Come sostenere l’economia nazionale? Ex gen USA Petreus “le guerre hanno bisogno di grandi risorse”

Dalla sua costituzione, l’esercito americano ha subito diverse trasformazioni per rispondere attivamente alle mutevoli minacce alla sicurezza e ha dimostrato caratteristiche diverse in momenti diversi. La proposta di costruzione dell’esercito degli Stati Uniti per preparare la futura “Grande Guerra” è un piano avanzato per spostare l’obiettivo dall’attuale campagna antiterrorismo alla competizione diretta con le Grandi Potenze e stati. Copre tutti i livelli di guerra da tattiche, battaglie e strategie, sottolineando che le guerre future non dovrebbero solo vincere battaglie, ma anche utilizzare tutti gli elementi del potere nazionale per trasformare i risultati militari in conquiste politiche durature e favorevoli.

La proposta del concetto operativo “Grande Guerra” non è solo un riflesso della passata esperienza di guerra anti-terrorismo, ma anche una prospettiva per le future idee di costruzione militare, e mostra gli obiettivi strategici che l’Esercito americano dovrebbe perseguire in almeno tre decenni.

Quindi con l’aggiustamento del focus strategico, gli Stati Uniti iniziano a spostare la principale minaccia alla sicurezza dal terrorismo alla concorrenza con grandi paesi. All’uopo sono già stati redatti parecchi documenti, il primo dei quali è il il “Rapporto National Security Strategy” del 2017. L’articolo che segue conferma il cambiamento di prospettiva per l’esercito americano nel prossimo futuro, funzionale alla macchina militare-industriale ed agli interessi geostrategici del paese.

Vietato Parlare

L’America va alla guerra

Combattere contemporaneamente Russia, Cina e al-Qaeda richiede più denaro

di PHILIP GIRALD – 6 nov 2018 – Fonte Unz.com.

Alcuni credono che la Guerra Fredda sia terminata nel 1991, quando l’Unione Sovietica si disgregò. In retrospettiva, molti osservatori ritengono inoltre che sia mancata un’occasione d’oro per sanare le ferite inflitte da oltre 45 anni all’ostilità tra Washington e Mosca. Piuttosto che incoraggiare lo sviluppo di una Russia che aderiresse alle norme dell’Europa occidentale per le elezioni, la trasparenza e le libertà individuali, alcune in Europa e in America cercarono invece di rubare le risorse naturali e altri beni del paese, un processo che andò avanti per alcuni anni sotto il presidente Boris Eltsin. Il saccheggio è andato di pari passo con movimenti politici particolarmente inetti da parte del presidente Bill Clinton, che ignorò la fine degli accordi della Guerra Fredda per non usare la disgregazione dell’Unione Sovietica come una scusa per portare i suoi ex Stati membri nell’Europa orientale nella NATO o in qualsiasi altra alleanza militare ostile alla Russia. Il processo di espansione della NATO continua ancora oggi, insieme con le manovre militari e il posizionamento di nuovi sistemi missilistici lungo il confine russo, aumentando la giustificabile paranoia di Mosca sulla sua sicurezza.

Le mosse militari sono state accompagnate da un profondo congelamento politico, particolarmente ironico come il presidente Donald Trump durante la sua campagna elettorale impegnata a migliorare i rapporti con la Russia. Ora sono al loro più basso riflusso dai giorni più caldi della Guerra Fredda, compreso il fatto che sanzionano totalmente i funzionari governativi russi con il malevolo Magnitsky Act e la saga di Russiagate, che incolpa Mosca per le interferenze nelle elezioni americane del 2016 , finora senza alcuna prova reale fornita.

Per quelli che pensano che tutto questo sia teatro, ripensateci. Alcuni critici stanno iniziando a riconoscere che gli Stati Uniti sono diventati un paese dipendente dalla guerra e non c’è bisogno di guardare oltre il bilancio federale, dove tutto viene tagliato tranne la spesa militare, che è destinata ad aumentare anche se non esiste un paese o un gruppo dei paesi del mondo che minacciano veramente gli Stati Uniti.

Due storie recenti, in particolare, dimostrano quanto Washington sia andato lontano ad accettare che la guerra sia diventata più o meno una condizione naturale per gli Stati Uniti d’America. Il primo è un articolo ” Dopo anni di combattimenti contro le insurrezioni, l’esercito punta all’addestramento per una grande guerra” che è stato ampiamente ignorato, riguardo a come l’esercito statunitense sta cambiando la sua dottrina e addestramento per consentirgli di combattere una grande guerra contro un potente avversario nazionale. In precedenza, le forze armate stavano enfatizzando il contrasto agli agenti ostili non governativi come al-Qaeda e ISIS, la cosiddetta dottrina contro-insurrezione o COIN. Secondo i portavoce del Pentagono, lo spostamento è in riconoscimento del fatto che all’orizzonte i grandi conflitti non sono più impensabili come una volta.

Secondo l’articolo, i comandanti statunitensi stanno ora iniziando a sottolineare il tipo di addestramento prevalente durante la Guerra Fredda, i carri armati contro i carri armati, i bombardamenti di artiglieria e l’uso di un supporto aereo ravvicinato. Il cambiamento di dottrina deriva dalla valutazione della strategia nazionale di difesa del 2018, che ha identificato quattro attori nazionali che potrebbero entrare in guerra con gli Stati Uniti. Sono le maggiori potenze della Russia e della Cina, integrate dalla Corea del Nord nucleare e dall’Iran armato convenzionalmente .

La transizione è stata discussa da ex e dagli attuali alti ufficiali alla recente riunione annuale dell’Associazione dell’Esercito degli Stati Uniti, con particolare preoccupazione per il fatto che le “lezioni apprese” degli ultimi diciassette anni di guerra insurrezionale non dovranno essere perse quando l’esercito ritornerà ad un modello più convenzionale . C’era anche la preoccupazione che l’esercito non disponga di risorse sufficienti per continuare a combattere le insurrezioni mentre assume anche una importante componente convenzionale. Alcuni ufficiali credevano che l’esercito potesse gestire entrambi gli impegni contemporaneamente, ma altri non ne erano così sicuri, osservando che uno ha davvero bisogno di due distinti eserciti, uno addestrato per la guerra convenzionale e l’altro addestrato per operazioni di insurrezione, che sono molto più probabilmente sono più difficili da gestire.

Il generale Stephen Townsend, capo del Comando di addestramento e dottrina dell’esercito, ha spiegato che “il futuro della guerra sarà una minaccia ibrida. Ci sarà tutto, dai carri armati, ai missili e ai cacciabombardieri fino alle bande criminali, ai terroristi, ai kamikaze e alle cellule della guerriglia. … Dovremo fare tutto questo, l’intero spettro del conflitto “.

Il generale David Petraeus, il “modello stesso di un generale moderno”, cioè uno che non ha mai realmente sperimentato il combattimento, ha messo il dito sul perché ora si sta verificando il cambiamento della guerra convenzionale. Si tratta di soldi, o come dice lui, “si tratta di ottenere risorse. E le grandi guerre ti procurano grandi risorse. ”

Il generale in pensione Guy Swan ha spiegato la sfida per l’esercito in termini militari, citando la carriera di suo figlio, un primo tenente che West Point ha prodotto “… che non è schierato in Afghanistan o in Iraq, e quello che sta facendo è studiare la lotta anticarro. È concentrato su russi e altri concorrenti di fascia alta “.

Tra il commento di Petraeus sulle “grandi” risorse e quello di Swan sui nemici da uccidere come “concorrenti di alta gamma”, si potrebbe benissimo cominciare a capire che cosa sia la rigida struttura odierna della difesa. Più gergo di denaro e business school per eufemizzare guerre e omicidi, con scarso riguardo per le possibili conseguenze, incluso il possesso di armi nucleari da parte dei concorrenti e la possibilità di consegnarle sul bersaglio. La Russia ha già avvertito che se fosse stata attaccata da una forza superiore (la NATO) avrebbe usato armi nucleari tattiche come prima risorsa per difendersi. Così tanto per l’apprendimento del tank tank [Tanky-Tank è un gioco di combattimento tank in stile arcade – NDR Vietato Parlare].
Il secondo articolo, anche poco commentato, ha chiarito che l’esercito “competitivo” che si sta ora evolvendo non sarà solo un bel giocattolo seduto su una mensola inutilizzata. L’ex comandante degli Stati Uniti in Europa dal tenore generale in pensione 2014-7 Ben Hodges ha parlato al Forum sulla sicurezza di Varsavia il 24 ottobre, dove ha detto agli alleati della NATO che avrebbero dovuto aumentare le spese per la difesa perché gli Stati Uniti non sarebbero stati in grado di proteggerli contro una “rinascita della Russia” mentre combatte la Cina. Ha predetto che gli Stati Uniti saranno probabilmente in guerra con la Cina entro 15 anni per proteggere i suoi interessi nella regione del Pacifico.

Hodges ha citato le crescenti tensioni tra Washington e Pechino nel Mar Cinese Meridionale, il presunto “furto costante [della] tecnologia cinese” e l’acquisto di infrastrutture in Africa, America Latina e Europa, perfettamente legali, attraverso il finanziamento e l’investimento in progetti. Non si faceva menzione della Cina che minacciava realmente gli Stati Uniti e quelli erano presumibilmente le ragioni di Hodges per andare in guerra contro una potente nazione dotata di armi nucleari.

Hodges è attualmente un esperto strategico del Centre for European Policy Analysis ,  un think tank con base a Washington fortemente finanziato da globalisti, governi della NATO e promotori della democrazia. Tra i sostenitori ci sono il National Endowment for Democracy, la missione USA alla NATO, la Divisione diplomazia pubblica della NATO, il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, il Dipartimento di Stato americano, la Lockheed Martin Corporation, la Raytheon Company, l’Agenzia europea per la difesa, la Chevron Corporation, Bell Helicopter, Textron Systems e BAE Systems. Oh sì, e anche il neocon pesante degli Stati Uniti Institute of Peace. Gli “esperti” e il personale del Centro sono i massimi esponenti dell’Europa dell’Est che si concentrano sulla minaccia proveniente dalla Russia, così come l’istituto. Le donazioni al Centro sono totalmente deducibili dalle tasse dall’IRS.

L’orrore dei due articoli dovrebbe essere evidente. L’esercito è solo la “sotto-risorsa” se si considera il suo ruolo appropriato è essere continuamente in lotta con i paesi in Asia e in Europa che non rappresentano una minaccia per gli Stati Uniti. E la realtà è che non c’è motivo per cui la Cina e la Russia siano viste come minacce. Si stanno trasformando in nemici solo a causa delle azioni degli Stati Uniti nella loro politica interna, per includere l’espansione della NATO e per altre provocazioni in Medio Oriente. Per quanto riguarda la Cina, gli Stati Uniti credono chiaramente di avere diritto a una sfera di influenza che includa l’intero Oceano Pacifico, mentre la Cina non può affermare di avere interessi a portata di mano nel Mar Cinese Meridionale.

E poi c’è il generale strigoviano Hodges e il suo think tank per la guerra pro-bellica. Mi chiedo quanto viene pagato per essere un portavoce affidabile per un’aggressione continua? Egli “predice” la guerra con la Cina entro 15 anni. E quali sono i problemi per ciò che giustificherebbe il rischio di una guerra nucleare? La Cina ruba tecnologia e protegge i suoi interessi locali in Asia. E investire nel terzo mondo per acquisire l’accesso alle risorse, che è esattamente ciò che gli Stati Uniti e gli europei hanno fatto a loro vantaggio per molti, molti anni. Smedley Butler una volta ha affermato che “la guerra è un racket”. Se fosse in giro oggi probabilmente direbbe che è in realtà un business a basso rischio ad alto costo progettato per mantenere “eroi” come Petraeus, Swan, Townsend e Hodges pienamente impiegati .

Philip M. Giraldi, Ph.D., è il direttore esecutivo del Consiglio per l’interesse nazionale, una fondazione educativa deducibile dalle tasse 501 (c) 3 che cerca una politica estera degli Stati Uniti più basata sugli interessi in Medio Oriente. Il sito Web è www.councilforthenationalinterest.org, l’ indirizzo è PO Box 2157, Purcellville VA 20134 e la sua email è inform@cnionline.org.

Fonte Unz.com.

JOIN THE DISCUSSION

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.