Forti pressioni sul Team Onu incaricato a individuare i responsabili dell’attacco chimico a Khan Sheikhun

Giovedì, il capo del team incaricato a determinare la responsabilità per gli attacchi chimici armi in Siria, ha fatto appello ai governi affinché fermino la pressione politica sugli investigatori che riferiranno a metà ottobre su due incidenti, tra cui l’ attacco del 4 aprile a Khan Sheikhun che ha ucciso oltre 90 persone.

Edmund Mulet, dopo il briefing del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite tenuto  a porte chiuse, ha detto ai giornalisti  che la squadra degli investigatori sta ricevendo “messaggi diretti e indiretti” continui provenienti da più parti che ci dicono come fare il nostro lavoro.”

La pressione viene da “più di uno e probabilmente meno di 20 soggetti e da ‘di diversi settori e parti interessate”. “Alcuni dei messaggi sono molto chiari: ci dicono che se non facciamo il nostro lavoro secondo le loro indicazioni, non ne accetteranno i risultati .”

Mulet ha detto che il suo messaggio al Consiglio di Sicurezza è stato il seguente: “Fateci fare il nostro lavoro. Abbiamo una squadra  altamente qualificata. Stiamo svolgendo il nostro compito in modo indipendente, obiettivo e imparziale, e presenteremo i nostri risultati nel mese di ottobre.”

La squadra d’inchiesta dell’Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche ha indagato il presunto uso di armi chimiche in Siria, ma non hanno avuto il mandato di determinare la responsabilità per gli attacchi. L’incarico  (per svolgere una indagine supplettiva per individuare i responsabili dell’attacco – NDR Vietato Parlare) è stato affidato dall’ ONU alla squadra dell’ OPCW  guidata da Mulet come stabilito dal Consiglio di Sicurezza.

L’OPCW ha confermato che nel mortale attacco avvenuto nella città di Khan Sheikhoun (Idlib)  è stato usato  gas nervino  “Sarin o una sostanza simile al Sarin ”. Esso ha suscitato indignazione in tutto il mondo e foto e video (eseguiti però dai terroristi e dai loro fiancheggiatori –  NDR Vietato Parlare) sono stati diffusi ampiamente.

Gli Stati Uniti hanno accusato l’esercito siriano per l’attacco e hanno lanciato un attacco punitivo contro la base aerea da cui l’attacco ( secondo gli USA  è stato lanciato – NDR Vietato Parlare) . Il presidente siriano Bashar Assad ha negato l’uso di armi chimiche.

Mulet ha anche detto che il suo team baserà la determinazione della responsabilità per i due attacchi “sui fatti e sulla scienza” – ma le sue conclusioni non saranno influenzate da richieste esterne siano del governo o dall’opposizione.

Multe ha detto che la sua squadra intende visitare la base aerea e vorrebbe anche andare a Khan Sheikhoun, ma che questo è condizionato  da problemi relativi alla  sicurezza.

Prima di andare alla base aerea, Mulet ha detto, “avrei bisogno della disponibilità del governo siriano”, e di poter visionare  i registri di volo dalla base aerea ed conoscere i nomi dei comandanti militari della squadra aerea e intervistare funzionari di governo .

Mulet ha detto: “Stiamo lavorando già con il governo siriano su questo e speriamo che ci verranno forniti gli strumenti e gli strumenti necessari per fare il nostro lavoro”.

Mulet ha anche aggiunto che  l’OPCW ha  informato gli investigatori che si sta lavorando su sei o sette altri casi “che potrebbero essere risolti prima della fine del mese di ottobre, quando presenteremo il nostro rapporto sostanziale.”

nota di Vietato Parlare:

Anche se Mulet ha usato nelle sue dichiarazioni prudenza e riserbo, ciò che ha detto lascia comunque trasparire che la sua squadra, allo stato attuale, non dispone della necessaria autorizzazione  per accedere  sul luogo dell’incidente che solo l’opposizione armata jihadista può fornire . E’ implicito,  giacché Mulet afferma che con il governo siriano un accordo è in corso, che le pressioni siano provenienti dall’opposizione armata e dai governi che la supportano .

Potrebbe essere plausibile che anche la Russia abbia fatto ‘pressioni’ fornendo indicazioni e requisiti indispensabili per pretendere un lavoro professionale equo ed imparziale da parte della squadra OPCW. Tale sfiducia però è del tutto giustificata in quando l’attacco di rappresaglia, senza prova alcuna,  è stato effettuato dagli USA.

Sintesi di Vietato Parlare – Il post originale  team Probing Siria armi chimiche Attacchi sotto pressione politica è stato pubblicato su MintPress Notizie .

Fonte

Related