Fatti e cifre sulla crisi umanitaria siriana

di Bassim Alkhalili  per Vietato Parlare

La situazione attraverso gli occhi dell’ONU

Recentemente, un portavoce dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati, Babar Baloch, ha detto che mancano i fondi per fornire l’assistenza necessaria ai rifugiati siriani. Attualmente, solo il 31% dei fondi necessari per il sostentamento dei rifugiati sono registrati nei conti dell’UNHCR. L’importo totale dichiarato nel 2018 per aiutare i rifugiati è di circa $ 1,97 miliardi. Nello stesso tempo, i fondi per la protezione e il sostegno e l’urgente preparazione dei campi per l’inverno degli sfollati, quest’anno ammontano a circa 270 milioni di dollari. A questo proposito, Mark Laukok, il segretario generale aggiunto per gli affari umanitari, durante un briefing al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, ha dichiarato che il mandato della risoluzione sull’assistenza umanitaria al popolo siriano deve essere esteso.
In effetti, la situazione in tema di aiuti umanitari è stata davvero triste. Tra i problemi più acuti discussi nei forum delle Nazioni Unite c’è la situazione nel campo profughi di al-Rukban, così come la situazione nella provincia di Idlib.

L’ anti-umanitario campo di Al-Rukban

Considerando la situazione in questo campo nel sud del paese, vale la pena notare che l’insediamento si trova nella zona di sicurezza intorno alla base militare di al-Tanf, controllata dalle forze della coalizione a guida statunitense. Tuttavia, queste ultime non forniscono cibo per le persone che vivono ad al-Rukban. Inoltre, gli Stati Uniti non interagiscono con la Giordania che ha chiuso il confine vicino al campo, presumibilmente a causa dei timori di penetrazione dei militanti dell’ISIS.
Un esperto siriano e membro della Century Foundation, Aron Lund, ritiene che gli Stati Uniti abbiano un obbligo legale internazionale di prendersi cura dei civili. Le truppe americane di fatto controllano quest’area. “Se occupi il territorio sei responsabile per le persone sotto il tuo controllo”, egli ha detto.
Nel frattempo, grazie al lavoro congiunto, il primo gruppo di aiuti umanitari è stato finalmente consegnato ad al-Rukban. Questa intricata storia sugli ostacoli all’aiuto alla consegna – con relative reciproche accuse tra le parti – è principalmente associata alla riluttanza del Pentagono a rispettare i propri obblighi relativi alla sicurezza nella zona di 55 chilometri stabilita attorno alla propria base di Al-Tanf. Come giustificazione, l’esercito americano ha citato molte ragioni banali che impediscono la consegna degli aiuti.
Pressato dalla comunità internazionale, Washington alla fine ha organizzato la protezione e la difesa del recente primo convoglio umanitario [scortato dai militari della Federazione Russa] , e ha persino riconosciuto il ruolo positivo che la Russia ha svolto nel risolvere la questione della consegna degli aiuti al campo profughi di al-Rukban in Siria. Anche se il portavoce del Dipartimento di Stato Heather Nauert ha cercato di spostare la responsabilità per il disastro umanitario su B. Assad (egli aveva detto che presumibilmente era l’esercito arabo siriano che stava rallentando la consegna), i funzionari delle Nazioni Unite hanno ancora ringraziato il comando dell’esercito russo in Siria per aver scortato il convoglio diretto al campo e durante il suo ritorno a Damasco. È stato riferito che la sicurezza della colonna è stata fornita dalla polizia militare russa e dagli elicotteri dell’aviazione militare.

Aiuto non standard per Idlib

Una analoga situazione registrata con la fornitura di assistenza è ora osservata nella provincia di Idlib. Ripetutamente dalle tribune di autorevoli organizzazioni internazionali, è stata affermata la necessità di depoliticizzare il lavoro umanitario in Siria. In effetti, la popolazione del paese non dovrebbe soffrire del fatto che vive nel territorio controllato dall’una o dall’altra forza politica. Tuttavia, alcuni partecipanti al conflitto, come gli Stati Uniti, hanno preso questo appello troppo alla lettera.
Molto spesso l’aiuto umanitario è trasferito ai rappresentanti delle autorità municipali che sono in realtà controllati dalle bande armate della cosiddetta opposizione moderata. Tuttavia, a tale riguardo, gli Stati Uniti stanno effettivamente trattando non con l’amministrazione civile, ma con i militanti estremisti.

Pertanto, il rapporto Operation Inherent Resolve dice che l’Agenzia degli Stati Uniti per lo sviluppo internazionale (USAID) semplicemente non ha provato a pensare ai possibili rischi che i fondi potrebbero finire nelle mani dei militanti islamici. Inoltre, USAID è stata ripetutamente osservata rifornire i militanti di ogni tipo di assistenza .
È già stato sottolineato che i dipendenti delle organizzazioni non governative hanno consegnato pacchetti di cibo del valore di milioni di dollari ai combattenti, tra cui Hay’at Tahrir al-Sham (HTS o “Organizzazione per la liberazione del levante”) che non hanno il diritto di ricevere aiuti. L’importo totale delle sovvenzioni concesse senza rispettare gli standard pertinenti è di quasi $ 700 milioni. Le famiglie Idlib lo vogliono davvero? È improbabile che un simile aiuto umanitario aiuti la società siriana a resistere alla guerra civile.

La situazione con gli aiuti umanitari nelle alture del Golan e in Raqqa

Una politica analoga è perseguita dalle Forze di difesa israeliane. Le stesse hanno recentemente annunciato di aver chiuso il programma di assistenza umanitaria che il paese ha precedentemente fornito ai cittadini siriani vicino al confine. Come riportato da Times of Israel, la decisione è stata presa dopo il ritorno del sud della Siria sotto il controllo delle truppe governative. In realtà, l’esercito governativo siriano ha semplicemente liberato le alture del Golan dai jihadisti e i peacekeeper dell’ONU sono tornati. Quindi, nessuno può aiutare Israele in questo momento.

Ancora meno chiara la situazione nella provincia controllata dai curdi di Raqqa e sul territorio che si trova ad est dell’Eufrate. Nella stessa città di Raqqa, i sistemi di approvvigionamento idrico e fognario non sono stati ancora ripristinati e l’area non è stata bonificata. I residenti non hanno accesso a nessun servizio sociale. Inoltre, le rivolte della popolazione locale di lingua araba contro la tirannia dei curdi e degli Stati Uniti a volte divampano perché la situazione nella provincia è simile a quella che sta avviene ad al-Rukban. Ripetutamente, ci sono rapporti secondo cui le forze armate statunitensi hanno impedito a qualsiasi organizzazione umanitaria – compresa la missione delle Nazioni Unite – di arrivare a Raqqa.
Le organizzazioni internazionali coinvolte nella fornitura di aiuti umanitari si lamentano di non poter lavorare in Raqqa in quanto non sono in grado di trovare un luogo sicuro per aprire uffici e distribuire piattaforme di aiuto al pubblico poiché tutto è minato.
I residenti di Raqqa sfollati hanno detto ai membri di un gruppo per i diritti umani che visitava la provincia circostante, di aver affrontato trappole esplosive dello Stato islamico e avevano affrontato mancanza di cibo e rifugi mentre erano fuggiti, oltre a carenza di acqua pulita, scarsa igiene, povertà, disoccupazione. Questa è la situazione molto diffusa è ciò che deve affrontare coloro che rappresentano la parte vulnerabile della società, compresi gli orfani, le persone con disabilità e gli anziani. I rifugiati denunciano carenza e negazione dell’accesso al cibo come motivo [di ricatto] per costringerli a lasciare Raqqa.

L’ impatto che hanno questi e altri sforzi sulla popolazione

Quindi, l’Occidente non è interessato a migliorare e stabilizzare la situazione umanitaria nella lunga sofferenza della Siria dilaniata dalla guerra. La riluttanza degli Stati Uniti ad aiutare i siriani ha già portato alla morte di persone innocenti. Grazie alla dura presa di posizione del governo siriano e al suo principale alleato la Federazione Russa, la questione della distribuzione di cibo, acqua e medicine è stata risolta positivamente.
La situazione è la stessa nelle altre province della Siria. Nonostante i budget multimilionari delle molte organizzazioni non governative occidentali, solo una quantità di assistenza catastroficamente ridotta, raggiunge coloro che richiedono aiuto. La maggior parte di essa finisce nelle mani di militanti e contrabbandieri. In tali situazioni i locali diventano schiavi.
In contrasto con gli Stati Uniti e con i paesi occidentali, gli alleati di B. Assad tra cui Russia, Iran e un certo numero di altri paesi stanno ora fornendo un vero aiuto umanitario.
Quindi, secondo il Bollettino del Centro per l’Accoglienza, l’Allocazione e l’Accoglienza dei Rifugiati, la parte russa organizza e svolge quotidianamente azioni umanitarie consegnando fino a 2 tonnellate di scorte di cibo e acqua imbottigliata alla volta in varie province della Siria. Sfortunatamente, i rappresentanti ufficiali della coalizione internazionale guidata dagli Stati Uniti non presentano tali dati alla comunità mondiale.

JOIN THE DISCUSSION

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.