Gli USA vogliono il ‘Sunnistan’ per unificare il bacino petrolifero siro-iracheno

“Gli USA vogliono il ‘Sunnistan’ per unificare il bacino petrolifero siro-iracheno”, è quanto riporta il sito di analisi russo ‘Regnum’. Tuttavia – sebbene l’intenzione statunitense sia reale – il corso attuale degli eventi, difficilmente permetterà il realizzarsi di un simile scenario.

Però è altrettanto vero che gli USA non rinunceranno allo sfruttamento dei campi petroliferi nel nord della Siria, o direttamente o per ‘interposta persona’ o entità.

Ciò spiega la decisione del rafforzamento delle forze USA al nord della Siria, con tutte conseguenze in termini di influenza , facilmente immaginabili.

Vietato Parlare

Gli Stati Uniti creano un nuovo stato in Medio Oriente: il Sunnistan

La redazione in lingua inglese del quotidiano turco Yeni Safak , che è considerato vicino al presidente turco Recep Tayyip Erdogan , ha pubblicato una dichiarazione sensazionale sotto la voce “La Siria per sfruttare petrolio e le risorse di gas” (“Gli Stati Uniti cercano di unire le regioni in Iraq e in Siria per lo sfruttamento delle risorse di petrolio e gas “).

La pubblicazione afferma che gli americani “stanno cercando di cancellare il confine tra Iraq e Siria e unire i territori dall’irachena Kirkuk a Mosul e fino a Raqqa in Siria”. Notiamo a questo proposito che il confine iracheno-siriano ha una lunghezza di 599 chilometri e attraversa Jezira e il deserto siriano. È stato istituito a seguito del trattato Anglo-Iracheno del 1922. Fino al 1958, c’era un confine tra la Repubblica Siriana e il Regno di Iraq, e dal 1961 è stato il confine tra la Repubblica araba siriana e l’Iraq. Dal giugno 2014, la maggior parte del confine era sotto il controllo dell’ISIS (un’organizzazione le cui attività sono proibite in Russia), sebbene la sua parte settentrionale rimanesse sotto il controllo curdo, formando il confine tra Rogava e il Kurdistan iracheno.

Secondo Yeni Şafak – che riferisce sulla base di un’intervista con un membro del consiglio comunale di Raqqa, Ekrem Dede  –  “gli Stati Uniti cercano di creare un corridoio energetico unico tra Iraq e Siria”. Secondo lo Yeni Şafak, “le compagnie americane, francesi e britanniche si stanno preparando a trivellare ed esportare petrolio e gas del valore di centinaia di miliardi di dollari”. Inoltre, negli ultimi sei mesi, il numero di esperti stranieri che stanno preparando uno studio di fattibilità per Hasaka, Raqqa e Deir ez-Zor in Siria è aumentato notevolmente. Allo stesso tempo, è indicato che nella prima fase “sarà utilizzato un oleodotto segreto tra l’Iraq e la Siria, che è stato costruito durante il periodo di Saddam Hussein , e quindi un nuovo oleodotto sarà costruito lì”. Cioè, come sempre, tutto dipende da petrolio e gas.

Inoltre, il quotidiano turco, citando la dichiarazione del segretario alla Difesa statunitense James Mattis, riferisce che il Dipartimento di Stato ha iniziato a incrementare drasticamente il numero di diplomatici americani che lavorano nella regione, dal momento che l’attenzione principale non sarà tanto militare quando di natura diplomatica. Così, afferma il quotidiano svizzero Le Temps , in Medio Oriente “appaiono nuovi scenari e nuove domande senza precedenti legate alla prospettiva di ulteriori sviluppi”. Uno di questa è: come sarà chiamato il territorio da Mosul a Raqqa, e anche oltre, e forse questo significa che dovremmo aspettarci l’emergere di nuovi conflitti?

La risposta  è stata espressa dall’Assistente per gli affari della sicurezza nazionale del Presidente degli Stati Uniti John Bolton . Ha detto che “gli Stati Uniti dovrebbero unire la Siria nord-orientale con l’Iraq nordoccidentale e creare una nuova entità territoriale con il titolo di lavoro Sunnistan”. 

In precedenza il New York Times nell’articolo “Cosa succederà dopo lo” stato islamico?”  scrisse quanto segue: “La realtà attuale di Iraq e Siria, è che lo Stato islamico ha costruito una nuova struttura dall’eredità dell’impero post-ottomano, mobilitando i sunniti che si oppongono al regime del presidente Bashar al-Assad e al governo iracheno, controllato dall’Iran. Inoltre, dopo molti anni di lotta, si forma un Kurdistan praticamente indipendente. Invece di lottare per ricreare lo stato della mappa mondiale così come si trovava dopo la prima guerra mondiale, Washington dovrebbe riconoscere la nuova situazione geopolitica.

La migliore alternativa allo “Stato islamico”  nel nord-est della Siria e nell’Iraq occidentale è un nuovo stato indipendente sunnita. Questo “Sunnistan” ha un potenziale economico per la produzione di petrolio (ovviamente, previo accordo con i curdi). Può essere un bastione contro l’Iran amico di Assad e di Baghdad. I capi dei paesi del Golfo, che avrebbero dovuto già capire quanto sia rischioso per la propria sicurezza finanziare l’estremismo islamico, potrebbero fornire sostanziali fondi. E la Turchia – non dimenticare, pur essendo un alleato della NATO – sarebbe soddisfatta della relativa stabilità sul confine meridionale. Ciò renderebbe l’esistenza di un nuovo stato almeno tollerabile “.

L’amministrazione Trump sta cercando di negoziare un “accordo”, assegnando al territorio sotto il controllo dei sauditi 4 miliardi di dollari, che dovrebbero essere inviati alla ricostruzione delle infrastrutture necessarie, senza dimenticare, ovviamente, i propri interessi.

In altre parole, questa è una potenziale partizione dell’Iraq e della Siria. Potrebbero questi eventi influenzare la Turchia con le sue ambizioni imperiali? Naturalmente, non è un caso che gli analisti americani abbiano coniato il termine “patrimonio ottomano”, dato che gli Stati Uniti occupavano la parte più ricca di petrolio e gas della Siria a est del fiume Eufrate, comprese vaste aree di Deir Ezor, Al-Hasakah e Raqqah . Ciò avrà un impatto importante sui gasdotti futuri e esistenti. La maggior parte degli esperti concorda sul fatto che l’obiettivo strategico degli Stati Uniti è ora l’Iran, e la presenza statunitense rappresenta una complicazione per le possibilità di costruire qualsiasi rotta terrestre con la Siria e il Libano. Ricordiamo che gli eventi in Siria sono stati provocati dopo un memorandum sulla costruzione di un nuovo gasdotto Iran-Iraq-Siria è stato firmato il 25 giugno 2011 a Bushehr.

“Stiamo guardando la mappa del mondo per capire meglio meglio il corso degli eventi che seguiranno”, scrive un esperto russo a questo proposito. – Il Qatar, insieme all’Iran ha le più grandi riserve di gas del mondo, ha offerto un gasdotto dal Golfo Persico alla Turchia, che avrebbe attraversato la Siria fino al Mar Mediterraneo e che avrebbe permesso al gas di fluire verso l’Europa. Ciò avrebbe spinto la Russia fuori dal mercato europeo del gas, tagliando i gasdotti in Ucraina. Tuttavia, nel 2009, Assad ha rifiutato di accettare questo piano, invece ha scelto un accordo con la Russia e l’Iran. Il gasdotto islamico potrebbe avvantaggiare la Russia e l’Iran a scapito degli interessi energetici occidentali e le società del gas degli Stati Uniti, inoltre, minano gravemente la potenza energetica strategica del suo alleato americano, il Qatar, e tagliano la Turchia dal flusso di gas.

L’analista turco Faik Bulut ha scritto nel 2003: “Gli Stati Uniti hanno messo l’Iraq sotto il proprio controllo e ora devono trovare un modo per raggiungere il Mar Mediterraneo. Questo è possibile se la Siria viene tolta di mezzo come paese. Se gli americani riusciranno a prendere il controllo del Mar Mediterraneo, creeranno un corridoio dal Mar Mediterraneo attraverso la Siria all’Iran stesso. Se i piani statunitensi saranno implementati, allora gli europei potranno essere tagliati fuori da questa regione “. Ecco il ministro degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif ha espresso l’opinione che recentemente gli Stati Uniti hanno cambiato le priorità in Siria – invece di combattere i jihadisti, il compito principale per loro era mantenere il controllo sul confine tra Siria e Iraq “. In una parola, Washington si comporta in modo arrogante, credendo di avere il diritto di “ridisegnare” la mappa della regione a propria discrezione. Vedremo adesso cosa succederà dopo.

autore Stanislav Tarasov , 5 ottobre 2018 -fontehttps://regnum.ru/news/polit/2495538.html
Qualsiasi utilizzo di materiali è consentito solo se esiste un collegamento ipertestuale all’agenzia di stampa  ИА REGNUM.

 

Comments

  • GIANNI 7 ottobre 2018 at 23:11

    PUTIN HA PERSO, USA HA VINTO, SIRIA NEI GUAI