Faglie sulla disinformazione dei mass media italiani: la popolazione civile di Ghouta chiede che l’esercito siriano cacci i ribelli

Manifestazioni di  solidarietà nella città di al-Ghazalaniya (Ghouta orientale) a sostegno dell’esercito siriano.
La gente di al-Ghazalaniya  ha organizzato una manifestazione di solidarietà per dimostrare sostegno all’Esercito arabo siriano (SAA) nel ripristinare la sicurezza nelle loro città e sostenere le proteste delle famiglie contro la presenza di organizzazioni terroristiche nel resto delle città del Ghouta. I partecipanti hanno sollevato striscioni chiedendo la liberazione dei civili e dei rapiti dalle organizzazioni terroristiche in Ghouta Est –  e hanno chiesto all’esercito siriano di liberare le loro città. Altre manifestazioni e proteste si sono verificate e si moltiplicano in altri centri.

Nella città di Ghazalaniya  migliaia di residenti  hanno chiesto che i terroristi consentano la partenza dei civili.

 

 

 

Lo stesso giorno elicotteri SAA hanno lanciato una grande quantità di volantini nella città di Duma e sulle località del Ghouta, ancora sotto occupazione delle milizie jihadiste

Sempre oggi la Mezzaluna Rossa araba siriana e il Comitato internazionale della Croce Rossa ha completato la consegna di cibo e altri aiuti umanitari a 75,5 mila residenti della Duma, situati nell’area di Ghouta orientale. E’ quanto dichiarato ai giornalisti dal rappresentante ufficiale del Segretario generale delle Nazioni Unite Stefan Dujarrik. Il convoglio era atteso l’8 marzo ma non era potuto entrare per fuoco ostile da parte dei jihadisti.

Nel frattempo 13 militanti hanno lasciato il sobborgo di Ghouta orientale della Repubblica araba siriana senza armi per proseguire con le loro famiglie per Idlib. Lo riferisce il Centro russo per la riconciliazione delle parti in guerra in Siria.

Bene ora aspettiamo di sentire queste cose alla RAI e sugli altri canali generalisti..

Print Friendly, PDF & Email