Corte penale internazionale: “Base ragionevole” per credere ai crimini di guerra commessi dal Regno Unito in Iraq

La Corte penale internazionale (CPI) ha affermato che esiste una “ragionevole base” per credere che i soldati britannici abbiano commesso crimini di guerra durante la loro campagna in Iraq. Nel suo rapporto sulle ” Attività preliminari d’esame 2017″,  consegnato a New York ad un’assemblea di paesi, il procuratore capo, Fatou Bensouda, ha dichiarato che il suo ufficio avrebbe continuato a raccogliere prove per vedere se un’indagine formale potesse essere lanciata contro il Regno Unito a L’Aia.

Il rapporto di 74 pagine, che elenca i casi che sono in una fase preliminare, ha detto che la CPI aveva riaperto la causa contro il Regno Unito a seguito alla presentazione di ulteriori informazioni su presunti reati. La corte aveva chiuso una precedente indagine preliminare su accuse simili nel 2006 perché c’erano meno di 20 accuse, nonostante la conclusione che aveva visto prove che suggerivano che le truppe britanniche commettevano crimini di guerra in Iraq, “vale a dire omicidio volontario e trattamento inumano”.

L’ICC ha citato “il grande volume di accuse di criminalità ricevute” dal Ministero della Difesa britannico attraverso l’Iraq Historic Allegations Team (IHAT). Tra il 2010 e la fine di giugno 2017 IHAT ha ricevuto un totale di circa 3.400 accuse di omicidi e maltrattamenti illegali, ha rivelato la Corte penale internazionale.

Il rapporto di Bensouda esamina le polemiche interne del Regno Unito riguardanti le indagini sui crimini di guerra commesse dai soldati britannici in Iraq prima di concludere che “l’Ufficio ha esaminato indipendentemente tutte le circostanze rilevanti” e ha deciso che l’informazione era affidabile e poteva essere confermata, comprese le segnalazioni di violazioni dei diritti umani.

Il rapporto cita il Public Interest Lawyers (PIL) secondo il quale “il personale del Regno Unito ha commesso sistematicamente e su vasta scala i crimini di tortura e i maltrattamenti correlati contro almeno 1.071 detenuti iracheni”. Il PIL inoltre ha dichiarato che queste violazioni sono state effettuate nell’ambito della

Politica deliberata del governo britannico di abuso di detenuti iracheni nel periodo compreso tra marzo 2003 e dicembre 2008 sul territorio dell’Iraq.

Nella sua relazione, la CPI “ribadisce la sua precedente conclusione secondo cui esiste una base ragionevole per credere che nel periodo dal 20 marzo 2003 al 28 luglio 2009 membri delle forze armate del Regno Unito abbiano commesso i seguenti crimini di guerra” in Iraq contro le persone in loro custodia , tra cui: “omicidio intenzionale / tortura per omicidio e trattamento disumano / crudele, oltraggi alla dignità personale e stupri o altre forme di violenza sessuale”.

Ha dichiarato di aver condotto una revisione completa di tutte le informazioni disponibili e ha preso in considerazione le informazioni sui procedimenti nazionali pertinenti condotti dalle autorità britanniche prima di giungere alla conclusione che “esiste una base ragionevole per ritenere che membri delle forze armate del Regno Unito abbiano commesso crimini di guerra … contro le persone in loro custodia “.

Foto in alto | Gli iracheni passano accanto a un carro armato britannico mentre fuggono da Bassora, nel sud dell’Iraq, mentre il 29 marzo 2003 è visibile il fumo che incombe sulla città. (AP / Anja Niedringhaus)


Middle East Monitor  è concesso in licenza in base alla licenza internazionale Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 4.0.

Il post ICC: “Base ragionevole” per credere ai crimini di guerra commessi nel Regno Unito in Iraq è apparso per la prima volta su MintPress News .

Collegamento sorgente

JOIN THE DISCUSSION