“Ahrar al-Sham” e vari gruppi jihadisti si sono congratulati con Erdogan per la vittoria al referendum

Vari gruppi islamisti radicali  “Ahrar al-Sham” , Jaish al-Islam “, ” Failak al-Sham ‘e’ sultano Murad ‘si sono congratulati con Erdogan per la sua vittoria al referendum che amplia i suoi poteri presidenziali. Tra questi gruppi spicca il gruppo Ahrar al-Sham perché è il più numeroso (conta in Siria 20.000 uomini e possiede MRLS, artiglierie e carri armati). Il suo scopo dichiarato è  la sostituzione dello stato laico attuale con uno islamico. Tuttavia dice di voler tener conto degli orientamenti della popolazione il che tradotto significa che la cosa va fatta a piccoli passi una volta preso il potere.

Ahrar al-Sham ha uno stretto legame con la Turchia di Erdogan. Dopo il fallito colpo di stato questa milizia jihadista si è congratulata con il presidente turco per lo scampato pericolo. Le congratulazioni sono state ripetute ieri quando Erdogan ha vinto il referendum per accentrare ulteriormente i suoi poteri.

Di Ahrar al-Sham su internet sono apparsi 4 messaggi – due in turco e altri in arabo e in inglese.

Nei messaggi turchi, il gruppo Ahar al Sham ha scritto: “Ci congratuliamo con i nostri fratelli turchi per i risultati del referendum … Noi vediamo il nostro fratello presidente Tayyip Erdoğan come uno di quelli che lavora per la crescita della Turchia e dell’Islam e speriamo per lui successo …”


Anche “Jaish Islam (Esercito dell’Islam) che conta 12.000 uomini, ha rilasciato una dichiarazione dopo il referendum turco: “Ci congratuliamo con il popolo e il governo della Turchia”.
Stesso tenore ha avuto il senso del messaggio del gruppo Sultano Murad. Le dichiarazioni sono tutte visibili sui siti internet a loro vicini.

Ahmed Ramadan, il capo dell’ufficio stampa alla Coalizione Nazionale siriana (un’alleanza di gruppi armati di  opposizione sponsorizzata da Usa e UE), si è unita agli elogi: “Questa è una cosa positiva per l’opposizione siriana e la crisi siriana in generale. La Turchia continuerà a dare tutto il suo sostegno alla rivoluzione siriana, che è iniziata nel 2011”.

Non sono mancati dall’Egitto i complimenti dei Fratelli Musulmani che nel loro messaggio hanno parlato di avvenuta  “realizzazione democratica” della Turchia, aggiungendo che il referendum “aprirà la porta ad una nuova era” e “prospettive di rinascita globale”.

L’agenzia turca Anadolu riferisce inoltre che vari capi di Stato hanno fatto pervenire loro messaggi di congratulazioni . L’agenzia di stampa  cita  il presidente azero Ilham Aliyev , i capo della Palestina Mahmoud Abbas , il Presidente del Pakistan Mamnuma Hussein e l’emiro del Qatar Sceicco Tamim bin Hamad Al Thani.

L’episodio del giubilo in massa degli aggressori dello stato siriano dimostra l’acclarato legame tra la Turchia ed i vari gruppi islamisti che operano in Siria.

Post correlati

Nelle foreste della montagna Strandja, al confine bulgaro con la Turchia, un gruppo eterogeneo di volontari si addestra alla lotta per sorvegliare la frontiera. Fra loro ci sono i membri dell’Unione Militare dei Veterani Bulgari “Vasil Levski” e del movimento…