poi ci hanno impedito di seppellirli.

“Volevo fuggire con la mia famiglia e altri cristiani. Ma al checkpoint hanno scoperto che eravamo cristiani. Ci hanno arrestati e scortati all’Emiro. Portava una grande spada. Pensavo che saremmo stati uccisi. Ci ha detto, “Tu sei Infedele”. Ha insultato la nostra religione e ci ha ordinato di convertirci all’Islam.

Grazie all’intercessione di uno dei suoi subordinati, che ha riconosciuto il suo ex insegnante tra noi, siamo stati rilasciati e riportati a Idlib. Con l’aiuto di alcuni musulmani siamo riusciti a fuggire il giorno successivo.

“Questo non è il mio Islam”

Il rifugiato musulmano Fatima (nome cambiato), originario di Aleppo, ha vissuto a Idlib dal 2000 dove ha lavorato come infermiera. Suo marito è morto e suo figlio è annegato cercando di fuggire in Grecia.

Lei ha due figlie. Fatima racconta:

“Noi non apparteniamo a un lato in questo conflitto. Semplicemente apparteniamo alla Siria. Prima della guerra le cose andavano molto bene a Idlib. I primi manifestanti provenivano dai villaggi circostanti e venivano pagati per manifestare. All’inizio le manifestazioni erano pacifiche. Poi i ribelli hanno ricevuto armi e hanno iniziato a uccidere persone. Hanno accusato l’esercito siriano, ma l’esercito non era in città in quel momento.

“I ribelli che hanno attaccato Idlib alla fine di marzo 2015 provenivano da tutti i paesi. Ho persino visto dei bambini che portavano armi. I ribelli avevano una lista di nomi di persone che dovevano essere uccise, nella maggior parte dei casi perché avevano opinioni pro del governo. Uno dei miei amici, un insegnante, era sulla lista e fu sparato. Circa il 90% dei residenti è fuggito. Molti di loro hanno lasciato Idlib per la Turchia.

“Ho lasciato Idlib con mio cugino che aveva una macchina. In seguito, la mia casa fu occupata e saccheggiata dai ribelli. Avevo programmato di vendere la mia casa per permettere a mia figlia di studiare medicina. Adesso è troppo tardi. Mi preoccupo anche dei nostri vecchi vicini cristiani. Sono un musulmano ma la religione di questi ribelli non è il mio Islam. Detesto il salafismo e non voglio vivere sotto questo “.

In un’intervista di al-Jazeera alla fine di maggio 2015, il leader di al-Nusra Abu Mohammed al-Golani ha promesso di fermare gli attacchi terroristici contro l’Occidente, di interrompere le conversioni forzate dei cristiani e di prendere le armi contro lo Stato Islamico Islamico. Dichiari però se gli USA accettano di lavorare a fianco della sua affiliata di al-Qaida nella battaglia contro il regime di Assad. Il tentato ricatto di Al-Golani è in armonia con la politica dei suoi mecenati sunniti in Turchia, Arabia Saudita e Qatar.