Cuba ancora rischiosa, Secondo Rex Tillerson

WASHINGTON – Gli Stati Uniti “metterebbero intenzionalmente le persone in pericolo” se mandassero i diplomatici a Cuba, il segretario di stato Rex Tillerson ha detto in un’intervista alla Associated Press, anche se un nuovo rapporto dell’FBI mette in dubbio la teoria iniziale secondo cui gli americani lì sono stati colpiti da “attacchi sonici”.

Dopo mesi di indagini e quattro viaggi dell’FBI a L’Avana, un rapporto provvisorio della Divisione Tecnologia Operativa dell’ufficio dice che la sonda non ha scoperto alcuna prova che le onde sonore potrebbero aver danneggiato la salute degli americani (AP). Il rapporto, datato 4 gennaio, non affronta altre teorie e dice che l’FBI continuerà a indagare fino a quando non sarà in grado di dimostrare che non c’è stato alcun danno intenzionale.

Tillerson ha detto di non essere convinto che quelli che chiama “attacchi deliberati” siano finiti. Ha difeso la sua decisione di settembre di ordinare alla maggior parte del personale degli Stati Uniti e dei loro parenti di lasciare Cuba e ha detto che non invertirà la rotta fino a quando il governo di Cuba non assicurerà che saranno al sicuro.

“Li rimetteremMo intenzionalmente in pericolo. Perché dovrei farlo quando non ho assolutamente alcun mezzo per proteggerli? “Tillerson ha dichiarato all’AP il 5 gennaio.” Mi opporrò a chiunque voglia costringermi a farlo. “

“Continuo a credere che il governo cubano, qualcuno all’interno del governo cubano, possa portare a termine queste minacce”, ha aggiunto Tillerson. Washington non ha mai preteso che Cuba abbia perpetrato gli attacchi, ma ha insistito sul fatto che il governo comunista dell’isola deve sapere chi è stato. Cuba nega categoricamente sia il coinvolgimento che la conoscenza di eventuali attacchi.

Le tensioni sul problema sono evidenti al Congresso, con i critici del governo cubano in contrasto con i sostenitori di legami più stretti con gli Stati Uniti. E all’interno dell’amministrazione Trump, la CIA, le cui spie sono state colpite mentre lavoravano sotto copertura diplomatica, si è irritata per la mancanza di progressi dell’FBI, diversi funzionari hanno detto all’AP nei mesi scorsi, mentre alcuni legislatori informati sulla sonda si sono chiesti se il L’FBI concorda persino con il Dipartimento di Stato sul fatto che qualcuno sia stato attaccato.

Il Dipartimento di Stato ha detto in precedenza che il più recente caso “clinicamente confermato” di un americano colpito è avvenuto il 21 agosto. Tillerson non ha citato altri incidenti recenti, ma ha sottolineato con insistenza che “non è sicuro che siano finiti”.

L’AP ha appreso che almeno un addetto ausiliario alle ambasciate  ha riportato sintomi simili da quando quella data è stata inviata per i test medici. Tuttavia i sintomi rilevati non erano correlati.

I commenti di Tillerson e il rapporto dell’FBI illustrano quanto gli Stati Uniti siano confusi riguardo al mistero dell’Avana, più di un anno dopo che i lavoratori dell’ambasciata hanno iniziato a denunciare malattie come perdita dell’udito, problemi di vista e problemi di memoria. I sintomi spesso seguivano suoni inspiegabili nelle case dei diplomatici che portavano gli investigatori a sospettare un’arma sonora avveniristica. Gli Stati Uniti hanno detto che 24 lavoratori del governo sono stati danneggiati. Anche il Canada ha riferito che alcuni dei propri diplomatici sono stati colpiti.

Il rapporto dell’FBI, che non è stato divulgato pubblicamente, è il segno più chiaro fino ad oggi degli Stati Uniti che si esclude la teoria dell’arma sonora. Il rapporto dice che l’FBI ha verificato l’ipotesi che onde udibili , elettromagnetiche, infrasuoni o ultrasuoni possano essere state usate per ferire clandestinamente gli americani a Cuba, e non hanno trovato prove. Le onde infrarosse sono al di sotto della portata dell’udito umano. L’ultrasuono è sopra.

L’FBI lunedì ha rifiutato di commentare .

A ottobre, l’AP pubblicò una registrazione del suono acuto del cinguettio che alcuni diplomatici ascoltarono. I funzionari hanno ammonito quindi che non erano sicuri se il suono stesso abbia danneggiato gli americani, o fosse forse il sottoprodotto di qualcos’altro. Il mese scorso, l’AP ha riferito che i medici hanno scoperto anomalie cerebrali in pazienti che erano stati trattati dopo il ritorno da Cuba. Ma dal momento che i pazienti non erano stati testati prima di lavorare a Cuba, esperti esterni hanno sollevato domande.

Per Cuba e per i suoi sostenitori statunitensi, la frustrazione sta crescendo sulla risposta aggressiva di Washington e sulla mancanza di risposte. Oltre a tirare fuori tutto tranne che “personale essenziale”, l’amministrazione Trump l’anno scorso ha espulso 15 diplomatici cubani e ha avvertito gli americani di evitare l’isola. L’Avana vede quei passi come un danno alle relazioni USA-Cuba e danneggia la sua industria critica del turismo, il tutto senza alcuna prova che qualcuno sia stato attaccato.

 

 

tutto il post  Cuba ancora rischioso, Secondo Rex Tillerson è apparso in inglese su Truthdig: Expert Reporting, Notizie attuali, Editorialisti provocatori .

Collegamento sorgente

JOIN THE DISCUSSION