Amnesty: Le forze della coalizione a guida USA hanno violato la legge internazionale durante la liberazione di Mosul

Un volontario trasporta i corpi di civili uccisi in un raid aereo Usa a Mosul, in Iraq il 24 marzo 2017. (AP / Felipe Dana)

Un  nuovo rapporto  dal gruppo per i diritti umani Amnesty International ha criticato duramente le tattiche usate dalle forze irachene e da parte dei loro alleati (cioè gli Stati Uniti) nella liberazione della città  di Mosul, detenuta da ISIS. Amnesty International  ha denunciato che la coalizione ha palesemente violato il diritto internazionale ed ha usato eccessivamente la forza configurando i termini per una indagine per crimini di guerra.

Il rapporto è incentrato sul massiccio numero di vittime civili causato dagli attacchi. In particolare il numero delle vittime è particolarmente aumentato dal momento in cui la battaglia si è trasferita nella Mosul occidentale; in tale  occasione le forze irachene hanno regolarmente  utilizzato una inutile quantità di forza indiscriminata contro gli obiettivi  mettendo così i civili a rischio eccessivo.

Il direttore di Amnesty  Lynn Maalouf  ha sottolineato  che  ISIS ha usato scudi umani, ma che questo “non diminuisce l’obbligo da parte delle forze pro-governative di proteggere i civili”. Tale posizione è vera da un punto di vista giuridico, ma sembra essere in  contrasto con le dichiarazioni del Pentagono, che ha ripetutamente detto che gli episodi più gravi di morti civili avvenuti nei loro attacchi aerei , è colpa ISIS’. In effetti, la “Legge del Manuale di guerra” degli Stati Uniti ha lottato con questo problema  negli ultime revisioni.

I funzionari di Amnesty hanno criticato l’uso di armi  imprecise negli attacchi sulle parti densamente popolate di Mosul che erano note per essere pieno di civili .

Amnesty ha anche evidenziato il problema della drastica sotto-segnalazione di morti civili a Mosul, dicendo che sono 5.805 i civili  probabilmente uccisi in appena un arco di soli quattro mesi. Mentre il Pentagono ha affermato che i morti sono solo un paio di centinaia.

Naturalmente i funzionari del Pentagono sono stati  sprezzanti nelle loro relazioni. Il generale Stephen Townsend ha insistito sul fatto che  il report  è falso, e che Amnesty , in primo luogo ,   non è in “una posizione di autorità”  e quindi non ha diritto di fare tali dichiarazioni riguardo i crimini di guerra .

Townsend ha continuato a riecheggiare le solite pretese di “trattamento straordinario” per gli Stati Uniti, nonostante le evidenze di conteggio, vantandosi che a suo avviso la  guerra a Mosul è stata il più precisa mai, nella storia della razza umana.


 

Il post di Amnesty: US-Backed Coalizione violato il diritto internazionale nelle uccisioni Mosul è stato pubblicato su MintPress Notizie .

Fonte