Acqua sporca nelle “guerre pulite” occidentali

Sono ‘inciampato’ in questo articolo del gennaio 2017 che affronta la distruzione delle infrastrutture nelle guerre umanitarie moderne. In particolare che in occasione delle operazioni militare delle guerre ‘umanitarie’ , sono state  massicciamente  e  intenzionalmente degradate le infrastrutture che forniscono acqua alla popolazione , creando o aggravando crisi umanitarie che hanno colpito milioni di civili. Un approfondimento da cui non si può prescindere per far fronte alla disinformazione imperante.

Vietato Parlare

(L’eau sale dans les « guerres propres » occidentales)

Di Maxime Chaix (fonte: The Club Mediapart )

Dall’Iraq alla Jugoslavia, dall’Afghanistan alla Libia, dallo Yemen alla Siria, le guerre aperte o segrete dell’Occidente hanno implicato il sistematico ricorso militare contro le infrastrutture che forniscono acqua potabile alla popolazione. Milioni di persone sono state colpite duramente. Quella che segue è un’immersione inquietante nei meandri delle “guerre pulite” delle potenze occidentali.

La strumentalizzazione dell’acqua nei conflitti armati è una tattica plurimillenaria. Secondo il geografo Philippe Boulanger,  fin dai tempi antichi , ”  la deviazione delle acque [è] raccomandato dalla stratega cinese Sun Tsu in  L’arte della guerra  (V °  sec. AC), o lo stratega Roman Frontin in  The Stratagems  ( I sec. DC)  “. Secondo lo storico Jean-Nicolas Corvisier, esiste  nell’antica Grecia  «  una certa consapevolezza di ciò che viene fatto e di ciò che non viene fatto durante i conflitti (…): non usare armi proibite; non avvelenare le acque; non privare una città d’acqua (…) Tuttavia, se queste pratiche sono riprovate, sono tutt’altro che sconosciute. Alcuni sono addirittura diventati comuni con il tempo. (…) D’altro canto, il divieto di avvelenare l’acqua è molto più rispettato   “. 2500 anni dopo, e nonostante lo sviluppo del  diritto internazionale umanitario  per un secolo e mezzo, l’uso di tattiche illegali che trasformano l’acqua in un’arma è una costante nelle guerre occidentali, che sono aperte (Iraq, Kosovo , Libia …) o clandestini ( Yemen ,  Siria …).

A settembre 2016, l’  Huffington Post ha  riferito  che ”  una stazione di pompaggio che riforniva di acqua i quartieri di East Aleppo detenuti dai ribelli [era stata distrutta dai bombardamenti  “ , aggiungendo che gli oppositori dell’élite di Bashar Assad aveva ”  risposto chiudendo una stazione che riforniva il resto della città, lasciando due milioni di persone senza accesso all’acqua pulita.  Un anno prima, in un  testo firmato  da cinque parlamentari francesi, il deputato siriano Boutros Merjaneh e il giornalista franco-libanese Nader Allouche hanno denunciato il fatto che ” i gruppi armati di Aleppo, che hanno preso possesso della stazione di pompaggio e dell’impianto di depurazione delle acque, [avevano] deciso di interrompere l’accesso a [questa risorsa vitale], che hanno intenzionalmente [privato] della popolazione di Aleppo, che ha ancora 2,5 milioni di abitanti.  Ricordando i ”  rapporti privilegiati della Francia con i belligeranti ei loro padrini  ” del Golfo, istigarono invano le autorità francesi ad opporsi a questa manovra delle milizie anti-Assad.

Dalla fine di dicembre, lo stesso processo di strumentalizzazione militare dell’acqua si è svolto nella regione di Damasco, con ogni campo che  incolpa l’altro di questa tragica situazione che colpisce circa 5 milioni di civili [ma lo scopo ed a chi ha portato nocumento, è chiaro ndr vietato parlare] . Come riportato dal sito web israeliano  YNetNews.com , sulla base dei rapporti di Reuters, ”  la fonte di Ain el-Fijé, che fornisce il 65% delle riserve idriche di Damasco, è stata bloccata dai ribelli; hanno anche riferito di aver contaminato l’acqua con carburante  ” , mentre gli oppositori di Bashar al-Assad hanno accusato l’esercito siriano di bombardare la stazione di pompaggio della città. Durante questo conflitto,  le milizie ribelli e le forze lealiste usato acqua potabile per destabilizzare il nemico, che ha colpito duramente la popolazione. Sapendo che lo stato francese e i suoi alleati sostengono l’opposizione anti-Assad, si sono astenuti dal protestare quando la ribellione ha impedito a milioni di persone di accedere all’acqua potabile, denunciando i crimini dell’esercito. Siriano e i suoi sostenitori. Alla luce della storia recente, questo compiacimento occidentale per tali metodi non è sorprendente, dal momento che i sistemi idrici nazionali sono stati  sistematicamente presi di mira  durante le ”  guerre pulite  ” delle potenze della NATO ( Golfo, Jugoslavia, Afghanistan, Libia) e nelle ”  guerre vergognose  ” in cui sono coinvolti clandestinamente ( Yemen , Siria ).

Jugoslavia, Afghanistan: guerre “pulite” e “umanitarie”?

Lanciata nel 1999, la guerra in Kosovo è la prima applicazione moderna del concetto di “guerra umanitaria”, altrimenti noto come ”  intervento umano  “. Ma, come ha  sottolineato l’  accademico Jean-Baptiste Jeangène Vilmer – che è comunque un difensore della dottrina della ”  Responsabilità di proteggere  ” (R2P) applicata in Libia -, ” la campagna aerea della NATO in Kosovo è stata un disastro umanitario. È ancora oggi uno dei casi più esemplari di violazione del principio di proporzionalità. La maggior parte delle purghe è iniziata dopo l’inizio del bombardamento, e c’è motivo di credere che le abbiano accelerate. Lo stesso Lord Carrington, ex ministro degli esteri britannico, segretario generale della NATO e presidente della Conferenza europea sulla Jugoslavia, pensa che gli attentati abbiano causato la pulizia etnica.  Meno noti al pubblico, altre conseguenze negative di questo intervento militare sono deplorare, e screditano la nozione orwelliana di ”  guerra pulita  ” resa popolare nel 1991, durante l’ operazione Desert Storm .

Nel gennaio 2001,  un rapporto  dell’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa ha criticato l’impatto ecologico di questa campagna della NATO in Serbia e Kosovo. Secondo questo documento, ”  Tra il 24 marzo e il 5 giugno 1999, 78 siti industriali e 42 impianti energetici in Jugoslavia sono stati danneggiati dai bombardamenti e dagli attacchi missilistici [che] hanno provocato una grave contaminazione aria, acqua e suolo da sostanze pericolose.  Questo impatto ambientale non era  limitato  alla Jugoslavia ” che ha acque sotterranee di importanza europea; la loro contaminazione può avere ripercussioni negative a grandi distanze dal territorio jugoslavo. La situazione è tanto più grave in quanto le capacità di autodepurazione delle acque sotterranee sono significativamente inferiori a quelle dei fiumi  “, secondo gli autori di questo rapporto, che ha anche sottolineato l’impatto negativo delle munizioni sull’acqua. uranio impoverito . Inoltre, la distruzione delle infrastrutture che forniscono elettricità o acqua potabile, come gli  impianti di trattamento delle acque reflue,  ha colpito in maniera massiccia i civili, gli scioperi volti a incoraggiare un rifiuto popolare di Slobodan Milosevic, allora Presidente della Repubblica Federale. della Jugoslavia. Affermando che queste operazioni hanno ridotto i serbi a ” uomini delle caverne  ” , il  New York Times ha  riferito  che”  dopo due mesi di bombardamenti, iniziati il ​​24 marzo [1999], una NATO che desiderava paralizzare lo sforzo bellico serbo ha attaccato [intensivamente] la rete elettrica di quel paese. paese, e le riserve idriche dipendenti dalle elettropompe in [soffrirono] considerevolmente. Le bombe altamente esplosive [hanno causato] danni permanenti a entrambi i sistemi.  ”

Due anni dopo, dopo l’11 settembre, ”  Tony Blair e George W. Bush  [hanno chiamato] per  la formazione di una coalizione umanitario-militare prima di attaccare l’Afghanistan  “. Le operazioni sono state avviate poche settimane dopo questi attacchi. All’epoca, l’infrastruttura che garantiva l’accesso all’acqua potabile in questo paese era anche presa di mira dagli aerei della coalizione occidentale, che includevano le reti e le installazioni elettriche che consentono ai civili di estrarre l’acqua dalle loro case. terra. Nell’autunno del 2001, il popolo afghano ha sofferto per  tre anni consecutivi  di siccità. Di conseguenza, la società di ricerche energetiche Frost & Sullivan ha  sottolineato che questi attacchi della NATO erano ”  di grande preoccupazione in termini di salute pubblica e igiene, poiché le città [ei villaggi in Afghanistan] avevano bisogno di elettricità per pompare acqua  “. Questo paese stava entrando nella sua terza decade di guerra ininterrotta, che aveva decaduto il sistema nazionale di risanamento e irrigazione. Sebbene non fossero all’origine, gli attentati occidentali in Afghanistan hanno aggravato una situazione già critica, poiché questo paese stava attraversando una crisi idrica che si è protratta fino ad ora.

Come ha  recentemente avvertito il  medico umanitario Teck Young Wee, ”  ovunque su questo pianeta, i bambini dovrebbero avere accesso all’acqua potabile. Ma in un Afghanistan “democratico”, che è sostenuto dalla comunità internazionale ed è il paese “più colpito dai droni”, Zuhair è solo uno del 73% dei cittadini afghani che non hanno accesso acqua potabile pulita. Qualcosa allora mi ha dato fastidio: dato che lo stato afghano e i governi alleati non sembrano davvero preoccupati di risolvere le cause alla radice di questa crisi idrica, della crisi ambientale e di molte altre [piaghe], cosa potremmo fare, [la mia ONG ] e me stesso? Pertanto, nonostante le decine di miliardi di dollari investiti dalla comunità internazionale per la ricostruzione di questo paese – una  parte considerevole della quale  è stata deviata per corruzione – l’accesso all’acqua potabile rimane un grave problema per la popolazione. tre quarti degli afghani.

A lungo termine, le tattiche contro i servizi igienico-sanitari e le infrastrutture di distribuzione idrica possono avere conseguenze disastrose per le popolazioni (malattie infettive, pandemie, tumori, carenze …). Tuttavia, considerando la mancanza di studi epidemiologici su questo argomento, è impossibile misurare l’impatto di queste politiche, che spesso sfuggono all’attenzione dei media. È quindi difficile aumentare la consapevolezza di questi metodi mortali e illegali. Secondo l’  articolo 54  del I Protocollo aggiuntivo alle Convenzioni di Ginevra del 1949, tali atti costituiscono crimini di guerra. In alcuni casi, possono anche essere considerati tattiche di genocidio se generano infliggere deliberatamente il gruppo a condizioni di vita intese a provocare la sua distruzione fisica  “sotto  l’articolo 2  della Convenzione sul genocidio, adottata dalle Nazioni Unite 1948. Dal momento che hanno indotto l’uso tattiche premeditati potabile privazione di acqua ha gravemente colpito diversi milioni di civili, vi spiegheremo come le guerre del Golfo, Libia e Yemen potevano entrare nel secondo caso Fig.

In Iraq, l’acqua è stata “un’arma di distruzione di massa” dal 1991

All’inizio del 1991, gli Stati Uniti, la Francia ei loro alleati hanno lanciato in Iraq ciò che è stato presentato dalla CNN e da altri media occidentali come una “guerra pulita”, ma che si è rivelato  molto più sporco  di non è stato descritto. All’epoca, le immagini dei pozzi di petrolio in fiamme segnarono l’opinione, e si ricorda che nel gennaio 1991 , ” Saddam Hussein [ordinò] la distruzione dei siti di sfruttamento del petrolio al fine di creare inquinamento marino, il malfunzionamento degli impianti di trattamento con acqua salata e gli ostacoli a un eventuale sbarco della coalizione. Le forze irachene hanno fatto saltare 60 pozzi petroliferi il 21 gennaio, poi fino a 613 (su 732 esplosioni) alla fine di febbraio, producendo un disastro ecologico equivalente a 12 volte (…) il disastro di Exxon Valdez in Alaska nel 1989 [, secondo il Pentagono]  “. Non menzionato nei media mainstream – a differenza del sabotaggio dell’esercito iracheno – un fatto storico ancora più inquietante sfugge alla memoria collettiva e scredita totalmente questa nozione di “guerra pulita”.

In effetti, secondo l’esperto britannico  Nafeez Ahmed , ”  le cifre delle Nazioni Unite mai messe in discussione mostrano che circa  1,7 milioni di civili iracheni sono morti a causa del [regime] delle sanzioni (…) imposto dall’Occidente [alla fine della Guerra del Golfo], quasi la metà dei quali erano bambini. Sembra che questa abbondanza di morti sia stata intenzionale. Tra i beni proibiti dalle sanzioni ONU, possiamo identificare le sostanze chimiche e le attrezzature essenziali per il funzionamento del sistema nazionale di trattamento delle acque dell’Iraq. Un documento segreto dell’Agenzia di intelligence militare del Pentagono (DIA) (…) è stato scoperto dal professor Thomas Nagy, che insegna alla Scuola di commercio della George Washington University. Secondo lui, questo documento costituisce “un piano di genocidio contro il popolo iracheno”.  “Ancora secondo Nafeez Ahmed”,  nel suo  articolo scientifico (…), la professoressa Nagy ha spiegato che questo documento della DIA ha rivelato, nei “minimi dettagli, un metodo pienamente operativo per” decostruire completamente l’intero sistema di trattamento delle acque della nazione “per un decennio. Pertanto, la politica delle sanzioni creerebbe “condizioni favorevoli per una vasta diffusione di malattie, tra cui epidemie su larga scala (…), liquidando così una grande porzione del popolo iracheno”. 

Altre fonti confermano questa politica genocida e  intenzionale , inclusa  la lettera  inviata nel maggio 2000 dal parlamentare americano Tony Hall al segretario di Stato Madeleine Albright. Come   questo rappresentante del Congresso era allarmato , ” Condivido la preoccupazione dell’UNICEF per il continuo deterioramento dei servizi igienici e dei sistemi di approvvigionamento idrico sulla salute dei bambini [iracheni]. Essendo la principale causa di morte tra i bambini sotto i cinque anni, le malattie diarroiche hanno raggiunto proporzioni epidemiche, colpendo quattro volte il numero di persone rispetto al 1990. Le restrizioni sui contratti di acqua e servizi igienico-sanitari sono l’igiene è la ragione numero uno per l’aumento della malattia e della morte. Dei 18 contratti in questione, il governo degli Stati Uniti ha imposto 17 divieti. (…) [la signora Albright] Vi imploro di riconsiderare la sua decisione [di vietare questi contratti] perché la malattia e la morte sono l’inevitabile conseguenza di non poter consumare acqua potabile, 

Quattro anni prima, nel maggio 1996, un giornalista del programma televisivo  60 Minutes  ha ricordato  il Segretario di Stato Madeleine Albright che la politica delle sanzioni imposte dalle potenze occidentali aveva ucciso ”  mezzo milione  ” di bambini iracheni 5 anni, secondo le  stime  dell’UNICEF. Visibilmente scioccato da queste cifre, lei gli ha chiesto se fosse “ne  vale la pena  “. Senza esitazione, il Segretario di Stato ha risposto affermativamente, di cosa si  pentirà anni dopo, ma senza negare questo pesante bilancio. In altre parole, Madeleine Albright ha riconosciuto e confermato la responsabilità centrale del governo degli Stati Uniti per ciò che costituisce un genocidio ai sensi del diritto penale internazionale. Dopo queste confessioni, nessun leader occidentale è stato preoccupato per questo crimine su vasta scala, e l’Iraq continua a precipitare  nel caos  dall’invasione illegale di quella nazione nel 2003. A quel tempo,  secondo il  Nuovo Yorker , i soldati americani scoperto un paese rotto dalle sanzioni. Le centrali elettriche erano vacillanti, i canali di irrigazione erano bloccati, i ponti e le strade stavano cadendo in rovina; la maggior parte dell’infrastruttura sembrava essere stata improvvisata. Il governo degli Stati Uniti ha poi speso miliardi di dollari per ricostruirli. 

Nonostante le enormi somme investite nella ricostruzione di questo paese, le condizioni di vita della maggioranza degli iracheni rimangono catastrofiche, soprattutto in termini di accesso all’acqua potabile. Secondo l’  ultimo rapporto annuale  dell’ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari (OCHA) sull’Iraq – che è stato pubblicato un anno prima dell’offensiva di Mosul – ” i bisogni umanitari [in questo paese] sono enormi e in costante crescita. L’accesso ai servizi sanitari essenziali è un bisogno immediato di 8,5 milioni di persone. In tutto il paese, 6,6 milioni di persone hanno urgente bisogno di accesso all’acqua, ai servizi igienici e all’igiene. (…) I sistemi di distribuzione idrica e fognaria sono in rovina, il che aumenta il rischio di gravi crisi di salute pubblica.  Da allora, secondo   le ultime stime dell’OCHA, le condizioni di vita della popolazione sono ulteriormente peggiorate, il che non ha impedito all’Iraq di diventare un importante  produttore ed esportatore  di petrolio. ”  Missione compiuta  “.

In Libia, quando la “guerra umanitaria” raduna la popolazione

Nel 2011, vent’anni dopo il lancio dell’operazione  Desert Storm , la NATO è intervenuta in Libia per conto della “Responsabilità di proteggere”. Quattro anni dopo, per citare di  nuovo  Nafeez Ahmed, ” molti commentatori parlano del peggioramento della crisi idrica in [questo paese], sapendo che i bisogni superano la produzione. Alcuni hanno sottolineato il contesto ambientale della scarsità d’acqua dovuto ai cambiamenti climatici. Tuttavia, hanno ignorato il fatto che [il Grande Fiume Artificiale (GRA),] il complesso sistema di irrigazione nazionale, pazientemente costruito e sviluppato per decenni per risolvere questo problema, è stato deliberatamente preso di mira e degradato dalla NATO. (…) A settembre [2011], (…) l’UNICEF ha riferito che la parziale distruzione del GRA ha lasciato 4 milioni di libici senza acqua potabile. [Nel 2016,] il GRA è ancora in cattive condizioni e la crisi idrica in Libia continua a peggiorare. “

Negli ultimi anni,  altri  esperti  hanno confermato una probabile intensificazione di questa crisi. Le ragioni che invocano per spiegarlo sono principalmente di natura naturale, come la  scarsità d’acqua  in questa regione desertica. Tuttavia, gli attacchi della NATO hanno  gravemente danneggiato  il sistema idrico nazionale in Libia, ritardando allo stesso tempo lo sviluppo del GRA. Nel 2016, sulla base   delle stime dell’OCHA, ” circa 680.000 persone [in questo paese] necessitavano di assistenza umanitaria per soddisfare i loro bisogni primari di acqua e servizi igienico-sanitari (…) Anche il trattamento delle acque reflue [era] di crescente preoccupazione, in particolare per richiedenti asilo e migranti.  Secondo l’esperto ambientale Kieran Cooke,  il sistema GRA  ”  potrebbe crollare se il caos in Libia continua – causando una cronica penuria di acqua potabile che colpirebbe milioni di persone  “.

Come è stato riportato  Bloomberg.com  maggio 2015, i problemi di accesso all’acqua in Libia sono a causa di interruzioni di corrente causate dal crollo del sistema elettrico nazionale ei continui scontri tra milizie rivali anche. Poiché la campagna della NATO ha  causato  questo caos della sicurezza e la parziale distruzione delle infrastrutture libiche, è stato un fattore centrale nel peggioramento della crisi idrica che minaccia il futuro del paese. Ovviamente, l’uso di questa tattica era intenzionale, poiché gli attacchi contro questa attrezzatura non costituivano in alcun modo sbavature, ma attacchi  pianificati e ipotizzati dallo staff della NATO. Nello Yemen, la ” coalizione araba ” utilizza metodi analoghi di distruzione deliberata dei servizi igienico-sanitari e delle infrastrutture di approvvigionamento idrico   . Sebbene centrale, tuttavia, il ruolo degli stati occidentali in queste operazioni non è sopportato, sapendo che questa guerra non può essere giustificata dalle  attraenti motivazioni umanitarie  che hanno legittimato l’intervento in Libia.

Nello Yemen, il disastro umanitario aggravato dalle potenze della NATO

Prima del conflitto tra la coalizione a guida saudita dei ribelli Houthi nel marzo 2015, lo Yemen era già tra le nazioni che si trovano di fronte alle più gravicarenze idriche  . Secondo alcuni esperti, le falde acquifere di questo paese potrebbero essere  esaurite quest’anno . In tale contesto, la guerra della “Coalizione araba” contro gli Houthi ha esacerbato una preesistente crisi umanitaria, con il sostegno decisivo ma riservato di almeno tre stati occidentali. In effetti, come  sottolineato Regis Soubrouillard nel mese di aprile 2015, il Pentagono, la Direzione dei servizi segreti militari (DRM) e la Dgse aiutare l’esercito saudita per pianificare il suo bombardamenti e selezionando i suoi obiettivi, compreso l’uso di informazioni satellitari. Nel maggio 2016,  a  Le Figaro , il giornalista Georges Malbrunot confermato coinvolgimento illegale di soldati francesi in questa guerra, un alto anonima che ha detto che la Francia è stata ”  Cobelligerante molto tranquillamente  “, fornendo ”  record oggettivi  ” o svolgere  missioni di ricognizione (…) non solo via satellite, ma anche con aerei “. Questo decisivo ruolo operativo delle forze francesi è sconosciuto, perché solo una manciata di giornalisti lo ha riferito. D’altra parte, il coinvolgimento diretto  degli Stati Uniti e della Gran Bretagna  in questo conflitto è meglio coperto dalla stampa anglosassone e non si limita alle  vendite di armi . In effetti, gli ufficiali militari di entrambi i paesi aiutano anche i loro alleati locali a pianificare e condurre le loro operazioni. La “coalizione araba” è quindi un’espressione che maschera, intenzionalmente o meno, il ruolo principale dei governi americano, francese e britannico in questa offensiva con disastrose conseguenze umanitarie – soprattutto in termini di accesso all’acqua potabile.

Come  riportato da  Amnesty International lo scorso febbraio, ”  sono stato testimone di ciò che gli yemeniti sopportano – vedi corpi prelevati dalle macerie di Sanaa o resti umani tra le macerie disseminate nel sito di un impianto di trattamento mirato. da un attacco aereo a Hajja   “. Nel gennaio 2016, l’UNICEF ha  spiegato  che “i  bambini rappresentano almeno la metà dei 2,3 milioni di sfollati interni, e almeno la metà dei 19 milioni di persone che lottano ogni giorno per trovare acqua potabile; (…) I servizi sanitari, idrici e igienico-sanitari sono stati decimati e non possono soddisfare i bisogni sempre crescenti di una popolazione disperata. Così, milioni di civili yemeniti stanno subendo le conseguenze del massiccio bombardamento di infrastrutture civili da parte della “Coalizione araba”. Queste operazioni aggravano la  mancanza cronica di acqua potabile , che favorisce l’emergere o la diffusione di epidemie di  malattie diarroiche  e di  colera . In altre parole, i leader occidentali che hanno deciso di sostenere segretamente questa offensiva sono  legalmente corresponsabili  del peggioramento di un disastro umanitario nella nazione più povera del Medio Oriente. In effetti, queste operazioni limitano gravemente l’accesso all’acqua potabile in un paese che già sta vivendo difficoltà strutturali in questo settore, per non parlare delle carenze alimentari causate da il bombardamento  delle infrastrutture agroalimentari e  il blocco  imposto dalla “coalizione araba”.

In “guerre pulite”, milioni di malati e sete

Nei paesi della NATO, la guerra nello Yemen è al  secondo posto . Tuttavia, l’oltraggio politico e mediatico è stato fortemente concentrato su Aleppo Orientale, che è paradossale in quanto la ripresa di queste aree da parte delle forze siriane e dei loro alleati è una  importante sconfitta militare  di al-Qaeda. A Mosul, lo stesso obiettivo è cercato dalla coalizione guidata dagli Stati Uniti, ma l’offensiva contro Daesh è  ”  calpestata ” ei civili stanno pagando  un prezzo pesante in questa operazione, che potrebbe durare  diversi mesi . In questo contesto orwelliano – dove i jihadisti sono descritti come ”  moderati  ” o ” estremisti”  Nonostante la loro  comune ideologia  , le opinioni occidentali sono indignate per gli abusi di Bashar al-Assad e dei suoi sostenitori, ma sono in gran parte inconsapevoli del coinvolgimento dei rispettivi governi in ciò che potrebbe costituire guerra, persino genocidio, nello Yemen e altri conflitti studiati attraverso questo articolo.

Segretamente impegnate in guerre vergognose nel Levante e nella penisola arabica, le potenze della NATO hanno sostenuto una  coalizione araba  e  mercenari salafiti  notoriamente insensibili alle Convenzioni di Ginevra e ai diritti umani. Tra le altre azioni di barbarie, queste forze sunnite hanno impedito a milioni di persone di accedere all’acqua potabile. Più in generale, dal 1991, gli stati occidentali hanno dichiarato di condurre “guerre pulite” in Iraq, Jugoslavia, Afghanistan e Libia. Durante queste operazioni, le infrastrutture che forniscono acqua alla popolazione sono state  massicciamente  e  intenzionalmente degradate, creando o aggravando crisi umanitarie che hanno colpito milioni di civili. E come abbiamo sottolineato, la carenza di acqua corrente è solo uno degli innumerevoli fardelli imposti al popolo ” liberato  ” da queste offensive. Di conseguenza, e nonostante i  gravi rischi  posti dalla sua presidenza, è piuttosto rassicurante che Donald Trump respinga le   politiche di ” cambio di regime “, che sono fuori controllo dall’11 settembre, e che hanno causato la maggior parte dei disastri descritto in questo articolo. Tuttavia, in vista della sua  aperta ostilità  nei confronti della Cina, i  generali dell’ex guerrafondaio  chi dominerà la sua squadra di sicurezza nazionale, e la sua volontà di rafforzare la guerra contro Daesh rilassando le  regole di ingaggio  a danno dei civili, temperare il nostro ottimismo e tenere a mente che le promesse sono vincolanti solo per coloro che riceverli.

qui, lo stesso articolo in lingua originale francese: http://www.vietatoparlare.it/leau-sale-dans-les-guerres-propres-occidentales/

Print Friendly, PDF & Email