Gli atleti olimpici russi sono stati esclusi dai giochi per ovvi motivi politici

[ad_1]Non c’è nulla di  più evidente di questo.  Sembra che ci sia ancora una paura nell’ufficio del CIO che la Russia possa fornirci uno spettacolo ai Giochi olimpici del prossimo mese a Pyeongchang, in Corea del Sud. Se non la paura, allora cos’è esattamente che ha incentivato la recente decisione di fermare tre importanti prospettive della medaglia russa, Sergey Ustiugov, Anton Shipulin e Viktor Ahn dalla partecipazione?

Sotto l’apparenza del doping statale, il CIO ha inferto un colpo umiliante alla squadra russa con l’ultimatum di partecipare sotto una bandiera neutrale, come annunciato a dicembre dello scorso anno. Nessun inno, nessuna bandiera e assolutamente nulla in relazione ai simboli della Russia. Quelli sono stati i  criteri.

Mentre era in corso un dibattito nel paese su quali fossero i passi migliori per affrontare questa decisione, Putin ha annunciato che nessun atleta sarebbe stato tenuto a casa [1] e che tutti gli atleti dovrebbero prendere decisioni individuali sulla partecipazione. La maggior parte accettò di andare, ma furono richiesti test antidoping estesi.

In precedenza, quando seguì la debacle del rapporto McLaren, la Russia adottò tutte le misure necessarie per conformarsi sia al CIO che alla WADA rispondendo a tutte le domande e offrendo piena trasparenza nella ricerca di documenti e test antidoping. Mentre la Russia ha rispettato i termini posti, altri attori di questo dramma non sono nemmeno riusciti a presentarsi.

Di solito in tali “inchieste” di alto profilo, tutte le parti in causa dovrebbero essere presenti, anche se in qualche modo Grigory Rodchenkov, il principale istigatore delle accuse, si è sentito minacciato e ha rifiutato incontri con rappresentanti russi all’estero.

Il percorso per gli atleti puliti

Il CIO e la WADA si sono mossi reciprocamente per assicurarsi che ogni singolo russo ai giochi fosse pulito e ha sottoposto a doppio test ogni atleta con un elenco finale di 400 atleti che venivano provvisoriamente liquidati. Da questa lista, la Russia ha raccolto  232 atleti che avrebbero formato la squadra russa ufficiale in vista dei giochi. Tra loro c’erano stelle come Sergey Ustiugov, due volte campione del mondo di sciatori di fondo e Anton Shipulin, un mediatore d’oro biathleta alle Olimpiadi di Sochi del 2014.

Dalla decisione di dicembre, la Russia si è raffreddata dall’assalto alle barriere che aveva manifestato per la loro partecipazione, ma con la decisione odierna di  prelevare e rimuovere atleti puliti che erano favoriti  nel raccogliere medaglie, ha lasciato anche gli scettici che inizialmente non credevano alla natura politicizzata di questa crisi sportiva sono diventati   convinti sostenitori . Così a poche settimane dai  giochi, il CIO ha deciso che le stelle sopra menzionate e un altro elenco di atleti tra cui i migliori giocatori di hockey come Anton Belov e Valeriy Nikushkin non avrebbero potuto gareggiare.

 Il criterio è questo : è escluso qualsiasi russo che è preferito per vincere una medaglia.

Se così non fosse perché allora il CIO ha permesso solo a tre atleti del biathlon, la maggior parte neofiti dello sport internazionale e con una sottile probabilità di vincere qualcosa? Perché scegliere i giocatori di hockey che hanno più esperienza e che probabilmente hanno il maggiore impatto sulla squadra? Anche Pavel Kulizhnikov e Denis Yuskov, tra i favoriti per vincere l’oro allo Speed ​​Skating, sono stati rimossi.

Con solo poche settimane di tempo, questa formula di selezione indiscriminata ed immotovata, che il CIO deve ancora mostrarci, ha causato un grave bisogno di ristrutturare la squadra russa, che ha creato il caos e ha condizionato la preparazione dei restanti atleti russi.

Si è solidificato – il pregiudizio sulla Russia si è esteso forzatamente anche al mondo dello sport che  non è meno politicizzato di prima. Prima la discriminazione era fatta  attraverso il boicottaggio, ma ora si è evoluto in una forma più caotica. L’aspettata selezione manuale ha coinciso in modo interessante con le vittorie russe sull’arena geopolitica e pensare che non ci fosse alcuna correlazione tra le due circostanze è improbabile .

La Russia semplicemente non è autorizzata a vincere in nessun caso.

Dennis Vance  è uno scrittore e blogger con sede a Mosca, in Russia. Ha iniziato il   blog di Kremlinology nel 2016 e ha continuato a scrivere di affari russi, geopolitica e tutto il resto.

[ad_2]

Collegamento sorgente

Print Friendly, PDF & Email