Dietro l’incidente dello stretto di Kerch si nascondono problemi più ampi

New Eastern Outlook sull’incidente nello stretto di Kersh. E’ da precisare che il trattato stipulato con la Russia prevedeva che le navi militari potessero passare con una speciale autorizzazione rilasciata 3gg prima del passaggio stesso. Inoltre, il passaggio nello stretto di Kerch era considerato russo anche prima dell’annessione della Crimea formalizzata tramite il referendum, avvenuta a seguito del colpo di stato di piazza Maidan.

Vietato Parlare

Dietro l’incidente dello stretto di Kerch si nascondono problemi più ampi

di James O’Neill

Il 25 novembre di quest’anno, tre navi della marina ucraina si sono avvicinate allo stretto di Kerch che separa la Crimea dalla terraferma russa. Sono venute dal lato del Mar Nero dello Stretto, che conduce a sua volta al Mar d’Azov.

La navigazione attraverso questo stretto Stretto è disciplinata dal diritto internazionale generale e, nel caso della Russia e dell’Ucraina, da un trattato specifico firmato tra i due paesi il 24 dicembre 2003.

I fatti del 26 novembre sono stati descritti dettagliatamente nella cronologia rilasciata dal Servizio di sicurezza federale russo (FSB). Esso descrive che il comportamento delle navi ucraine erano in violazione sia del trattato che delle disposizioni della Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare (UNCLOS ). 

In seguito al sequestro delle tre navi ucraine da parte dell’FSB, i documenti scoperti su una delle navi indicavano chiaramente che le navi avevano ricevuto istruzioni di agire “di nascosto” passando sotto il ponte di Kerch.

E’ evidente che non esiste nessuna ragione ‘pacifica’ per le navi di agire di nascosto. Il trattato prevede procedure specifiche per il transito dello stretto stretto. Queste disposizioni sono principalmente attuate per motivi di sicurezza, ma anche per le legittime preoccupazioni di sicurezza della Federazione Russa, garantite anche dall’UNCLOS.

Dato che le navi stavano attraversando anche le acque territoriali della Russia, non c’è dubbio che la Russia avesse la giurisdizione appropriata per dirigere il traffico marittimo.

le due cannoniere ucraine a basso pescaggio coinvolte nell’incidente

L’UNCLOS prevede anche il diritto di “passaggio pacifico” (articolo 19) e tale termine è chiaramente definito nella Convenzione. Per i motivi dettagliati indicati nella cronologia fornita  dal FSB – tra cui, a titolo esemplificativo ma non esaustivo, la presenza di installazioni di artiglieria a bordo delle navi e il loro orientamento verso le navi militari russe – gli ucraini non erano manifestamente in “passaggio innocente”.

Tuttavia, i rapporti occidentali sull’incidente hanno visto una ripetizione dei loro vecchi argomenti sull’aggressione russa. Ci sono stati riferimenti costanti alla “annessione” della Crimea da parte della Russia. Le solite voci intemperanti negli Stati Uniti hanno chiesto che le navi della NATO vengano inviate nel Mar d’Azov, il che tradisce un’ignoranza fondamentale della geografia, per non parlare delle capacità difensive della Russia in quella regione.

Molti commentatori hanno ipotizzato che quella che è stata manifestamente una provocazione ucraina sia stata messa in scena dal presidente Poroshenko per rafforzare la sua capacità di rimanere in carica al di là delle elezioni programmate di maggio, dove deve affrontare una sconfitta quasi certa. Il parlamento ucraino lo riteneva chiaramente, in quanto la sua dichiarazione di legge marziale era limitata a 30 giorni e in altro modo fortemente circoscritta.

Nessuno, nel settore dei media occidentali, ha spiegato perché la legge marziale era necessaria. Invece, come notato sopra, il loro approccio ha quasi esclusivamente reiterato le loro affermazioni sulla Russia in generale e sulla Crimea in particolare.

Come tali, hanno dimostrato ancora una volta che i principali media occidentali non sono minimamente interessati alla storia, alla legge o alla logica.

Storicamente, la Crimea non ha mai fatto parte dell’Ucraina. Vari imperi antichi l’hanno in qualche modo soggiogato, soprattutto fino al 1774 quando l’Impero ottomano cedette la Crimea alla Russia sotto il trattato di Kucuk Kaynarca nel luglio di quell’anno.

Nel 1954 l’oblast di Crimea fu trasferita dalla Russia con una procedura amministrativa del Presidium del Soviet Supremo dell’URSS (di cui l’Ucraina faceva parte) in Ucraina. Il popolo della Crimea non è stato consultato.

Dal punto di vista etnico, culturale e linguistico, la Crimea era essenzialmente russa. L’Ucraina stessa non divenne una nazione indipendente fino al 1922, come stato costituente dell’URSS. Si separò da quello stato, insieme a molti altri stati nel 1991, quando l’URSS si disintegrò.

Dopo che il legittimo governo sovrano dell’Ucraina fu rovesciato in un colpo di stato americano organizzato e finanziato nel febbraio 2014, la Crimea decise di non far parte di quello che era un governo dispotico, neonazista e violentemente anti-russo. Questo è un aspetto della storia ucraina che i media occidentali rifiutano di riconoscere come rilevanti per qualsiasi comprensione degli eventi in Crimea.

In netto contrasto con il 1954, la Crimea ha tenuto un referendum sull’opportunità o meno di ricongiungersi alla Federazione Russa. Oltre l’83% della popolazione ha votato in quel referendum e il 96,7% ha votato a favore del rientro in Russia.

Nonostante questo, i media occidentali persistono nell’usare il termine “annessione” che, secondo l’Oxford English Dictionary, definisce l’annessione come aggiunta di territorio, senza diritto, e soprattutto di conquista. Questo non era evidentemente il caso in Crimea.

Ci sono altri due recenti esempi storici che evidenziano la plateale ipocrisia occidentale sulla reintegrazione della Crimea con la Federazione Russa.

Nel 1967, a seguito della Guerra dei Sei Giorni, Israele occupò la componente siriana delle alture del Golan. Nel 1981 il parlamento israeliano approvò una legge che pretendeva di annettere le alture del Golan al territorio di Israele.

Era un’annessione nel vero senso della parola. Era completamente privo di giustificazione legale. Israele ha ignorato le ripetute risoluzioni dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite per il Golan Heights da restituire in Siria.

Il punto qui è che Israele non è stato soggetto a sanzioni da parte delle potenze occidentali per la sua condotta illegale. Né ci sono editoriali regolari nei media mainstream occidentali che denunciano l’aggressione di Israele e il comportamento illegale.

Il secondo esempio riguarda il Kosovo. L’assemblea parlamentare del Kosovo ha rilasciato una dichiarazione unilaterale di indipendenza il 17 febbraio 2008, determinando la rottura della Serbia. La Corte internazionale di giustizia ha emesso un parere consultivo il 22 luglio 2010, che ha ottenuto, a maggioranza, che la dichiarazione di indipendenza non ha violato il diritto internazionale generale in quanto il diritto internazionale contiene “divieto di dichiarazioni di indipendenza”.

Una minoranza di paesi riconosce l’indipendenza del Kosovo, compresi gli Stati Uniti e l’Australia, due dei principali critici del referendum della Crimea e il suo successivo ricongiungimento alla Federazione Russa. Non sorprende che non riconoscano l’illogicità della loro posizione.

Il Kosovo non ha sede nelle Nazioni Unite. È essenzialmente uno stato di gangster e un importante canale per l’eroina dell’Afghanistan nel mercato europeo. È anche la sede di Camp Bondsteel, una delle più grandi basi militari degli Stati Uniti in Europa e così riservata che è chiusa agli ispettori del Consiglio d’Europa.

Il contrasto tra le risposte occidentali alla Crimea in cui la stragrande maggioranza della popolazione esercitava quello che la Corte internazionale di giustizia ha affermato nel contesto del Kosovo era il loro diritto legale, e il corso degli eventi in Kosovo e le alture del Golan non poteva essere maggiore.

Ignorando il comportamento manipolativo, antidemocratico e russofobo di Poroshenko, l’Occidente non solo dimostra la sua ipocrisia, ma ignora anche le lezioni della storia quando l’interesse personale supera un approccio basato sulla legge e razionale negli affari internazionali.

James O’Neill, avvocato australiano di diritto, in esclusiva per la rivista online ” New Eastern Outlook “.

Source link

JOIN THE DISCUSSION

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.