I segreti militari del Pentagono saranno trasferiti nel ‘The Cloud’

[ad_1]

Il sistema di cloud storage ‘Joint Enterprise Defense Infrastructure‘ del Dipartimento della Difesa ospiterà presto tutti i più importanti segreti militari della nazione, comprese le informazioni più segrete relative alle armi e alla progettazione dei materiali.
Il blog di Nextgov riporta che la portavoce del Pentagono Heather Babb ha confermato che il cloud JEDI conterrà materiali sensibili da “tutte le autorizzazioni”. Ciò includerebbe informazioni sul Dipartimento dell’Energia ai livelli di liquidazione “Q” e “L”, necessari per visualizzare dati nucleari sensibili.
Si prevede che Amazon Web Services vincerà il contratto per il progetto cloud JEDI, in quanto ospita già alcuni materiali classificati su un cloud da $ 600 milioni creato per la CIA diversi anni fa. Il cloud JEDI, tuttavia, comporterebbe un massiccio aumento sia in termini di dimensioni che di scala e porterebbe probabilmente a un miliardo di dollari l’anno in seguito a un decennio per qualsiasi azienda vince il contratto.
Secondo il rapporto di Nextgov, Amazon, Google, Microsoft, IBM, Oracle e General Dynamics hanno espresso interesse a partecipare al progetto cloud JEDI. Un fattore determinante chiave può essere la disponibilità di personale che detiene un livello di autorizzazione “Q” richiesto per lavorare al progetto.
Il livello di sicurezza è stato stabilito dall’Atomic Energy Act del 1946. Permette di accedere non solo alla tecnologia che sta dietro alle armi nucleari statunitensi, ma anche alle informazioni relative alla loro diffusione e utilizzo.

(Credito fotografico: Tech Sgt. Robert J. Horstman / US Air Force)

[ad_2]

 

Print Friendly, PDF & Email

JOIN THE DISCUSSION