C’è qualche sorta di futuro di pace per l’Afganistan?

Author: Martin Berger

I paesi che hanno inviato le loro truppe nei primi anni 2000 in Afghanistan per distruggere focolai di terrorismo, esiliare i talebani e assicurare una pace duratura sono ora costretti a riconoscere che la situazione della sicurezza si sta deteriorando rapidamente in questo stato dell’Asia centrale. Mentre la parte migliore dei territori afgani è formalmente controllata dal governo, alcuni nodi chiave sono costantemente attaccati dai talebani. A peggiorare le cose, tutti i problemi che hanno tormentato questo paese per decenni persistono ancora oggi. Tra loro c’è una caotica e cattiva gestione, in quanto il paese è governato da due leader che si sfidano l’un l’altro, ovvero il presidente dell’Afghanistan Ashraf Ghani e il primo ministro Abdullah Abdullah. Inoltre, c’è la crescente debolezza delle forze di sicurezza afghane; la corruzione dilagante e il massiccio traffico di droga.

Inoltre, gli istruttori militari statunitensi hanno scoperto lo scorso anno che le forze di sicurezza afghane si stanno riducendo rapidamente, con il numero di poliziotti e ufficiali militari che mostrano un calo dell’11%. E questa tendenza si verifica nonostante il fatto che gli Stati Uniti, secondo quanto dichiarato dall’ispettore generale speciale per la ricostruzione dell’Afghanistan (SIGAR), John Sopko, la costituzione delle forze di sicurezza afgane siano all’apice delle  priorità.

A peggiorare le cose – secondo il Wall Street Journal – i funzionari delle forze armate e degli Stati Uniti sono in disaccordo sulla direzione da dare alla guerra in Afghanistan. La maggior parte delle innumerevoli agenzie di intelligence degli Stati Uniti si dice che sia moderatamente pessimista riguardo alle prospettive di porre fine a tutte le ostilità in Afghanistan. A sua volta, l’Air Force degli Stati Uniti è moderatamente ottimista, poiché i suoi funzionari sono fiduciosi che la strategia statunitense per l’Afghanistan sta dando buoni risultati .

Washington si è bloccato in Afghanistan nel 2001, e il costo totale di questa guerra ha già superato i 680 miliardi di dollari, secondo il Pentagono. Il più alto funzionario dell’America del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha recentemente dichiarato ai legislatori del Senato degli Stati Uniti che la guerra in Afghanistan costerà 45 miliardi di dollari quest’anno, ovvero il doppio della somma richiesta per dare a tutti i senzatetto degli Stati Uniti una sistemazione decente.

Nel corso della campagna afghana, circa 2.350 militari americani sono morti, mentre ben oltre 20.000 sono stati feriti.

Il 2 settembre, il generale Austin Scott Miller assunse ufficialmente il comando di tutte le forze statunitensi e della NATO in Afghanistan. Tuttavia, questa nomina non ha alterato in alcun modo la strategia statunitense per l’Afghanistan, il che porta ad un numero sempre crescente di tragiche conseguenze per il popolo afghano in una guerra che imperversa da quasi vent’anni. Abbiamo assistito a una nuova serie di cosiddetti attacchi errati da parte delle forze NATO in Afghanistan, con una vasta quantità di “danni collaterali” a danno della popolazione del paese. Tali attacchisono diventati un evento quotidiano in questo stato dell’Asia centrale da qualche tempo, ogni raid ha provocato vittime civili.

Nel solo periodo dal 1 ° gennaio al 30 settembre di quest’anno, un totale di 8.050 civili è caduto vittima delle attività della NATO in Afghanistan, con 2.798 morti e 5.252 feriti. Questi numeri sono stati presentati nel rapporto trimestrale della Missione di assistenza delle Nazioni Unite per l’Afghanistan. Il grossolano errore di calcolo da parte di Washington sulla realtà in Afghanistan, con la Casa Bianca che chiede l’uso della forza bruta per risolvere il problema di questo paese, ha provocato un aumento del 29% del tasso di incidente tra gli attacchi della NATO e le vittime sulla popolazione locale.

Pertanto, di recente le richieste per assicurare alla giustizia i responsabili di “azioni criminali contro i civili” ,  sono cresciute  più forte , non solo in Afghanistan, ma in tutto il mondo, e sono abbastanza giustificabili.

Tuttavia, il consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, John R. Bolton, ha recentemente smentito le intenzioni della Corte penale internazionale di indagare sui crimini commessi dai militari statunitensi nel corso della campagna afgana. In particolare, ha affermato che:

Gli Stati Uniti useranno tutti i mezzi necessari per proteggere i nostri cittadini e quelli dei nostri alleati dall’ingiusta azione giudiziaria da parte di questo tribunale illegittimo. La risposta degli Stati Uniti potrebbe includere sanzioni contro i giudici della Corte penale internazionale qualora tali procedimenti procedano.

In questo contesto, è interessante notare che i PM della camera bassa del parlamento afgano hanno preso una decisione per rivedere l’accordo di cooperazione sulla sicurezza che l’Afghanistan ha con gli Stati Uniti. Hanno sottolineato che l’accordo ha peggiorato la situazione della sicurezza nel paese, aumentando considerevolmente il morale dei talebani. Sono anche convinti che le forze di sicurezza afghane non hanno ricevuto l’assistenza che gli Stati Uniti dovrebbero fornire affinché la politica di Kabul abbia successo. Poiché questo viola l’accordo, i PM afgani sono convinti che debba essere rivisto.

L’Afghanistan sta diventando rievocazione del Medio Oriente nel senso che il compito di porre fine alla guerra civile fa sì che tutte le parti coinvolte non vengano mai concultate, cosa che potrebbe essere osservata anche nel conflitto israelo-palestinese. Recentemente, quasi contemporaneamente sono stati lanciati due nuovi tentativi per porre fine a questa guerra civile da due diversi attori geopolitici, ovvero la Russia e gli Stati Uniti. Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti non aveva intenzione, almeno non ne parlavano nei media, di tenere una conferenza di pace sull’Afghanistan a Washington, ma un paio di mesi fa la Casa Bianca fece un passo avanti senza precedenti in quasi due decenni di guerra – ha concordato di tenere negoziati diretti con i talebani, che è elencata come organizzazione terroristica dagli Stati Uniti.

Come è stato riferito dai media russi attraverso riferimento a fonti anonime a Mosca e Kabul, la conferenza sull’insediamento afghano nel di formato di Mosca è prevista  “entro la fine di ottobre”. Sia il governo dell’Afghanistan che i rappresentanti dei talebani dovrebbero prenderne parte. Allo stesso tempo, la fiducia di Mosca nella sua capacità di portare la pace in Afghanistan rimane relativamente elevata.

Naturalmente, il futuro dipenderà da quale dei tentativi avrà più successo – la cui influenza prevarrà in questo paese dell’Asia centrale di importanza cruciale.

………………………………………………………………………………………………………………………………………….

di Martin Berger,  giornalista freelance e analista geopolitico, in esclusiva per la rivista online ” New Eastern Outlook. ”

fonte: https://journal-neo.org/2018/10/20/is-there-any-sort-of-future-for-afghanistan/